Don Luigi Bosio
Fine Menù
In nocte Nativitatis Domini ...

 

  • File allegato
  • Stampa
In nocte Nativitatis Domini 1961

Cantico dei Cantici - Capo 2

 

v.4.  INTRODUXIT ME REX IN CELLARIA SUA: ORDINAVIT IN ME CARITATEM.

 

IL RE M'HA CONDOTTO NELLA DISPENSA DEL VINO:

HA ORDINATO IN ME LA CARITÀ.

 

Siamo nell'estasi del Cantico, velato dall'ombra antica.

Nella santa letizia di questa Notte, lo pronunciamo nella piena luce.

Mentre Lui s'avvicina dai monti eterni. Quando il tempo non conta più, e mille anni sono come il giorno di ieri, appena trascorso.

È l'invito nuziale alla mensa dell'Incarnazione: il talamo castissimo è il Verbo fatto carne, l'Unigenito che vagisce nel Presepio; oppure l'Altare Eucaristico, irrigato di sangue, e chiuso in un austero silenzio. È un altissimo mistero, un magnifico sacramento.

Nell'umilissima preghiera deve echeggiare solo la voce di Dio.

 

IL RE M'HA INTRODOTTO NELLA CELLA DEL VINO: HA ORDINATO IN ME LA CARITÀ 

 

Chi è questo Re?

Chi introduce?

Cos'è questa cella vinaria? Chi vi potrà entrare, se il Re stesso non lo introduce?

Chi potrà muovere un passo, ed aspirare ad un bene così grande?

È lo sposo, che introduce la Sposa nella dispensa del vino, cioè nei segreti più santi dell'amore; un amore veemente fino all'ebbrezza.

L'ebbrezza dell'Incarnazione.

Della Pentecoste.

Del Calice Eucaristico.

 

HA SPIEGATO SOPRA DI ME IL VESSILLO DELL'AMORE

 

Come a dire: Dio è la mia bandiera  (Esodo 17,15).

M'ha introdotto nella sala del festino, e la sua armata, scagliata contro di me, fu l'amore.

Devo cedere, dunque!

Un esercito è schierato davanti a me; mi sono arruolato in una guerra d'amore.

Di fronte a me: l'armata del divino amore.

Il divino amore, armato contro di me.

Contro di me? No, ma a mio scudo, in mia difesa.

«Apprehende arma et scutum, et exurge in adjutorium mihi»  (Ps. 44,2).

Magnum spettaculum, videre Deum armatum pro te!  (Aug.).

Armato, fino a che punto?

Due spade acutissime, impugnate a tutta forza dal Principe della pace, una Mangiatoia e una Croce!

O mio Dio, ch'io non resista!

 

M'HA INTRODOTTO NELLA DISPENSA DEL VINO,

PONENDO UN ORDINE PERFETTO ALLA CARITÀ 

 

Infatti «la carità - dice Agostino - è l'ordine dell'amore».

L'amore è nell'ordine, quando è soffuso di carità, se sgorga dalla divina carità.

Se la scienza non è carità, finisce nel rumore cupo d'un pezzo di bronzo, o nello strepito assordandante d'un cembalo, o nella rovina d'intere città e nazioni.

Se lo zelo non è carità, finisce nel nulla. «Poiché senza di me, nulla potete fare». Se l'affanno per il prossimo non è carità, mi riducessi per lui anche alla miseria e mi convertissi in un rogo, tutto ciò nulla mi giova.

 

HO POSTO IN ORDINE LA MIA CARITÀ 

 

Devo ricominciare ogni giorno dalla mia Santa Messa.

Dalla Messa e dall'Altare, la mia sete di sangue, la mia ebbrezza d'amore per la fecondità del sacro Ministero.

«L'Altare, l'Altare, diletti figli, è il punto d'attrazione degli occhi e del cuore. Esso conclama la raffigurazione caratteristica della nostra vita, e di là si dipartono le occupazioni precipue del Sacerdote»  (Giovanni XXIII ai sacerdoti - 24.11.60).

Tante cose buone, nella dolce disciplina dell'apostolato, le potete fare voi.

Le devono fare i buoni laici., i laici santi. A me voi chiedete il merito dell'ubbidienza, perché tutto si muova nella direzione della carità.

Ma io devo ricominciare ogni giorno dalla mia S. Messa.

Dovrebbe essere così anche per voi, nelle delizie della Liturgia.

«La carità è l'amore in ordine».

Le cose terrene per le celesti.

Tutto ciò che passa, per l'eternità.

Le persone care per Colui che è infinitamente Caro: la stessa Carità.

Il silenzio più della parola.

La sofferenza più della gioia.

La morte più dell'intero mondo, dimentico di Dio.

 

HA ORDINATO IN ME LA CARITÀ 

 

Anche nello zelo per la sua Casa.

Voi sapete con quale trepidazione si sono mossi i nostri passi: dal Ciborio al Battistero; dalla Divina Maternità al Confermatorio; dalla cappella del silenzio all'armonia delle vòlte, dai lampadari alle vetrate.

Dall'Altare alla Fonte; dalla Mediatrice d'ogni grazia alla virtù eroica; dal silenzio al purissimo canto.

Dalla pietà della Chiesa alla devozione intima di ciascuno; dalle feste particolari alla grande solennità domenicale, genuina rivelazione della Comunità cristiana.

 

*     *     *

 

Ora vi faccio dono d'una pagina stupenda di S. Agostino, tolta dal suo commento al salmo 44.6. Si Tratta di un discorso al popolo.

[…]

 

La tua parola , o Dio, costa una fatica immensa.

Né la mia penna, né la mia lingua sono spedite.

Ti siano rese grazie nell'Unico tuo Verbo, in cui tutto può essere detto.

Come nel silenzio eterno.

Come nella contemplazione silenziosa della Vergine Madre e del castissimo Giusto. Ritornerò al Cantico, traducendo così: IL RE M'HA CONDOTTO NELLA CELLA DELL'AMORE; in questa cella segretissima ha dato ordine, che regni solo il silenzio.

 

 

Don Luigi Bosio, In nocte Nativitatis Domini 1961, «Cittadella Cristiana», Dicembre 1961, Anno XII, N. 139.

 

 

*     *     *

 

 

IN PSALMUM 44

 

ENARRATIO

Sermo

 

 

Quem delectat imitari puerum, non delectet imperitia, sed innocentia.

 

1.[v 1.] Hunc psalmum sicut vobiscum cum exsultatione cantavimus, ita nobiscum cum attentione consideretis peto. Cantatur enim de sanctis nuptiis, de sponso et sponsa, de rege et plebe, de Salvatore et de his qui salvandi sunt. Qui cum veste nuptiali venit ad nuptias, gloriam quaerens sponsi, non suam, non solum libenter audit, quod solet esse etiam hominum spectacula quaerentium, non facta exhibentium; sed etiam mandat cordi, quod non ibi vacet, sed germinet, erumpat, crescat, perficiatur, assumatur. Oportet enim nos esse, quibus hoc cantetur, filios Core, quod habet titulus psalmi. Erant enim isti quidam homines: verumtamen omnis inscriptio Litterarum divinarum aliquid innuit intellegentibus, et non tantum auditorem, verum etiam cognitorem desiderat. Interrogamus enim vim hebraici verbi, quid sit Core: et, sicut se interpretationes habent omnium verborum in Scriptura positorum, renuntiatur nobis, filios Core interpretari filios Calvi. Quod nomen non ad irrisionem accipiatis, ne inveniamur in sensu puerili, quales pueros legimus in libro Regnorum, insultantes Elisaeo sancto prophetae, et clamantes post ipsum: Ascende calve, ascende calve.Tales enim pueros stulte garrulos, et in suam perniciem maledicentes, exeuntes de silva bestiae comederunt  1. Hoc scriptum est, et ubi sit scriptum commemoravimus: qui meminerunt, recognoscant; qui non meminerunt, legant; qui non legerunt, credant. Quod ergo illud factum figuravit in futurum, non nos debet apprehendere. Significati sunt enim in illis pueris stulti homines, habentes ignorantiae sensum; quales nos non vult esse Apostolus, ubi dicit: Nolite pueri esse mentibus  2. Et quia Dominus invitaverat nos ad imitationem puerorum, quando ante se parvulum posuit, et ait: Nisi quis fuerit ut puer iste, non intrabit in regnum coelorum  3; ibi quoque Apostolus cautus, ubi revocat a mente puerili, vocat rursus ad imitationem puerilem: Nolite, inquit, pueri effici mentibus, sed malitia parvuli estote, ut mentibus perfecti sitis  4. Quem delectat imitari puerum, non delectet imperitia, sed innocentia. Illi vero ex imperitia insultabant sancto Dei calvo, et clamabant post eum: Calve, calve. Factum est ut a bestiis consumerentur: et figuraverunt homines in eadem mente puerili stulte irridentes quemdam calvum; quia in Calvariae loco crucifixus est. Possessi sunt ergo tales velut a bestiis, hoc est a daemonibus, a diabolo et angelis eius, qui operatur in filiis diffidentiae. Tales pueri erant, qui ante sacratum lignum stantes caput agitabant, et dicebant: Si filius Dei est, descendat de cruce  5. Huius nos filii sumus, quia filii sponsi sumus  6: et nobis inscriptus est psalmus iste, cuius titulus dicitur:Filiis Core, pro his quaecommutabuntur.

 

 
Unusquisque nostrum ex vetere homine in novum mutatur: ex infideli fidelis... fit.

 

2.Quid ego exponam quid sit,pro his quae commutabuntur? Quid ego dicam? Hoc omnis mutatus agnoscit. Qui audit haec,Pro his quae commutabuntur,videat quid erat, et quid nunc sit. Et primo ipsum mundum videat commutatum; nuper adorantem idola, modo adorantem Deum; nuper servientem iis quae fecit, modo ei a quo factus est.Pro his quae commutabuntur,videte quando dictum sit. Modo iam residui Pagani mutata expavescunt: et qui nolunt mutari, vident refertas ecclesias, templa deserta; hac celebritatem, ibi solitudinem. Mirantur mutata, legant praedicta: aurem accommodent promissori, credant exhibitori. Sed et unusquisque nostrum, fratres, ex vetere homine in novum mutatur; ex infideli fidelis fit, ex raptore largitor, castus ex adultero, beneficus ex malefico. Ergo cantetur nobis,Pro his quae commutabuntur: et sic incipiat describi, per quem commutata sunt.

 

 

Sponsus Christus, sponsa Ecclesia est.

 

3.Sequitur enim: Pro his quae commutabuntur, filiis Core, in intellectum, Canticum pro dilecto.Nam dilectus ille visus est a persecutoribus suis, sed non in intellectum. Si enim cognovissent, nunquam Dominum gloriae crucifixissent  7. Ad hunc intellectum oculos alios quaerebat ipse, cum diceret: Qui me videt, videt et Patrem  8. Sonet eum iam psalmus: gaudeamus in nuptiis, et nos erimus cum iis qui fiunt nuptiae qui invitantur ad nuptias; et ipsi invitati sponsa est. Etenim sponsa Ecclesia est, sponsus Christus. Solent dici ab scholasticis carmina quaedam uxores ducentibus et nubentibus, quae vocantur epithalamia; quidquid ibi cantatur, ad honorem cantatur sponsi et sponsae: an forte et in nuptiis istis, quo invitati sumus, thalamus non est? Et unde dicit alius psalmus: In sole posuit tabernaculum suum, et ipse tamquam sponsus procedens de thalamo suo  9? Coniunctio nuptialis, Verbum et caro: huius coniunctionis thalamus, virginis uterus. Etenim caro ipsa Verbo est coniuncta: unde etiam dicitur: Iam non duo, sed una caro  10. Assumpta est Ecclesia ex genere humano, ut caput esset Ecclesiae ipsa caro Verbo coniuncta, et caeteri credentes membra essent illius capitis. Nam vis videre quis venerit ad nuptias? In principio erat Verbum, et Verbum erat apud Deum, et Deus erat Verbum  11. Gaudeat sponsa amata a Deo. Quando amata? Dum adhuc foeda. Omnes enim peccaverunt, ait Apostolus, et egent gloria Dei  12. Et iterum: Etenim Christus pro impiis mortuus est  13. Amata est foeda, ne remaneret foeda. Non enim vere foeda amata est, quia non foeditas amata est: nam si hoc amaret, hoc servaret: evertit foeditatem, formavit pulchritudinem. Ad qualem venit, et qualem fecit? Veniat iam ipse in verbis propheticis; ecce ipse sponsus procedat nobis: amemus illum; aut si invenerimus in eo aliquid foedi, non amemus. Ecce ipse invenit multa foeda, et amavit nos: si aliquid foedi invenerimus in eo, non amemus. Quia et hoc ipsum quod carnem indutus est, ut de illo etiam diceretur. Vidimus eum, et non habebat speciem neque decorem  14; si consideres misericordiam qua factus est, et ibi pulcher est. Sed Iudaeorum personam gerebat propheta, cum diceret: Vidimus eum, et non habebat speciem neque decorem. Quare? Quia non in intellectum. Intellegentibus autem, et Verbum caro factum est  15, magna pulchritudo est. Mihi autem absit gloriari, dixit unus amicorum sponsi, nisi in cruce Domini nostri Iesu Christi  16. Parum est ut non inde erubescas, nisi etiam et glorieris. Quare ergo non habuit speciem neque decorem? Quia Christus crucifixus, Iudaeis quidem scandalum, Gentibus stultitia. Quare autem et in cruce habuit decorem? Quia quod stultum est Dei, sapientius est quam homines; et quod infirmum est Dei, fortius est quam homines  17. Nobis ergo iam credentibus, ubique sponsus pulcher occurrat. Pulcher Deus, Verbum apud Deum: pulcher in utero virginis, ubi non amisit divinitatem, et sumpsit humanitatem: pulcher natus infans Verbum; quia et cum esset infans, cum sugeret, cum manibus portaretur, coeli locuti sunt, Angeli laudes dixerunt, Magos stella direxit, adoratus est in praesepi, cibaria mansuetorum  18. Pulcher ergo in coelo, pulcher in terra; pulcher in utero, pulcher in manibus parentum; pulcher in miraculis, pulcher in flagellis; pulcher invitans ad vitam, pulcher non curans mortem; pulcher deponens animam, pulcher recipiens; pulcher in ligno, pulcher in sepulcro, pulcher in coelo. In intellectum audite Canticum, neque oculos vestros a splendore pulchritudinis illius avertat carnis infirmitas. Summa et vera pulchritudo iustitia est: ibi illum non videbis pulchrum, ubi deprehendis iniustum: si ubique iustus, ubique decorus. Veniat ergo nobis inspiciendus oculis mentis, descriptus a quodam laudatore suo propheta: ecce incipit.

 

 

De Verbo Dei, per quod facta sunt omnia.
 

4.[v 2.] Eructavit cor meum verbum bonum.Quis dicit, Pater, an Propheta? Intellexerunt enim quidam Patris personam dicentis: Eructavit cor meum verbum bonum,commendantis nobis nativitatem quamdam ineffabilem. Ne forte putares aliquid assumptum, unde Filium generaret Deus; quemadmodum homo sibi assumit aliquid unde generet filios, coniugium scilicet, sine quo prolem procreare homo non potest: ne igitur putares aliquo coniugio indiguisse Deum, unde Filium generaret: Eructavit,inquit, cor meum verbum bonum.Hodie cor tuum, o homo, generat consilium, nec quaerit uxorem: per consilium natum ex corde tuo aedificas aliquid; et illa fabrica, antequam stet in opere, stat in consilio; et inest iam quod facturus es, in eo per quod facturus es: et laudas fabricam nondum existentem, nondum in specie aedificii, sed in prolatione consilii; nec laudat alius consilium tuum, nisi aut indicaveris, aut viderit quod fecisti. Ergo si per Verbum omnia, et Verbum de Deo; inspice fabricam factam per Verbum, et ex isto aedificio mirare consilium. Quale Verbum est per quod factum est coelum et terra, et omnis ornatus coeli, omnis fecunditas terrae, diffusio maris, distentio aeris, fulgor siderum, claritas solis et lunae? Videntur haec: transcende et haec; cogita Angelos, Principatus, Sedes, Dominationes, Potestates: omnia per ipsum facta sunt  19. Unde ergo ista bona facta sunt? Quia eructatum est per quod fierent, Verbum bonum. Ergo Verbum bonum: et ipsi Verbo dictum est: Magister bone. Et ipsum Verbum respondit: Quid me interrogas de bono? Nemo bonus, nisi unus Deus  20. Dictum est:Magister bone; et dicit:Quid me interrogas de bono? Addidit etiam:Nemo bonus, nisi unus Deus. Quomodo ergo et ipse bonus, nisi quia Deus? Non solum autem Deus, sed cum Patre unus Deus. Non enim dicendo:Nemo bonus, nisi unus Deus, discrevit se, sed univit.Eructavit cor meum verbum bonum. Dixerit hoc Deus Pater de Verbo suo bono atque benefico bono nostro, per quod solum bonum utcumque boni esse possumus.

 

 

Pater Verbum profert ex corde suo. Sed dicere Dei aeternum est.

 

5.Sequitur: Dico ego opera mea regi.Adhuc Pater loquitur? Si adhuc Pater loquitur, quaeramus et hoc quomodo secundum fidem veram et catholicam intellegamus: Dico ego opera mea regi.Si enim Pater dicit opera sua Filio suo regi nostro; quae opera Pater dicturus est Filio, cum omnia opera Patris per Filium facta sint? An forte, Dico ego opera mea regi,ipsum Dico,generationem Filii significat? Vereor ne hoc aliquando a tardioribus non possit intellegi: verumtamen dicam; sequatur qui potest, ne non dicto non sequatur et qui potest. Legimus in alio psalmo dictum: Semel locutus est Deus  21. Toties locutus est per Prophetas, toties per Apostolos, hodieque loquitur per sanctos suos, et ait: Semel locutus est Deus. Unde semel locutus est, nisi propter Verbum unum? Sicut autem Eructavit cor meum verbum bonum, intelleximus ibi generationem Filii; veluti repetitio mihi videtur facta in consequenti sententia, ut illud quod dictum erat: Eructavit cor meum verbum bonum, repeteretur in eo quod ait: Dico. Quid est enim: Dico? Verbum profero. Et unde profert Deus verbum, nisi ex corde suo, ex intimo suo? Tu non dicis nisi quod ex corde tuo profers; verbum tuum quod sonat et transit, aliunde non profertur: et miraris quia ita dicit Deus? Sed dicere Dei aeternum est. Tu dicis aliquid modo, quia tacebas paulo ante: vel ecce nunc nondum verbum profers; cum autem proferre coeperis, rumpis silentium quodammodo, et generas verbum quod antea non erat. Non sic Deus genuit Verbum: dicere Dei sine initio est, et sine fine; et tamen unum Verbum dicit. Dicat alterum, si quod dixit transierit. Cum vero et a quo dicitur manet, et quod dicitur manet; et semel dicitur et non finitur; et ipsum semel sine initio dicitur, nec bis dicitur, quia non transit quod semel dicitur. Hoc est ergo: Eructavit cor meum verbum bonum, quod est: Dico ego opera mea regi. Quare ergo: Opera mea dico? Quia in ipso Verbo omnia opera Dei. Quidquid enim facturus erat Deus in creatura, iam in Verbo erat; nec esset in rebus, nisi esset in Verbo: quomodo et in te non esset in fabrica, nisi esset in consilio. Sicut in Evangelio dicitur: Quod factum est in ipso vita erat  22. Erat ergo quod factum est, sed in Verbo erat: et omnia opera Dei ibi erant, et opera nondum erant: sed Verbum erat, et Verbum hoc Deus erat, et apud Deum erat, et Filius Dei erat, et cum Patre unus Deus erat.Dico ego opera mea regi. Audiat dicentem, qui Verbum intellegit; et videat cum Patre sempiternum Verbum, in quo sunt etiam quae futura sunt, in quo non abierunt et quae transierunt. Haec opera Dei in Verbo, tamquam in Verbo, tamquam in Unigenito, tamquam in Dei Verbo.

 

 

Verbum incarnatum debita tua dimisit et indebita sua exsolvit.

 

6.Quid ergo sequitur? Lingua mea calamus scribae, velociter scribentis.Quid simile, fratres mei, quid habet simile lingua Dei cum calamo scribae? Quid habet simile petra cum Christo  23? quid habet simile agnus cum Salvatore  24? quid habet leo cum Unigeniti fortitudine  25? Dicta sunt haec tamen: et nisi dicerentur, non aliquo modo per haec visibilia ad invisibilem informaremur. Sic ergo humilem similitudinem calami huius, nec comparemus illi excellentiae, nec tamen respuamus. Quaero enim quare linguam suam calamum dixit esse scribae velociter scribentis? At vero quantumvis velociter scribat scriba, non comparatur illi velocitati, de qua dicit alius psalmus: Usque in velocitatem currit verbum eius  26. Sed mihi videtur, quantum audet humana intellegentia, et hoc posse accipi ex persona Patris dictum:Lingua mea calamus scribae. Quia quod lingua dicitur, sonat et transit; quod scribitur, manet: cum ergo dicat Deus Verbum, et Verbum quod dicitur non sonet et transeat, sed et dicatur et maneat; scriptis hoc maluit Deus comparare, quam sonis. Quod autem addidit,velociter scribentis, impulit mentem ad intellegentiam: sed non pigra remaneat, respiciendo antiquarios, aut respiciendo qualeslibet veloces notarios; si autem hoc attenderit, remanebit ibi. Ipsumvelociter, cogitet velociter; et videat quare dictum sit,velociter. Velociter Dei tale est, ut velocius nihil sit. In Scripturis enim scribitur littera post litteram, syllaba post syllabam, verbum post verbum; nec ad secundum transitur, nisi primo perscripto. Ibi autem nihil velocius, ubi non multa sunt verba, nec tamen aliquid praetermissum est, cum in uno sint omnia.

7.[v 3.] Ecce iam Verbum illud sic prolatum, aeternum, ab aeterno coaeternum, veniet sponsus. Speciosus forma prae filiis hominum. Prae filiis hominum: quare non et prae Angelis? Quid voluit dicere: Prae filiis hominum,nisi quia homo? Ne hominem Christum quemlibet hominem putares, ait: Prae filiis hominum speciosus forma.Etiam homo prae filiis hominum; etiam inter filios hominum, prae filiis hominum; etiam ex filiis hominum, prae filiis hominum. Diffusa est gratia in labiis tuis.Lex per Moysen data est; Gratia et veritas per Iesum Christum facta est  27. Diffusa est gratia in labiis tuis. Merito mihi subventum est, quia condelector legi Dei secundum interiorem hominem. Sed alia lex in membris meis repugnat legi mentis meae, et captivum me ducit in lege peccati, quae est in membris meis. Miser ego homo, quis me liberabit de corpore mortis huius? Gratia Dei per Iesum Christum Dominum nostrum  28. Diffusa est ergo gratia in labiis tuis. Venit nobis cum verbo gratiae, cum osculo gratiae. Quid ista gratia dulcius? Quo pertinet gratia ista? Beati quorum remissae sunt iniquitates, et quorum tecta sunt peccata  29. Si severus iudex veniret, nec afferret istam gratiam diffusam in labiis suis, quis de salute aliquid speraret? Quis non sibi hoc timeret quod peccatori debebatur? Ille veniens cum gratia, non exegit quod debebatur, solvit quod non debebat. Num enim non peccator debebat mortem? Aut vero tibi peccatori debebatur, nisi supplicium? Debita tua dimisit, et indebita sua exsolvit. Magna gratia. Quare gratia? Quia gratis. Propterea tibi gratias agere licet, referre non licet; non enim potes. Quaerebat ille quid retribueret, et dixit: Quid retribuam Domino pro omnibus quae retribuit mihi? Et invenit quasi aliquid: Calicem salutaris accipiam, et nomen Domini invocabo  30. Hoc illi rependis, quia calicem salutaris accipis, et nomen Domini invocas? Quis tibi dedit ipsum calicem salutarem? Remansit in actione gratiarum, nam in relatione defecit. Inveni quid Deo des, quod ab illo non acceperis; et retuleris gratiam. Sed cave ne dum quaeris quid illi retribuas, quod ab illo non acceperis, invenias, sed peccatum tuum. Hoc plane ab illo non accepisti, sed nec ei dare debes. Hoc dederunt Iudaei, retribuerunt mala pro bonis; acceperunt ab eo pluviam, et fructum non dederunt, sed spinas dolorum. Ergo bonum quidquid volueris in te dare Deo, non te invenis accepisse nisi a Deo. Ipsa est gratia Dei diffusa in labiis. Fecit te, gratis te fecit. Non enim erat cui praestaret antequam faceret. Perieras, quaesivit te; et inventum revocavit te. Praeterita non imputavit, futura promisit. Verediffusa est gratia in labiis tuis.

8.Propterea,inquit, benedixit te Deus in aeternum.Laboratur, ut hoc possit intellegi adhuc a Deo Patre dici: Propterea benedixit te Deus in aeternum.Accommodatius videtur hoc accipi ex persona Prophetae. Et mutationes personarum repentinae, et omnino ex improviso, inveniuntur in sanctis Scripturarum libris; et si quis advertat, plenae sunt paginae divinae. Domine, libera animam meam a labiis iniquis et a lingua dolosa;et statim: Quid detur tibi, aut quid adliciatur tibi adversus linguam subdolam?Alia illic persona erat, alia hic: ibi petentis, hic subvenientis. Sagittae potentis acutae, cum carbonibus vastatoriis.Alia persona est: Quid detur tibi, aut quid adliciatur tibi;et in consequentibus fit alia: Heu me! quia incolatus meus longinquus factus est  31. In paucis versibus tam crebra mutatio personarum intellectum admonet: non exprimit locum ubi mutatur; non dicitur: Hoc dixit homo, hoc dixit Deus; sed ex ipsis verbis fit nobis intellegere quid ad hominem pertineat, quid ad Deum. Homo autem dicebat:Eructavit cor meum verbum bonum, dico ego opera mea regi. Homo dicebat, ille dicebat qui scripsit psalmum; sed ex persona Dei dicebat: incipit dicere et ex sua:Propterea benedixit te Deus in aeternum. Dixerat enim Deus:Diffusa est gratia in labiis tuis, ei quem fecerat speciosum prae filiis hominum, etiam hominem quem Deum ante omnia protulerat, aeternus coaeternum. Impletus est ergo Propheta gaudio quodam ineffabili, et attendens quid Deus Pater de Filio suo homini revelaverit, qui potuit dicere ista et ex persona Dei:Propterea, inquit,benedixit te Deus in aeternum. Quare? Propter gratiam. Illa enim gratia quo pertinet? Ad regnum coelorum. Primum enim Testamentum terram promiserat: et aliud praemium fuit vel promissio sub Lege positorum, aliud sub Gratia: terra Chananaeorum Iudaeis sub Lege positis, regnum coelorum Christianis sub Gratia positis. Itaque quod pertinebat ad eos qui sub Lege positi erant, regnum, terra illa transiit: regnum coelorum quod pertinet sub Gratia positis, non transit. Propterea hic,benedixit te Deus, non ad tempus, sedin aeternum.

 

 

Summum hominis opus non est, nisi Deum laudare.

 

9.Non defuerunt qui omnia etiam superiora verba ex Prophetae persona accipi mallent: et hoc quod dictum est: Eructavit cor meum verbum bonum,ex Propheta voluerint intellegi, veluti dicente hymnum. (Quisquis enim dicit hymnum Deo, eructat cor eius verbum bonum: quomodo qui blasphemat in Deum, eructat cor eius verbum malum.) Ut et illud quod adiunctum est: Dico ego opera mea regi,significare voluerit summum hominis opus non esse, nisi Deum laudare. Illius est specie sua placere tibi, ad te pertinet eum in gratiarum actione laudare. Opera tua si non fuerint laus Dei, incipis teipsum amare; et pertinebis ad illos de quibus dicit Apostolus: Erunt enim homines seipsos amantes  32. Displice tibi, placeat tibi qui te fecit; quia in eo tibi displices quod in te ipse fecisti. Opus ergo tuum sit laus Dei, eructet cor tuum verbum bonum. Dic ergo opera tua regi: quia ut diceres, rex fecit, et ipse donavit quod offerres. Redde illi de suo, ne velis accepta parte patrimonii tui ire longius et prodige perdere in meretrices, et porcos pascere. Hoc recordamini ex Evangelio. Sed etiam de nobis dictum est: Mortuus erat, et revixit; perierat, et inventus est  33.

10.Lingua mea calamus scribae, velociter scribentis.Non defuerunt qui sic intellegerent Prophetam ea dixisse quae scriberet, et ideo linguam suam calamo scribae comparasse. Velociterautem scribentisvoluisse dicere, ut significaret ea se scribere, quae velociter ventura erant, ut velociter scribere, velocia scribere intellegatur, id est scribere non tardatura. Non enim tardavit Deus exhibere Christum. Quam cito evolutum sentitur, quod peractum agnoscitur! Recordare generationes ante te, invenies Adam tamquam hesterno die factum. Ita gesta legimus omnia ab ipso principio: ergo velociter facta sunt. Velociter erit et dies iudicii; praeveni velocitatem ipsius: velociter veniet, velocius tu mutare. Aderit facies iudicis, sed vide quid dicit Propheta: Praeveniamus faciem eius in confessione  34.Diffusa est gratia in labiis tuis, propterea benedixit te Deus in aeternum.

 

 

Fortior est gladius spiritalis separans, quam copulans natura carnalis.

 

11.[v 4.] Accingere gladium tuum circa femur, potentissime. Gladium tuum,quid, nisi verbum tuum? Illo gladio stravit inimicos, illo gladio divisit filium a patre, filiam a matre, nurum a socru. Legimus haec in Evangelio: Non veni pacem mittere, sed gladium. Et erunt in una domo quinque divisi adversum se, duo adversus tres, et tres adversus duos erunt divisi: id est, filius adversus patrem, filia adversus matrem, nurus adversus socrum suam  35. Divisio haec quo gladio facta est, nisi quem Christus attulit? Et revera, fratres, etiam quotidianis exemplis videmus haec. Placet iuveni alicui Deo servire, displicet patri; divisi sunt adversus se: ille promittit terrenam haereditatem, ille amat coelestem; aliud iste pollicetur, aliud ille eligit. Non sibi putet pater factam iniuriam; Deus solus illi praefertur: et tamen litigat cum filio volente servire Deo. Sed fortior est ille gladius spiritalis separans, quam copulans natura carnalis. Fit hoc et de filia adversus matrem, multo magis et de nuru adversus socrum. Nam aliquando in una domo nurus et socrus inveniuntur haeretica et catholica. Et ubi fortiter recipitur iste gladius, rebaptizationem non timemus. Potuit dividi filia adversus matrem suam, et non potest nurus adversus socrum suam.

 

 

Christus est gladius, qui hominem divisit a diabolo.

 

12.Factum est hoc generaliter etiam in genere humano, divisus est filius adversus patrem. Fuimus enim aliquando filii diaboli. Adhuc infidelibus dictum est: Vos a patre diabolo estis  36. Et omnis infidelitas nostra, unde, nisi a patre diabolo? Non ille creando sed nos illum imitando. Iam modo videtis filium adversus patrem divisum. Venit gladius ille; renuntiat diabolo: invenit alium patrem, invenit aliam matrem. Ille ad imitationem se praebens, generabat in exitium: parentes duo quos invenimus, in vitam aeternam generant. Divisus est filius adversus patrem. Divisa est filia adversus matrem suam: plebs illa quae de Iudaeis credidit, divisa est adversus Synagogam. Divisa est et nurus adversus socrum suam: plebs de Gentibus veniens, nurus dicitur; quia sponsus Christus filius Synagogae. Unde enim natus est Filius Dei secundum carnem? Ex illa Synagoga. Ille qui dimisit patrem et matrem, et adhaesit uxori suae, ut essent duo in carne una  37: non coniectura nostra, sed attestante Apostolo, et dicente: Sacramentum hoc magnum est, ego autem dico in Christo et in Ecclesia  38. Dimisit enim patrem quodammodo: non omnino dimisit veluti ad separationem, sed ad susceptionem humanae carnis. Quomodo dimisit? Quia cum esset in forma Dei, non rapinam arbitratus est esse aequalis Deo, sed semetipsum exinanivit, formam servi accipiens  39. Quomodo dimisit et matrem? Gentem Iudaeorum, Synagogam illam haerentem veteribus sacramentis. Ad ipsam figuram pertinet quod ait: Quae est mihi mater, aut qui fratres  40? Ille enim intus docebat, illi foris stabant. Videte si non modo ita sunt Iudaei. Docet Christus in Ecclesia, illi foris stant. Socrus ergo quid est? Mater sponsi. Mater sponsi Domini nostri Iesu Christi, Synagoga est. Proinde nurus eius Ecclesia, quae veniens de Gentibus non consensit in circumcisionem carnalem, divisa est adversus socrum suam.Accingere gladium tuum. De potentia huius gladii loquebamur, cum ista diceremus.

 

 

Quod infirmum est Dei, fortius est hominibus.

 

13.Accingere gladium tuum,sermonem tuum: circa femur, potentissime,circa femur habens gladium. Quid est, circa femur? quid significat de femore? Carnem. Unde illud est: Non deficiet princeps de Iuda, et dux de femoribus eius  41. Nonne et ipse Abraham, cui promissum erat semen in quo benedicerentur omnes gentes, quando misit servum suum ad quaerendam et ducendam uxorem filio suo, unde veniret illud semen sanctum in quo benedicerentur omnes gentes; fide tenens in illa veluti humilitate seminis esse magnitudinem nominis, id est Filium Dei venturum ex filiis hominum per semen Abrahae, fecit ipsum servum suum, quem mittebat, ita sibi iurare? Pone, inquit, manum tuam sub femore meo, et sic iura  42. Quasi diceret: Pone manum tuam ad altare, aut ad Evangelium, aut ad Prophetam, aut ad aliquid sanctum. Sub femore meo, inquit, pone manum: habens fiduciam, nec reverens turpitudinem, sed intellegens veritatem. Propterea: Accingere gladium tuum circa femur, potentissime. Potentissime etiam circa femur: quia quod infirmum est Dei, fortius est hominibus  43.Potentissime.

14.[v 5.]Specie tua et pulchritudine tua.Iustitiam accipe, qua semper es speciosus et pulcher.Et intende, et prospere procede, et regna.Nonne videmus? Certe iam factum est. Attendite orbem terrarum; intendit, prospere processit, et regnat; subditae sunt omnes gentes. Quid erat illud videre in spiritu? Quod nunc est experiri in veritate. Quando dicebantur haec, nondum ita regnabat Christus, nondum intenderat, nondum processerat: praedicabantur; exhibita sunt, iam ea tenemus: in multis redditorem habemus Deum, in paucis debitorem.Intende, et prospere procede, et regna.

 

 

Potentiam quam Pater habet et Filius; sic et divinitatem.

 

15.Propter veritatem, et mansuetudinem, et iustitiam.Reddita est veritas, quando veritas de terra orta est, et iustitia de coelo prospexit  44. Praesentatus est Christus exspectationi generis humani, ut in semine Abrahae benedicerentur omnes gentes. Praedicatum est Evangelium; veritas est. Quid mansuetudo? Passi sunt martyres, et inde multum processit, et promovit per omnes gentes regnum Dei: quia patiebantur martyres, nec deficiebant, nec resistebant; dicentes omnia, nihil occultantes; parati ad omnia, nihil recusantes. Magna mansuetudo! Corpus Christi hoc fecit, in capite suo didicit. Ille prior sicut ovis ad occisionem ductus est, et sicut agnus coram tondente se non aperuit os suum  45: usque adeo mansuetus, ut pendens in cruce diceret: Pater, ignosce illis, quia nesciunt quid faciunt  46. Quid propter iustitiam? Veniet etiam, ut iudicet, et retribuat unicuique secundum opera sua  47. Dixit veritatem, pertulit iniquitatem, allaturus est aequitatem.Et deducet te mirabiliter dextera tua. Nos dextera ipsius, ipse dextera sua. Ille enim Deus, nos homines. Dextera sua deductus est, id est potentia sua. Etenim potentiam quam Pater habet, habet et ipse, et immortalitatem Patris habet et ipse; divinitatem Patris habet, aeternitatem Patris habet, virtutem Patris habet. Deducet eum mirabiliter dextera eius, faciens divina, patiens humana, malitias hominum sternens bonitate sua. Adhuc deducitur et ubi nondum est, et dextera eius deducit eum. Hoc enim eum ducit, quod ipse donavit sanctis suis.Deducet te mirabiliter dextera tua.

 

 

Homines ex inimicis amici facti sunt; inimici mortui sunt, amici vivunt.

 

16.[v 6.] Sagittae tuae acutae, potentissimae: verba cor transfigentia, amorem excitantia. Unde dicitur in Canticis canticorum: Quia vulnerata caritate ego sum  48. Dicit enim vulneratam se esse caritate, id est, amare se dicit, aestuare se dicit, suspirare sponso, unde accepit sagittam verbi. Sagittae tuae acutae, potentissimae: et transfigentes, et efficientes: acutae, potentissimae. Populi sub te cadent. Qui ceciderunt? Qui percussi sunt, et ceciderunt. Populos videmus subditos Christo, cadentes non videmus. Exponit ubi cadunt: in corde. Ibi se erigebant adversus Christum, ibi cadunt ante Christum. Blasphemabat Saulus Christum, erectus erat: supplicat Christo, cecidit, prostratus est: occisus est inimicus Christi, ut vivat discipulus Christi. De coelo emissa sagitta, corde percussus est Saulus, nondum Paulus, adhuc Saulus, adhuc erectus, nondum prostratus: accepit sagittam, cecidit in corde. Non enim quod prostratus est in facie, ibi cecidit, sed ubi ait: Domine, quid me iubes facere?  49 Modo ibas ad Christianos alligandos et perducendos ad poenam; et modo dicis Christo: Quid me iubes facere? O sagittam acutam, potentissimam, qua accepta cecidit Saulus ut esset Paulus! Ut ille, ita et populi: gentes attendite, videte subditas Christo. Ergo: Populi sub te cadent, in corde inimicorum regis: hoc est, in corde inimicorum tuorum. Ipsum enim appellat regem, ipsum novit regem. Populi sub te cadent, in corde inimicorum regis. Inimici erant: acceperunt sagittas tuas, ceciderunt ante te. Ex inimicis amici facti sunt: inimici mortui sunt, amici vivunt  50. Hoc est:Pro his quae commutabuntur. Quaerimus intellegere verba singula, versus singulos: ita tamen quaerimus, ut de Christo dici nemo dubitet.Populi sub te cadent, in corde inimicorum regis.

 

 

Dei voluntas aequalis est, tua curva; dirige ad illam te, ne illam velis curvare ad te.

 

17.[v 7.] Sedes tua, Deus, in saecula saeculorum.Quia benedixit te Deus in aeternum, propter gratiam diffusam in labiis tuis. Erat autem sedes regni iudaici temporalis, pertinens ad eos qui sub Lege erant, non ad eos qui sub Gratia erant: venit ille ut liberaret eos qui sub Lege erant, et sub Gratia constitueret. Sedes eius in saecula saeculorum.Quare? Quia sedes illa prima regni temporalis fuit. Unde nunc sedes in saecula saeculorum? Quia Dei. Sedes tua, Deus, in saecula saeculorum.O aeternitatis divinitas! Non enim posset Deus sedem habere temporalem. Sedes tua, Deus, in saecula saeculorum. Virga directionis, virga regni tui.Directionis virga est, quae dirigit homines. Curvi erant, distorti erant: sibi regnare cupiebant, se amabant, facta sua mala diligebant; non voluntatem suam Deo subdebant, sed voluntatem Dei ad suas concupiscentias flectere volebant. Irascitur enim peccator et iniquus plerumque Deo, quia non pluit; et non vult sibi Deum irasci, quia fluit. Et ad hoc propemodum sedent quotidie homines, ut disputent contra Deum: Hoc facere debuit, hoc non bene fecit. Tu videlicet vides quid facias, ille nescit? Distortus tu es, ille rectus est. Distortum ad rectum quando coniungis? Collineari non potest. Tamquam si in pavimento aequali ponas lignum curvum; non adiungitur, non cohaeret, non coaptatur pavimento: pavimentum ubique aequale est; sed illud curvum est, non coaptatur aequali. Ergo Dei voluntas aequalis est, tua curva est: propterea tibi curva videtur illa, quia tu illi coaptari non potes: dirige ad illam te, ne illam velis curvare ad te; quia non potes, frustra conaris: illa semper directa est. Vis illi haerere? Corrigere. Erit virga ipsius qui te regit, virga directionis. Inde et rex a regendo dicitur. Non autem regit qui non corrigit. Ad hoc est rex noster rectorum rex. Quomodo et sacerdos a sanctificando nos, ita et rex a regendo nos. Sed quid ait alio loco? Cum sancto sanctus eris, et cum viro innocente innocens eris, et cum electo electus eris, et cum perverso perversus eris  51: non quia perversus Deus, sed quia perversi perversum eum putant. Placet tibi bonum, bonus est Deus: displicet tibi, quasi pravus est Deus. Curvus est ad te Deus, tua curvatura facit hoc: nam illius rectitudo semper manet. Audi in alio psalmo: Quam bonus Deus Israel rectis corde!  52

 

 

Eris Deo amicus, si odisti quod odit, et amabis quod amat.

 

18.[v 8.] Virga directionis, virga regni tui. Dilexisti iustitiam, et odisti iniquitatem.Vide virgam directionis: Dilexisti iustitiam, et odisti iniquitatem.Accede ad istam virgam, sit tibi rex Christus: regat te virga ista, ne frangat te. Virga enim ferrea est illa, inflexibilis. Et quid dictum est? Reges eos in virga ferrea, et tamquam vas figuli conteres eos  53. Alios regit, alios conterit: regit spiritales, conterit carnales. Ergo accede ad istam virgam. Quid in ea times? Haec est tota virga: Dilexisti iustitiam, et odisti iniquitatem. Quid times? Sed forte iniquus eras: audis enim regem tuum, quia odit iniquitatem, et times. Est quod facias. Quid odit? Iniquitatem: numquid te? Sed in te est iniquitas? Odit illam Deus, oderis et tu: ut unam rem ambo oderitis. Eris enim Deo amicus, si odisti quod odit. Ita et amabis quod amat. Displiceat in teipso tibi iniquitas tua, et placeat tibi creatura ipsius. Homo enim es iniquus. Duo dixi nomina; duo nomina, homo et iniquus: in istis duobus nominibus unum est naturae, alterum culpae; unum tibi Deus fecit, alterum tu fecisti: ama quod Deus fecit, oderis quod tu fecisti, quia et ipse hoc odit. Vide quomodo iam illi incipias coniungi, cum odisti quod odit. Peccatum puniturus est, quia virga directionis est virga regni ipsius. Sed non puniat peccatum? Sed non potest. Puniendum est peccatum: si puniendum non esset, nec peccatum esset. Praeveni illum: non vis ut ipse puniat, tu puni. Ideo enim adhuc ipse parcit, differt, tenet manum, arcum intendit, hoc est minas. Clamaret tantum feriturum se, si vellet ferire? Differt ergo manum a peccatis tuis: tu noli differre. Converte te ad punienda peccata tua, quia impunita esse peccata non possunt. Puniendum ergo erit, aut a te, aut ab ipso: tu agnosce, ut ille ignoscat. Attende exemplum in illo psalmo poenitentiae: Averte faciem tuam a peccatis meis  54. Numquid dixit: A me? Alio enim loco aperte dicit: Ne avertas faciem tuam a me  55. Ergo: Averte faciem tuam a peccatis meis: nolo videas peccata mea. Quia videre Dei, animadvertere est. Ideo et iudex quod punit, animadvertere dicitur, id est, animum illuc advertere; intendere utique ad puniendum, quia iudex est. Sic est et iudex Deus. Averte faciem tuam a peccatis meis. Tu ab ipsis faciem noli avertere, si vis ut Deus ab ipsis avertat faciem suam. Vide quomodo hoc offert Deo in ipso psalmo: Facinus meum ego, inquit, agnosco, et peccatum meum ante me est semper  56. Hoc non vult esse ante Deum, quod vult esse ante se.Virga directionis, virga regni tui. Nemo sibi multum de misericordia Dei blandiatur; virga directionis est. Numquid dicimus, non esse misericordem Deum? Quid misericordius eo, qui parcit tantum peccatoribus, eo qui in omnibus conversis ad se non curat praeterita? Sic eum dilige misericordem, ut velis esse veracem: non enim misericordia potest illi auferre iustitiam, neque iustitia misericordiam. Interim quamdiu ille differt, tu noli differre: quoniam virga directionis, virga regni ipsius.

 

 

Unctus est nobis Deus, Christus verus homo et verus Deus.

 

19.Dilexisti iustitiam, et odisti iniquitatem: propterea unxit te, Deus, Deus tuus.Propterea unxit te, ut diligeres iustitiam, et odires iniquitatem. Et vide quomodo ait:Propterea unxit te, Deus, Deus tuus.O tu Deus, unxit te Deus tuus. Deus ungitur a Deo. Etenim in latino putatur idem casus nominis repetitus: in graeco autem evidentissima distinctio est, quia unum nomen est quod compellatur, et alterum ab eo qui compellat:Unxit te, Deus.O tuDeus, unxit te Deus tuus: quomodo si diceret: Propterea unxit te, o tu Deus, Deus tuus. Sic accipite, sic intellegite, sic in graeco evidentissimum est. Ergo quis est Deus unctus a Deo? Dicant nobis Iudaei. Scripturae istae communes sunt. Unctus est Deus a Deo: unctum audis, Christum intellege. Etenim Christus a chrismate: hoc nomen quod appellatur Christus, unctionis est. Nec in aliquo alibi ungebantur reges et sacerdotes, nisi in illo regno ubi Christus prophetabatur et ungebatur, et unde venturum erat Christi nomen: nusquam est alibi omnino, in nulla gente, in nullo regno. Unctus est ergo Deus a Deo: quo oleo, nisi spiritali? Oleum enim visibile in signo est, oleum invisibile in sacramento est, oleum spiritale intus est. Unctus est nobis Deus, et missus est nobis: et ipse Deus, ut ungeretur, homo erat: sed ita homo erat, ut Deus esset; ita Deus erat, ut homo esse non dedignaretur: verus homo, verus Deus; in nullo fallax, in nullo falsus; quia ubique verax, ubique veritas. Deus ergo homo, et ideo unctus Deus, quia homo Deus, et factus est Christus.

 

 

Scala Iacob figura est Christi et Ecclesiae.

 

20.Hoc figurabatur in eo quod Iacob lapidem sibi ad caput posuerat, et dormierat  57. Iacob patriarcha lapidem sibi ad caput posuerat; dormiens autem illo lapide ad caput posito, vidit apertis coelis scalam a coelo in terram, et Angelos ascendentes et descendentes: hoc viso evigilavit, unxit lapidem, et discessit. In illo lapide intellexit Christum, ideo unxit. Videte ex quo praedicatur Christus. Quid sibi vult illa unctio lapidis, praesertim apud Patriarchas, qui unum Deum colebant? Factum est autem in figura, et discessum est. Non enim unxit lapidem, et venit illuc semper adorare, et sacrificia ibi facere. Expressum est mysterium, non inchoatum sacrilegium. Et videte lapidem: Lapidem quem reprobaverunt aedificantes, hic factus est in caput anguli  58. Et quia caput viri Christus  59, propterea lapis ad caput. Attendite magnum sacramentum: lapis Christus. Lapidem vivum, ait Petrus, ab hominibus reprobatum, a Deo autem electum  60. Et lapis ad caput, quia caput viri Christus  61. Et unctus lapis quia a chrismate dictus est Christus. Et videntur scalae, revelante Christo, a terra in coelum, vel a coelo in terram, et ascendentes et descendentes Angeli  62. Quid hoc sit, melius videbimus, cum testimonium evangelicum ab ipso Domino commemoraverimus. Nostis quia Iacob ipse est Israel. Illi enim cum Angelo luctanti et praevalenti, et benedicto ab eo cui praevaluit, nomen mutatum est, ut appellaretur Israel  63: sicut populus Israel praevaluit Christo, ut crucifigeret eum; et tamen in his qui Christo crediderunt, ab ipso cui praevaluit, benedictus est. Sed multi non crediderunt, inde claudicatio Iacob. Benedictio et claudicatio. Benedictio in his qui crediderunt: nam postea novimus ex illo populo multos credidisse. Claudicatio autem in his qui non crediderunt. Et quia plures non crediderunt, et pauci crediderunt; ideo ut fieret claudicatio, tetigit latitudinem femoris eius. Quid est latitudo femoris eius? Multitudo generis. Videte ergo scalas illas Dominus quando vidit Nathanaelem in Evangelio ait: Ecce vere Israelita, in quo dolus non est  64. Sic enim dicitur de ipso Iacob: Et erat Iacob sine dolo habitans in domo  65: hoc recolens Dominus videns Nathanaelem sine dolo de gente illa et de populo illo: Ecce vere, inquit, Israelita, in quo dolus non est. Appellavit Israelitam, in quo dolus non esset, propter Iacob. Et ille Nathanael: Unde me nosti? Et Dominus: Cum esses sub arbore fici vidi te: id est, cum esses in illo populo sub Lege constitutus, quae carnali umbra illum populum protegebat, ibi te vidi. Quid est, ibi te vidi? Ibi tui misertus sum. Ille autem recordatus quod fuerat etiam sub arbore fici in veritate, admiratus, quia putabat se a nemine visum cum ibi esset, confitetur et dicit: Tu es Filius Dei, tu es rex Israel. Quis hoc dixit? Qui audierat quod verus esset Israelita, et dolus in illo non esset. Et Dominus: Quia dixi tibi: Vidi te sub arbore fici, credidisti; maiora horum videbis. Loquitur cum Israel, cum Iacob, cum illo qui sibi lapidem ad caput posuerat. Maiora horum videbis. Quae maiora? Quia iam lapis ille ad caput est. Amen dico vobis, videbitis coelum apertum, et Angelos Dei ascendentes et descendentes super Filium hominis  66. Angeli Dei ascendant et descendant per scalas illas, fiat hoc in Ecclesia, Angeli Dei annuntiatores sunt veritatis: ascendant et videant: In principio erat Verbum, et Verbum erat apud Deum, et Deus erat Verbum. Descendant, et videant, quia Verbum caro factum est, et habitavit in nobis  67. Ascendant, ut erigant magnos: descendant, ut nutriant parvos. Vide ascendentem Paulum: Sive mente excessimus, Deo. Vide descendentem: Sive temperantes sumus, vobis  68. Vide ascendentem: Sapientiam loquimur inter perfectos. Vide descendentem: Lac vobis potum dedi, non escam  69. Hoc fit in Ecclesia: ascendunt et descendunt Angeli Dei super Filium hominis: quia sursum est Filius hominis, ad quem ascendunt corde, id est caput eius; et deorsum Filius hominis, id est corpus eius. Membra eius hic sunt, caput sursum est: ascenditur ad caput, descenditur ad membra. Christus ibi, Christus hic. Nam si ibi tantum, et hic non; unde vox illa: Saule, Saule, quid me persequeris?  70 Quis enim illi in coelo molestus fuit? Nemo, nec Iudaei, nec Saulus, nec diabolus tentator; nemo ibi molestus illi: sed sicut in compage corporis humani pede calcato lingua clamat.

21.Dilexisti iustitiam, et odisti iniquitatem: propterea unxit te, Deus, Deus tuus.Locuti sumus de uncto Deo, hoc est de Christo. Non potuit apertius dici nomen Christi, quam ut diceretur unctus Deus. Quomodospeciosus forma prae filiis hominum;sic unctus,oleo exsultationis prae participibus suis.Qui enim participes eius? Filii hominum: quoniam et ipse Filius hominis particeps factus est mortalitatis illorum, ut faceret eos participes immortalitatis suae.

 

 

Vestimenta Christi sunt sancti eius et electi, tota Ecclesia sine macula et ruga.

 

22.[vv 9.10.] Myrrha et gutta et casia a vestimentis tuis.Odores boni a vestimentis tuis. Vestimenta eius sunt sancti eius, electi eius, tota Ecclesia eius, quam sibi sicut vestem exhibet, sine macula et ruga  71: propter maculam, abluens in sanguine; propter rugam, extendens in cruce. Inde bonus odor qui significatur nominatis quibusdam aromatis. Audi Paulum illum minimum, fimbriam de vestimento quod tetigit mulier in fluxu sanguinis, et sanata est  72; audi illum dicentem: Christi bonus odor sumus in omni loco, et in iis qui salvi fiunt, et in iis qui pereunt  73. Non dixit: Bonus odor in iis qui salvi fiunt, et malus odor in iis qui pereunt; sed: Quod ad nos attinet, bonus odor sumus, et in iis qui salvi fiunt, et in iis qui pereunt. Salvum fieri hominem bono odore non est improbabile neque incredibile: perire autem hominem bono odore, quae ratio est? Magna vis, magna veritas: etsi capi non potest, ita est. Nam ut noveritis quia difficile capitur, statim subiecit: Et ad haec quis idoneus? Quis intellegat homines mori bono odore? Tamen aliquid dicam, fratres. Ecce ipse Paulus praedicabat Evangelium; multi illum amabant praedicatorem Evangelii, multi illi invidebant: qui illum amabant, bono odore salvabantur; qui illi invidebant, bono odore peribant. Ideo et pereuntibus non malus odor, sed bonus odor. Ideo enim magis illi invidebant, quia tam bona in illo gratia praevalebat: nemo enim invidet misero. Erat ergo gloriosus in praedicatione verbi Dei, et vivens secundum regulam illius virgae directionis: et diligebant eum qui in illo diligebant Christum, qui sequebantur bonum odorem; diligebat amicum sponsi sui ipsa sponsa, quae dicit in Canticis canticorum: Post odorem unguentorum tuorum curremus  74. Illi autem quanto magis eum videbant in gloria praedicationis Evangelii et in vita inculpabili, tanto magis invidia torquebantur, et occidebantur bono odore.

 

 

Magnas domos et tabernacula Dei, corda accipe sanctorum.

 

23.[v 10.] Myrrha et gutta et casia a vestimentis tuis, a domibus eburneis, ex quibus delectaverunt te filiae regum.Domos eburneas, domos magnas, domos regales, quasvis elige, delectaverunt inde Christum filiae regum. Vis domos eburneas spiritaliter accipere? Magnas domos, et magna tabernacula Dei, corda sanctorum, ipsosque reges regentes carnem, subiugantes sibi turbas humanarum affectionum, castigantes corpus, et servituti subicientes, accipe: quia inde delectaverunt eum filiae regum. Etenim omnes animae quae illis praedicantibus et evangelizantibus natae sunt, filiae regum sunt: et Ecclesiae filiae Apostolorum, filiae regum sunt. Ille est enim Rex regum  75: illi autem reges de quibus dictum est: Sedebitis super duodecim sedes, iudicantes duodecim tribus Israel  76. Praedicaverunt verbum veritatis, et genuerunt Ecclesias, non sibi, sed illi. Ad hoc sacramentum pertinet quod scriptum est in Lege: Si mortuus fuerit frater, accipiat uxorem eius frater eius, et suscitet semen fratri suo  77. Accipiat uxorem frater eius, et suscitet semen, non sibi, sed fratri suo. Dixit Christus: Dic fratribus meis  78. Dixit in psalmo: Narrabo nomen tuum fratribus meis  79. Mortuus est Christus, resurrexit, ascendit, absentavit se corpore: susceperunt fratres eius uxorem eius, praedicatione Evangelii generaturi filios, non per seipsos, sed per Evangelium, propter nomen fratris. In Christo enim Iesu, inquit, per Evangelium, ego vos genui  80. Itaque suscitantes semen fratri suo, quotquot genuerunt, non Paulianos aut Petrianos, sed Christianos nominaverunt. Videte si non iste sensus vigilat et in his versibus. Cum enim diceret, a domibus eburneis, dixit de regalibus, amplis, pulchris, lenibus, qualia sunt corda sanctorum: subiecit: Ex quibus te delectaverunt filiae regum, in honore tuo. Filiae quidem regum, filiae Apostolorum tuorum: sed, in honore tuo, quia semen illi suscitaverunt fratri suo. Ideo ipsos quos suscitaverat fratri suo Paulus, cum videret currere ad nomen suum, exclamavit: Numquid Paulus crucifixus est pro vobis? Quid enim ait Lex? Et habeat natus nomen defuncti. Defuncto nascatur, defuncti nomine appelletur. Servat hoc legitimum Paulus: volentes appellari ex nomine suo, revocat: Numquid id Paulus pro vobis crucifixus est? Ad defunctum aspicite: Numquid Paulus pro vobis crucifixus est? Et quid ergo? Quando illos generasti, quid si nomen tuum illis imposuisti? Non. Ait enim: Aut in nomine Pauli baptizati estis  81?Delectaverunt te filiae regum in honore tuo. Tenete, servate,in honore tuo. Hoc est habere vestem nuptialem, illius honorem, illius gloriam quaerere. Intellegite etiam filias regum, civitates quae crediderunt in Christum, et a regibus conditae sunt: eta domibus eburneis, divitibus, superbis, elatis.Filiae regum delectaverunt te in honore tuo: quia non quaesierunt honorem patrum suorum, sed quaesierunt honorem tuum. Ostendatur mihi Romae in honore tanto templum Romuli, in quanto ibi ostendo memoriam Petri. In Petro quis honoratur, nisi ille defunctus pro nobis? Sumus enim Christiani, non Petriani. Etsi nati per fratrem defuncti, tamen cognominati nomine defuncti. Per illum nati, sed illi nati. Ecce Roma, ecce Carthago, ecce aliae et aliae civitates filiae regum sunt; et delectaverunt regem suum in honore ipsius; et ex omnibus fit una quaedam regina.

 

 

Linguarum varietas multarum in unitate fidei concordat.

 

24.Quale carmen nuptiale? Ecce inter cantica hilaritatis plena, procedit et ipsa sponsa. Sponsus enim veniebat, ipse describebatur, in illum erat omnis intentio nostra: procedat et ista. Astitit regina a dextris tuis.Quae a sinistris, non regina. Stabit enim quaedam et a sinistris, cui dicetur: Vade in ignem aeternum.A dextris autem stabit, cui dicetur: Venite, benedicti Patris mei, percipite regnum quod vobis paratum est ab initio mundi  82.Astitit regina a dextris tuis, in vestitu deaurato, circumamicta varietate. Vestitus reginae huius quis est? Et pretiosus est, et varius est: sacramenta doctrinae in linguis omnibus variis. Alia lingua afra, alia syra, alia graeca, alia hebraea, alia illa et illa: faciunt istae linguae varietatem vestis reginae huius. Quomodo autem omnis varietas vestis in unitate concordat, sic et omnes linguae ad unam fidem. In veste varietas sit, scissura non sit. Ecce varietatem intelleximus de diversitate linguarum et vestem intelleximus propter unitatem: in ipsa autem varietate aurum quod est? Ipsa sapientia. Quaelibet sit varietas linguarum, unum aurum praedicatur: non diversum aurum, sed varietas de auro. Eamdem quippe sapientiam, eamdem doctrinam et disciplinam omnes linguae praedicant. Varietas in linguis, aurum in sententiis.

 

 

Si noverimus ubi sumus et ad illum corpus pertinere conemur, fide et spe uniti.

 

25.[v 11.] Alloquitur Propheta reginam istam (libenter enim illi cantat), et unumquemque nostrum; si tamen noverimus ubi sumus, et ad illud corpus pertinere conemur, et fide et spe pertineamus uniti in membris Christi. Nos enim alloquitur: Audi, filia, et vide.Alloquitur eam tamquam unus de patribus, quia filiae regum sunt: etsi alloquatur propheta, etsi alloquatur apostolus, tamquam filiam (sic enim dicimus, Patres nostri Prophetae, patres nostri Apostoli: si nos illos ut patres, illi nos ut filios), et vox una paterna alloquitur unicam filiam. Audi, filia, et vide.Prius audi, postea vide. Ventum est enim ad nos cum Evangelio, et praedicatum est nobis quod nondum videmus, et audiendo credidimus, credendo videbimus; sicut dicit ipse sponsus apud Prophetam: Populus quem non cognovi, servivit mihi; in obauditu auris obedivit mihi  83. Quid est, in obauditu auris? Quia non vidit. Viderunt Iudaei, et crucifixerunt: non viderunt Gentes, et crediderunt. Veniat regina de Gentibus in vestitu deaurato, circumamicta varietate: veniat ex Gentibus, veniat circumamicta omnibus linguis, in unitate sapientiae; dicatur ei: Audi filia, et vide. Si non audieris, non videbis. Audi ut mundes cor fide, sicut Apostolus ait in Actibus Apostolorum: Fide mundans corda eorum  84. Ad hoc enim audimus quod credamus, antequam videamus, ut credendo cor mundemus, unde videre possimus. Audi, ut credas, munda cor fide. Et cum cor mundavero, quid videbo? Beati mundo corde, quia ipsi Deum videbunt  85.Audi, filia, et vide; et inclina aurem tuam. Parum est audi, humiliter audi:Inclina aurem tuam. Et obliviscere populum tuum et domum patris tui. Erat populus quidam, et domus patris quaedam, in qua nata es, populus Babyloniae, habens regem diabolum. Undecumque venerunt Gentes, a patre diabolo venerunt: sed patri diabolo renuntiaverunt.Obliviscere populum tuum et domum patris tui. Foedam te ille genuit, cum peccatricem fecit: pulchram te iste regenerat qui iustificat impiam.Obliviscere populum tuum, et domum patris tui.

26.[v 12.] Quoniam concupivit rex speciem tuam.Quam speciem, nisi quam ipse fecit? Concupivit speciem.Cuius speciem? Peccatricis, iniquae, impiae, qualis erat apud patrem diabolum, et apud populum suum? Non, sed de qua dicitur: Quae est ista quae ascendit dealbata  86? Antea ergo non erat alba, postea dealbata. Quia si fuerint peccata vestra sicut phoenicium, tamquam nivem dealbabo  87.Concupivit rex speciem tuam. Quis rex?Quia ipse est Deus tuus. Iam vide si non debes dimittere patrem tuum illum, et populum tuum illum, et venire ad regem istum, Deum tuum: Deus tuus est, rex tuus est. Rex tuus, et ipse est sponsus tuus. Regi nubis Deo, ab illo dotata, ab illo decorata, ab illo redempta, ab illo sanata. Quidquid habes unde illi placeas, ab illo habes.

 

 

Serviamus Deo membra Christi amando.

 

27.[v 13.] Et adorabunt eum filiae Tyri in muneribus.Ipsum regem tuum Deum tuum adorabunt filiae Tyri in muneribus. Filiae Tyri,filiae Gentium: a parte ad totum. Tyrus vicina huic terrae ubi prophetia erat, significabat Gentes credituras Christo. Inde erat illa Chananaea, quae primo canis est appellata: Nam ut noveritis quia inde erat, Evangelium sic loquitur: Secessit in partes Tyri et Sidonis, et ecce mulier Chananaea de finibus illis egressa clamabat,et caetera quae ibi narrantur. Quae primo canis erat apud patrem suum et in populo suo, clamando et veniendo ad istum regem, decora facta credendo in illum, quid meruit audire? O mulier, magna est fides tua  88. Concupivit rex speciem tuam. Et adorabunt eum filiae Tyri in muneribus. Quibus muneribus? Sic ad se vult veniri rex iste, et thesauros suos impleri vult: et ipse donavit unde impleantur, et a vobis impleantur. Veniant, inquit, adorent eum in muneribus. Quid est, in muneribus? Nolite vobis condere thesauros in terra, ubi tinea et rubigo exterminat, et ubi fures effodiunt et furantur: sed thesaurizate vobis thesauros in coelo, ubi neque fur neque tinea corrumpit. Ubi enim fuerit thesaurus tuus, illic erit et cor tuum  89. Venite cum muneribus: Date eleemosynas, et omnia munda sunt vobis  90. Venite cum muneribus ad eum qui dicit: Misericordiam volo magis quam sacrificium  91. Ad illud templum quod erat ante umbra futuri, veniebatur cum tauris et arietibus, cum hircis, cum diversis quibusque animalibus aptis ad sacrificium, ut in illo sanguine aliud fieret, aliud significaretur. Modo iam ipse sanguis, quem figurabant illa omnia, venit: venit Rex ipse, et ipse munera vult. Quae munera? Eleemosynas. Ipse est enim iudicaturus, et ipse munera imputabit quibusdam. Venite, inquit, benedicti Patris mei, percipite regnum quod vobis paratum est ab initio mundi. Quare? Esurivi, et dedistis mihi manducare; sitivi, et dedistis mihi bibere; nudus fui, et vestistis me; hospes, et adduxistis me; infirmus et in carcere, et visitastis me. Haec sunt munera in quibus adorant filiae Tyri regem: quia cum dicerent: Quando te vidimus? ille qui et sursum est et deorsum, propter ascendentes et descendentes: Cum uni, inquit, ex minimis meis fecistis, mihi fecistis  92.

 

 

Omnes una sponsa et regina, mater et filii simul totum ad Christum pertinens.

 

28.Adorabunt eum filiae Tyri in muneribus.Et quae sunt filiae Tyri, et quomodo adorabunt eum in muneribus, planius illud voluit dicere: Vultum tuum deprecabuntur divites plebis.Hae filiae Tyri adorantes in muneribus, divites sunt plebis, quos ille alloquitur amicus sponsi: Praecipe divitibus huius mundi, non superbe sapere, neque sperare in incerto divitiarum; sed in Deo vivo, qui praestat nobis omnia abundanter ad fruendum: divites sint in operibus bonis, facile tribuant, communicent.Adorent in muneribus; sed non perdunt: securi ponant ubi semper inveniant. Thesaurizent sibi fundamentum bonum in futurum, ut apprehendant veram vitam  93. Adorando in muneribus, vultum tuum deprecabuntur. Ad Ecclesiam enim concurrunt, et ibi eleemosynas faciunt. Ne extra fiant, id est, ne extra positi fiant, in Ecclesia faciant. Vultus enim sponsae huius et reginae proderit facientibus. Propterea illi qui res suas vendebant, vultum reginae huius deprecantes in muneribus veniebant; et ea quae portabant, ad pedes Apostolorum ponebant  94. Fervebat dilectio in Ecclesia, vultus erat reginae Ecclesia, vultus erat reginae obsequium filiarum Tyri, id est, divitum adorantium in muneribus.Vultum tuum deprecabuntur divites plebis. Et qui deprecabuntur vultum, et cuius vultum deprecabuntur, omnes una sponsa, omnes una regina, mater et filii simul totum ad Christum pertinens, ad caput pertinens.

 

 

Cum bene facis conscientia delecteris, ubi amat et coronat Christus.

 

29.[vv 14.15.] Sed quia fiunt ista opera et istae eleemosynae ad iactantiam hominum, inde dicit ipse Dominus: Cavete facere iustitiam vestram coram hominibus ut videamini ab eis  95. Quomodo autem et publice debent fieri propter vultum sponsae, ait: Luceant opera vestra coram hominibus, ut videant bona facta vestra, et glorificent Patrem vestrum qui in coelis est  96: non ut gloriam vestram quaeratis in operibus bonis quae publice facitis, sed ut gloriam Dei. Et quis novit, inquit, utrum gloriam Dei quaero, an gloriam meam? Quia do pauperi, videor: quo animo dem, quis videt? Sufficiat tibi qui videt; ille videt qui retribuet. Intus amat qui intus videt: intus amat, intus ametur qui interiorem facit et ipsam pulchritudinem. Noli quasi oculis exterioribus delectari, quia videris, et quia laudaris; attende quid hic sequatur:Omnis gloria eius filiae regis intrinsecus. Extrinsecus non solum vestis est aurea et varia, sed intus pulchram novit, qui speciem eius amavit. Quae sunt interiora pulchritudinis? Conscientiae. Ibi videt Christus, ibi amat Christus, ibi alloquitur Christus, ibi punit Christus, ibi coronat Christus. Sit ergo eleemosyna tua in occulto; quiaomnis gloria eius filiae regis intrinsecus. In fimbriis aureis, circumamicta varietate. Pulchritudo intrinsecus: in fimbriis autem aureis varietas linguarum, doctrinae decus. Ista quid prosunt, si non sit pulchritudo illa intrinsecus?

30.Afferentur regi virgines post eam.Vere factum est. Credidit Ecclesia, facta est Ecclesia per omnes gentes. Modo quemadmodum concupiscunt virgines placere illi regi? Unde incitantur? Quia praecessit Ecclesia.Afferentur regi virgines post eam: proximae eius afferentur tibi.Non enim quae afferuntur alienae sunt, sed proximae eius, ad eam pertinentes. Et quia dixit,regi;ad eum conversus dixit,tibi: proximae eius afferentur tibi.

31.[v 16.]Afferentur in laetitia et exsultatione, adducentur in templum regis.Templum regis ipsa Ecclesia, intrat in templum ipsa Ecclesia. Unde construitur templum? De hominibus qui intrant in templum. Lapides vivi qui sunt, nisi fideles Dei?Adducentur in templum regis.Sunt enim virgines extra templum regis, haereticae sanctimoniales: sunt quidem virgines, sed quid proderit eis nisi adducantur in templum regis? Templum regis in unitate est: templum regis non est ruinosum, non discissum, non divisum. Iunctura lapidum viventium caritas est.Adducentur in templum regis.

 

 

Haec est catholica Ecclesia. Agnoscant qui praecisi sunt, veniant ad unitatem.

 

32.[v 17.] Pro patribus tuis nati sunt tibi filii.Nihil evidentius. Attendite iam ipsum templum regis, quia inde loquitur propter unitatem diffusam toto orbe terrarum: quia illae quae virgines esse voluerunt, nisi adducantur in templum regis, sponso placere non possunt. Pro patribus tuis nati sunt tibi filii.Genuerunt te Apostoli: ipsi missi sunt, ipsi praedicaverunt, ipsi patres. Sed numquid nobiscum corporaliter semper esse potuerunt? Etsi unus ipsorum dixit: Cupio dissolvi, et esse cum Christo multo magis optimum est; manere in carne necessarium propter vos  97. Dixit hoc quidem, sed quamdiu hic manere potuit? Numquid usque ad hoc tempus? numquid usque in posterum? Ergo illorum abscessu deserta est Ecclesia? Absit.Pro patribus tuis nati sunt tibi filii. Quid est:Pro patribus tuis nati sunt tibi filii? Patres missi sunt Apostoli, pro Apostolis filii nati sunt tibi, constituti sunt episcopi. Hodie enim episcopi, qui sunt per totum mundum, unde nati sunt? Ipsa Ecclesia patres illos appellat, ipsa illos genuit, et ipsa illos constituit in sedibus patrum. Non ergo te putes desertam, quia non vides Petrum, quia non vides Paulum, quia non vides illos per quos nata es: de prole tua tibi crevit paternitas.Pro patribus tuis nati sunt tibi filii: constitues eos principes super omnem terram. Vide templum regis quam late diffusum est: ut noverint virgines quae non adducuntur in templum regis, non se ad istas nuptias pertinere.Pro patribus tuis nati sunt tibi filii: constitues eos principes super omnem terram. Haec est catholica Ecclesia: filii eius constituti sunt principes super omnem terram, filii eius constituti sunt pro patribus. Agnoscant qui praecisi sunt, veniant ad unitatem, adducantur in templum regis. Templum suum Deus ubique collocavit, fundamenta Prophetarum et Apostolorum ubique firmavit. Filios genuit Ecclesia, constituit eos pro patribus suis principes super omnem terram.

 

 

Civitas Dei est Ecclesia quae nunc ad futuram peregrinatur gloriam.

 

33.[v 18.] Memores erunt nominis tui in omni generatione et generatione. Propterea populi confitebuntur tibi.Quid ergo prodest confiteri, et extra templum confiteri? Quid prodest precari, et in monte non precari? Voce mea,inquit, ad Dominum clamavi, et exaudivit me de monte sancto suo  98. De quo monte? De quo dictum est: Non potest civitas abscondi supra montem constituta  99. De quo monte? Quem vidit Daniel ex parvo lapide crevisse, et fregisse omnia regna terrarum, et implevisse omnem faciem terrae  100. Ibi adoret qui vult accipere, ibi petat qui vult exaudiri, ibi confiteatur qui vult sibi ignosci. Propterea populi confitebuntur tibi in aeternum, et in saeculum saeculi. Quia et in illa vita aeterna non erit iam quidem gemitus peccatorum, sed tamen in divinis laudibus supernae illius ac perpetuae civitatis non deerit sempiterna confessio tantae felicitatis. Ipsi enim civitati, cui alius psalmus cantat: Gloriosa dicta sunt de te, civitas Dei  101; ipsi sponsae Christi, ipsi reginae filiae regis, et coniugi regis; quia principes eius sunt memores nominis eius in omni generatione et generatione, id est, quamdiu transeat hoc saeculum, quod multis generationibus agitur, gerentes pro illa caritatis curam, ut de isto saeculo liberata in aeternum Deo conregnet; propter hoc eidem ipsi confitebuntur populi in aeternum, conspicuis et manifestis illic cordibus omnium perfecta caritate luminosis, ut se universam plenissime noverit, quae hic in multis suis partibus occulta sibi est. Unde admonemur ab Apostolo nihil ante tempus iudicare, donec veniat Dominus, et illuminet abscondita tenebrarum, et manifestet cogitationes cordis, et sit laus unicuique a Deo  102. Ipsa enim sancta civitas sibi quodammodo confitebitur, cum populi eius quibus constat, ipsi civitati confitebuntur in aeternum; ut ex nulla parte se lateat, nullo in se existente cuius aliquid lateat.

 

 

*     *     *

 

 

SUL SALMO 44

 

ESPOSIZIONE

Discorso

 

 

Imitare l'innocenza dei piccoliriore dell'uomo.

 

1.[v 1.] Vi chiedo di esaminare attentamente con noi questo salmo che noi abbiamo cantato esultando con voi. È il cantico nuziale dello sposo e della sposa, del re e del popolo, del Salvatore e di coloro che debbono essere salvati. Colui che viene alle nozze con la veste nuziale, cercando la gloria dello sposo, non la sua, non soltanto ascolta volentieri, come sono soliti fare gli uomini desiderosi di vedere uno spettacolo, ma non di mostrare proprie azioni; ma comanda anche al suo cuore che non stia ivi ozioso, ma germogli, si sviluppi, cresca, si perfezioni, sia assunto. È necessario che noi siamo i figli di Core, per i quali vien cantato questo salmo, come reca il titolo del salmo. Erano costoro certamente uomini; purtuttavia ogni titolo delle Scritture divine insinua qualcosa per chi sa capire e non vuole essere un semplice ascoltatore ma vuol penetrarne il significato. Indaghiamo la parola ebraica e vediamo che cosa significhi Core; e, come ogni parola della Scrittura ha una interpretazione, figli di Core significa figli del Calvo. E non intendete in senso derisorio questo nome, per non far la figura dei fanciulli simili a quelli di cui leggiamo nel libro dei Regni, che insultavano il santo profeta Eliseo, e gridavano dietro di lui: Sali calvo, sali calvo. Tali fanciulli infatti, stoltamente cicalanti e maldicenti a loro danno, furono mangiati dalle belve uscite dalla selva 1. Tutto questo sta scritto, e noi abbiamo menzionato dove; coloro che ricordano, lo riconoscano; coloro che non ricordano, leggano; coloro che non hanno letto, credano. E che questo sia accaduto in immagine del futuro non ci deve sorprendere. In quei fanciulli sono raffigurati gli uomini stolti, che sono ignoranti; e l'Apostolo non vuole che noi siamo così, quando dice: non siate fanciulli quanto a intelletto 2. E poiché il Signore ci aveva invitati a imitare i bambini, quando pose dinanzi a sé un fanciullo e disse: Chi non sarà come questo fanciullo, non entrerà nel regno dei cieli 3; anche l'Apostolo, prudente dopo averci messo in guardia contro l'intelletto puerile, ci invita di nuovo ad imitare i fanciulli dicendo: Non siate fanciulli quanto a intelletto, ma siate bambini per la malizia, in modo da essere maturi di mente 4. Chi trova piacere nell'imitare il fanciullo, non imiti la sua ignoranza, ma la sua innocenza. È per ignoranza che quei bambini insultavano il calvo santo di Dio, e gridavano dietro di lui: Calvo, calvo. Capitò loro di essere divorati dalle belve; e nell'allegoria raffigurarono gli uomini che con lo stesso intelletto puerile deridevano un certo calvo; poiché appunto nel luogo del Calvario quello fu crocifisso. Costoro sono stati preda delle belve, cioè dei demoni, del diavolo e dei suoi angeli, che agisce nei figli della malafede. Erano bambini di questo genere coloro che, stando in piedi dinanzi al sacro legno, scuotevano il capo, e dicevano: Se è figlio di Dio, discenda dalla croce 5. Quanto a noi siamo figli di costui, perché siamo figli dello sposo 6; e per noi è intitolato questo salmo, il cui titolo dice:Per i figli di Core, per le cose che saranno mutate.

 

 

Il rinnovamento interiore dell'uomo.

 

2.Come spiegherò il significato delle parole:Per le cose che saranno mutate? Che dirò? Chiunque è mutato le conosce. Chi sente queste parole:Per le cose che saranno mutate, veda che cosa era e veda che cosa è ora. E dapprima si renda conto come è mutato il mondo; prima adorava gli idoli, ora adora Dio; prima serviva le cose che aveva fatto, ora serve colui dal quale è stato fatto. E vedete anche quando sono state dette le parole:Per le cose che saranno mutate. Ora i pagani rimasti temono le cose che sono cambiate; e coloro che non vogliono mutare, vedono le chiese piene, e i templi deserti; vedono qui la folla e là solitudine. Si stupiscono per le cose che sono cambiate; ebbene, leggano le profezie, prestino orecchio a colui che ha promesso, credano a colui che ha compiuto. Ma, fratelli, anche ciascuno di noi è mutato dal vecchio uomo nel nuovo: da infedele è divenuto fedele; da ladro, generoso donatore; da adultero, casto; da malvagio, degno. Si cantino dunque per noi le parole:Per le cose che saranno mutate, e si cominci così a narrare per opera di chi sono state mutate.

 

 
Cristo e la Chiesa, lo Sposo e la Sposa.

 

3. Continua infatti: Per le cose che saranno mutate, ai figli di Core, per l'intelligenza, cantico per il diletto. Infatti quel diletto è stato visto dai suoi persecutori, ma senza comprenderlo. Se lo avessero conosciuto, mai avrebbero crocifisso il Signore della gloria 7. Egli stesso spingeva gli occhi degli altri a questa intelligenza, dicendo: Chi vede me, vede anche il Padre 8. Canti dunque lui questo salmo: rallegriamoci nelle nozze, e saremo insieme a coloro che compiono le nozze, che sono invitati alle nozze; e gli stessi invitati sono la sposa. Infatti la sposa è la Chiesa, lo sposo Cristo. I retori sono soliti cantare certi carmi che si chiamano epitalami; a quelli che si sposano tutto quanto in essi si canta è in onore dello sposo e della sposa; forse che in queste nozze alle quali siamo invitati non c'è il talamo? E come è che allora in un altro salmo si dice: Nel sole ha posto la sua tenda, ed egli stesso come sposo che esce dal suo talamo 9? È unione nuziale quella tra il Verbo e la carne: il talamo di questa unione è il seno della Vergine. Infatti la carne stessa si è unita al Verbo; per cui si dice anche: Non più due, ma una sola carne 10. La Chiesa è tratta dal genere umano, affinché il capo della Chiesa sia la carne stessa unita al Verbo, e gli altri credenti siano le membra di quel Capo. Vuoi vedere infatti chi verrà alle nozze? In principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio, e il Verbo era Dio 11. Si rallegri la sposa amata da Dio. Quando amata? Quando era ancora deforme. Perché tutti hanno peccato - dice l'Apostolo - e hanno bisogno della gloria di Dio 12. E di nuovo: Infatti Cristo è morto per gli empi 13. Deforme è amata, affinché non resti deforme. Non è amata infatti perché deforme, in quanto non è la deformità che è amata; se fosse amata, verrebbe conservata; ha eliminata la deformità, e ha creato la bellezza. A chi è venuto, e chi ha formato? Venga ormai egli stesso nelle parole della profezia; ecco, lo stesso sposo avanzi verso di noi: amiamolo; oppure, se avremo trovato in lui qualcosa di deforme, non amiamolo. Egli invece ha trovato molte deformità; e ci ha amato; al contrario noi non dobbiamo amarlo se troviamo in lui qualcosa di deforme. Perché anche nel fatto che si è rivestito della carne, cosicché si dicesse di lui: Lo abbiamo visto, e non aveva bellezza né decoro 14, se considererai la misericordia nella quale si è fatto uomo, ivi è bello. Il profeta pertanto parlava a nome dei Giudei, quando diceva: Lo abbiamo visto, e non aveva bellezza né decoro. Perché? Perché lo vedevamo senza comprendere. Ma per coloro che capiscono, E il Verbo si è fatto carne 15 è di una sublime bellezza. Dice uno degli amici dello sposo: Lungi da me gloriarmi, se non nella croce del nostro Signore Gesù Cristo 16. È poco non arrossire della croce, se non te ne glorierai. Perché dunque non ebbe bellezza né decoro? Perché Cristo crocifisso, per i Giudei fu scandalo, e stoltezza per i Gentili. Ma perché anche nella croce aveva bellezza? Perché la follia di Dio è più sapiente degli uomini; e la debolezza di Dio è più forte degli uomini 17. A noi dunque, che crediamo lo Sposo si presenti sempre bello. Bello è Dio, Verbo presso Dio; bello nel seno della Vergine, dove non perdette la divinità e assunse l'umanità; bello il Verbo nato fanciullo, perché mentre era fanciullo, mentre succhiava il latte, mentre era portato in braccio, i cieli hanno parlato, gli angeli hanno cantato lodi, la stella ha diretto il cammino dei magi, è stato adorato nel presepio, cibo per i mansueti 18. È bello dunque in cielo, bello in terra; bello nel seno, bello nelle braccia dei genitori: bello nei miracoli, bello nei supplizi; bello nell'invitare alla vita, bello nel non curarsi della morte, bello nell'abbandonare la vita e bello nel riprenderla; bello nella croce, bello nel sepolcro, bello nel cielo. Ascoltate il cantico con intelligenza, e la debolezza della carne non distolga i vostri occhi dallo splendore della sua bellezza. Suprema e vera bellezza è la giustizia; non lo vedrai bello, se lo considererai ingiusto; se ovunque è giusto ovunque è bello. Venga a noi per farsi contemplare dagli occhi dello spirito descritto da questo suo profeta che lo loda. Ecco che comincia:

 

 

Tutto Dio fece per mezzo del Verbo.

 

4. [v 2.] Erompe dal mio cuore la buona parola. Chi dice questo, il Padre o il profeta? Alcuni hanno creduto che sia la voce del Padre che dice: Erompe dal mio cuore la buona parola, per magnificare a noi la nascita ineffabile. Affinché tu non creda per caso che Dio abbia preso qualcosa per generare il Figlio (allo stesso modo in cui l'uomo prende qualcosa per generare i suoi figli, la moglie, ad esempio, senza la quale l'uomo non può procreare la prole) ebbene, affinché tu non creda che Dio abbia bisogno di unirsi con qualcuno per generare il Figlio, erompe - dice - dal mio cuore la buona parola. Oggi il tuo cuore, o uomo, concepisce un disegno, e non ha bisogno della moglie; per mezzo del disegno nato dal tuo cuore tu costruirai qualcosa; e quella costruzione prima di esistere nella realtà è nel tuo pensiero e ciò che stai per realizzare è già nel progetto per il quale compirai la tua opera. Tu lodi la costruzione che non esiste ancora, la lodi non nella bellezza della realizzazione, ma nel progetto che hai in mente; né altri loda il tuo disegno, se tu non glielo avrai indicato, oppure se non avrà visto ciò che tu hai fatto. Orbene, se per mezzo del Verbo tutte le cose sono state fatte, e se il Verbo è da Dio, guarda l'opera compiuta per mezzo del Verbo e da questo edificio ammira il pensiero. Qual è questo Verbo per cui è stato fatto il cielo e la terra, e tutta la bellezza del cielo, tutta la fecondità della terra, l'estensione del mare, il diffondersi dell'aria, il fulgore delle stelle, la luce del sole e della luna? Tutte queste cose si vedono: passa oltre queste cose; pensa agli Angeli, ai Principati, ai Troni, alle Dominazioni, alle Potestà: tutte queste cose sono state fatte per mezzo di lui 19. Perché dunque sono state fatte tutte queste cose buone? Perché proruppe ciò per cui dovevano essere fatte: il Verbo buono. È buono dunque il Verbo; allo stesso Verbo infatti è stato detto: Maestro buono. E lo stesso Verbo risponde: Perché mi interroghi sul bene? Nessuno è buono, solo Dio. È stato detto: Maestro buono, e dice: Perché mi interroghi sul bene? E aggiunge: Nessuno è buono, solo Dio 20. Come dunque egli stesso è buono se non perché è Dio? Ma non è Dio da solo, è unico Dio insieme con il Padre. Dicendo infatti:Nessuno è buono, solo Dio, non si è separato, ma si è unito.Erompe dal mio cuore ilVerbo buono.Dirà ciò Dio Padre, del suo Verbo buono e autore del nostro bene, per mezzo del quale unico bene noi possiamo in qualche modo essere buoni.

 

 

L'eterna generazione del Verbo.

 

5.Continua: Io dico la mia opera al re. Parla ancora il Padre? Se è ancora il Padre che parla, indaghiamo e comprendiamo secondo la vera e cattolica fede le parole: Io dico la mia opera al re. Se infatti il Padre dice la sua opera al suo Figlio nostro re, quale opera dirà il Padre al Figlio, dato che tutte le opere del Padre sono state fatte per mezzo del Figlio? Oppure nelle parole: Io dico la mia opera al re, quel "dico" indica la generazione del Figlio? Temo un po' che tutto questo non possa essere capito dai più tardi. Purtuttavia lo dirò; mi segua chi può, dato che non potrebbe seguirmi chi può, se io non lo dicessi. In un altro salmo leggiamo: Una sola volta ha parlato Dio 21. Tante volte ha parlato per mezzo dei Profeti, tante volte per mezzo degli Apostoli, e oggi parla per mezzo dei suoi santi e dice: Una sola volta ha parlato Dio. In che modo ha parlato, se non perché pronunciò una sola Parola? Ma, come nelle parole: Erompe dal mio cuore la buona parola, comprendiamo che si tratta della generazione del Figlio, così mi sembra che nelle seguenti parole ci sia una ripetizione, per cui ciò che ha detto prima: Erompe dal mio cuore una buona parola equivale a ciò che dice ora: Dico. Che significa: Dico? Significa proferisco una parola. E donde Dio proferisce una parola, se non dal suo cuore, dal suo intimo? Tu non dici niente che non derivi dal tuo cuore; la tua parola che echeggia e passa, non deriva da altro luogo che non sia il tuo cuore; e ti stupisci che Dio parli così? Ma il dire di Dio è eterno. Tu dici qualcosa ora, perché poco prima tacevi; ecco, non ancora hai proferito la parola, ma quando avrai cominciato a proferirla, spezzi in un certo qual modo il silenzio, e generi la parola che prima non era. Non così Dio ha generato la Parola: il dire di Dio è senza inizio e senza fine; e tuttavia dice una sola Parola. Ne dica un'altra, se ciò che ha detto è passato. Ma siccome colui che ha detto resta, e ciò che è stato detto resta, e una sola volta è detto e non è finito, ciò stesso che è stato detto è senza inizio né viene detto due volte, perché non passa ciò che è stato detto una sola volta. Insomma: Erompe dal mio cuore la buona parola, equivale a: Io dico la mia opera al re. Perché dice dunque: Io dico la mia opera? Perché nel Verbo stesso sono tutte le opere di Dio. Perché tutto ciò che Dio avrebbe fatto nella creazione, era già nel Verbo; e non sarebbe nelle cose, se non fosse nel Verbo; allo stesso modo in cui in te non sarebbe nella realtà, se essa non fosse nel pensiero. È detto nel Vangelo: Ciò che è stato fatto in lui era vita 22.Già dunque esisteva ciò che è stato fatto, ma nel Verbo; e tutte le opere di Dio ivi erano, e le opere non erano ancora; ma il Verbo era, e questo Verbo era Dio, ed era presso Dio, ed era Figlio di Dio, ed era insieme con il Padre l'unico Dio.Io dico la mia opera al re. Ascolti queste parole colui che capisce il Verbo; e veda insieme con il Padre l'eterno Verbo, nel quale sono tutte le cose che saranno e nel quale non vengono meno le cose che sono passate. Queste opere di Dio nel Verbo, sono nel Verbo, sono nell'Unigenito, sono nel Verbo di Dio.

 

 

L'incarnazione del Verbo.

 

6. Che cosa dice in seguito? La mia lingua è penna di scriba veloce. Che rapporto ha, fratelli miei, la lingua di Dio con la penna dello scriba? Che rapporto ha la pietra con Cristo 23? Che rapporto ha l'agnello con il Salvatore 24, il leone con la forza dell'Unigenito 25? Purtuttavia tutte queste cose son dette; e se non fossero dette, noi non avremmo conosciuto in qualche modo l'invisibile per mezzo delle cose visibili. Noi non facciamo nostro il paragone tra questa umile penna e l'eccellenza di lui, ma tuttavia neppure lo respingiamo. Cerco perché ha detto che la sua lingua è penna di scriba veloce? Ma scriva velocemente quanto vuole lo scriba, non lo si potrà paragonare a quella velocità della quale un altro salmo così dice: Velocissima corre la sua parola 26.Mi sembra però, se tanto osa l'umana intelligenza, che si possano intendere dette dalla voce del Padre le parole:La mia lingua è penna di scriba.Perché ciò che la lingua dice, risuona e passa; ciò che è scritto resta; e poiché Dio dice il Verbo, e il Verbo che è detto non risuona e passa, ma è detto e resta, Dio ha preferito paragonare il suo Verbo alle cose scritte, e non alle parole. Dicendo poi:Che velocemente scrive, ha spinto la mente a comprendere; ma non resti pigra, guardando i copisti oppure qualche veloce scriba; se guarderà costoro, resterà lì. Pensi velocemente a quelvelocemente; e veda perché è detto:velocemente.Il velocemente di Dio è tale che non c'è niente di più veloce. Nello scrivere infatti si scrive lettera dopo lettera, sillaba dopo sillaba, parola dopo parola; e non si passa alla seconda parola, se non è stata scritta completamente la prima. Ivi invece niente è più veloce, poiché le parole non sono molte né tuttavia qualche cosa è omesso, in quanto in una sola sono tutte.

7. [v 3.] Ecco che, una volta detto questo Verbo, eterno, coeterno dall'eternità, verrà lo sposo. Bello al di sopra dei figli degli uomini. Dice: Al di sopra dei figli degli uomini. Perché non anche al di sopra degli angeli? Perché ha preferito dire: Al di sopra dei figli degli uomini, se non perché è uomo? Affinché tu non creda che Cristo uomo sia un uomo qualsiasi, dice: Bello al di sopra dei figli degli uomini. Anche come uomo è al di sopra dei figli degli uomini; anche tra i figli degli uomini è al di sopra dei figli degli uomini; anche come uno dei figli degli uomini, è al di sopra dei figli degli uomini. Diffusa è la grazia sulle tue labbra, aggiunge. La legge è stata data per mezzo di Mosè; la grazia e la verità si è compiuta per mezzo di Gesù Cristo 27. Diffusa è la grazia sulle tue labbra. Giustamente sono stato soccorso perché mi diletto nella legge di Dio secondo l'uomo interiore. Ma un'altra legge nelle mie membra si oppone alla legge del mio spirito, e mi trascina prigioniero nella legge del peccato, che è nelle mie membra. Me misero uomo, chi mi libererà dal corpo di questa morte? La grazia di Dio per mezzo di Gesù Cristo nostro Signore 28. Orbene: Diffusa è la grazia sulle tue labbra. È venuto a noi con la parola della grazia, con il bacio della grazia. Che cosa è più dolce di questa grazia? A chi spetta questa grazia? Ai beati le cui ingiustizie sono rimesse, e i cui peccati sono celati 29. Se il giudice venisse severo, e non portasse questa grazia diffusa sulle sue labbra, chi potrebbe sperare nella salvezza? Chi non temerebbe per sé ciò che era dovuto al peccatore? Egli venendo con la grazia, non esige ciò che gli era dovuto e scioglie ciò che non doveva. Forse che il peccatore non doveva la morte? E a te, peccatore, che cosa era dovuto se non il supplizio? Ha rimesso i tuoi debiti e ha pagato ciò che non doveva. Grande grazia. Perché grazia? Perché gratuita. Perché a te conviene rendere grazie, non restituire; non potresti. Colui che cercava qualcosa da restituire disse: Che cosa restituirò al Signore per tutte le cose che mi ha dato? E come se avesse trovato qualcosa, aggiunse: Prenderò il calice della salvezza, e invocherò il nome del Signore 30.Questo gli restituisci, prendendo il calice della salvezza e invocando il nome del Signore? Chi ti ha dato quello stesso calice salutare? È rimasto nell'azione di grazie, perché nella corresponsione è venuto meno. Ho trovato che cosa potrai dare a Dio, che da lui non hai ricevuto; e gli renderai grazia. Ma stai attento, mentre cerchi che cosa dargli che tu non abbia ricevuto da lui, di non trovare il tuo peccato. Quello da lui non l'hai ricevuto certamente, ma neppure lo devi dare a lui. È ciò che gli hanno dato i Giudei, che restituirono il male per il bene; avevano ricevuto da lui la pioggia, e non hanno dato il frutto, ma le spine delle sofferenze. Ebbene, qualunque cosa buona che in te stesso tu vorrai dare a Dio, troverai che non l'hai ricevuta da nessun altro se non da Dio. Questa è la grazia di Dio diffusa sulle labbra. Ti ha fatto, e gratis ti ha fatto. Non aveva alcun dovere verso nessuno prima di creare. Ti eri perduto, ti ha cercato; e dopo averti trovato ti ha richiamato. Non ha imputato le cose passate, ha promesso quelle future. Veramente diffusaè la grazia sulle tue labbra.

8. Per questo - dice - Dio ti ha benedetto in eterno. È faticoso riuscire a intendere queste parole come dette ancora da Dio Padre: Per questo Dio ti ha benedetto in eterno. Sembra più facile intenderle come dette dalla persona del profeta. Nei Santi Libri delle Scritture si trovano, e del tutto all'improvviso, repentini cambiamenti di persona, per chi vi presta attenzione, piene ne sono le pagine divine. Signore, libera la mia anima dalle labbra ingiuste, e dalla lingua ingannatrice; e subito: Che cosa ti è dato o che cosa ti è aggiunto contro la lingua ingannatrice? Là era una persona che parlava, qui un'altra; là uno che chiede, qui che soccorre. Acute le frecce del potente, con carboni devastatori. Un'altra persona è quella che dice: Che cosa ti ha dato, o che cosa ti è aggiunto; e nelle parole che seguono diventa un'altra: Ahimé! perché lungo è diventato il mio esilio 31.Un così frequente cambiamento di persone in pochi versi stimola l'intelligenza; non è indicato il luogo ove avviene il cambiamento; non è detto: questo ha detto l'uomo, questo ha detto Dio; ma dalle stesse parole ci vien fatto comprendere che cosa compete all'uomo e che cosa a Dio. È sì un uomo che diceva:Erompé il mio cuore la buona parola, io dico la mia opera al re.Un uomo le diceva, le diceva colui che ha scritto il salmo; ma diceva queste parole nella persona di Dio. Poi ha cominciato a parlare in nome proprio:Per questo Dio ti ha benedetto in eterno.Dio aveva detto infatti:Diffusa è la grazia sulle tue labbra, a colui che aveva fatto bello tra i figli degli uomini, l'uomo che Dio aveva generato prima di ogni cosa, eterno e coeterno. Ricolmo di gioia ineffabile è dunque il profeta, il quale, guardando ciò che Dio Padre ha rivelato agli uomini del suo Figlio, ha potuto dire queste cose nella persona di Dio. Dice:Per questo Dio ti ha benedetto in eterno.Perché? Per la grazia. Questa grazia, infatti, dove conduce? Al Regno dei Cieli. Il primo Testamento aveva promesso la terra; e uno era il premio o la promessa per coloro che erano posti sotto la legge, un altro per coloro che erano posti sotto la grazia. La terra dei Cananei era per i Giudei posti sotto la legge, il Regno dei Cieli per i Cristiani posti sotto la grazia. Ne consegue che ciò che spettava a coloro che erano posti sotto la legge, il regno, la terra, tutto ciò passò; il Regno dei Cieli che spetta a coloro che sono posti sotto la grazia, non passa. Per questo qui ha detto:Dio ti ha benedetto -non nel tempo -ma in eterno.

 

 

Non vi è opera maggiore per l'uomo che lodare Dio.

 

9.Non sono mancati coloro che hanno preferito intendere come dette dalla persona del profeta tutte le parole sin qui spiegate; che sia cioè stato il profeta a dire: Erompe dal mio cuore la buona parola, come se dicesse un inno. (Chiunque infatti dice un inno a Dio, fa uscire dal suo cuore la buona parola, come, chi bestemmia contro Dio, lascia prorompere dal suo cuore una parola malvagia). Così quanto segue: Io dico la mia opera al re, l'hanno inteso in questo modo: la somma opera dell'uomo è soltanto lodare Dio. Nella sua bellezza egli vuole esserti gradito, e a te spetta lodarlo rendendogli grazie. Se la tua preoccupazione non sarà lodare Dio, allora incominci ad amare te stesso; e farai parte di coloro dei quali l'Apostolo dice: Saranno uomini che amano se stessi 32. Sii sgradito a te stesso, ti sia gradito colui che ti ha fatto; perché così ti sarà sgradito ciò che tu hai fatto a te medesimo. La tua opera sia la lode di Dio, prorompa il tuo cuore in una buona parola. Di' dunque: l'opera tua al re; perché tu la dica il re ti ha fatto, ed egli stesso ti ha dato di che offrire a lui. Restituiscigli ciò che è suo: non andartene lontano, presa la parte del tuo patrimonio, a dissiparlo con prodigalità in compagnia delle meretrici, e a pascere i porci. Ricordatevi di questo dal Vangelo. Ma anche per noi è detto: Era morto, ed è risuscitato; si era perduto ed è stato ritrovato 33.

10.La mia lingua è penna di scriba, che velocemente scrive. Non sono mancati coloro che hanno inteso che il profeta abbia detto le cose che scriveva, e perciò abbia paragonato la sua lingua alla penna dello scriba. Essi ritengono che poi abbia detto che velocemente scrive, per intendere che egli scriveva le cose che sarebbero accadute velocemente, per cui scrivere velocemente significherebbe scrivere cose veloci, cioè scrivere cose che non tarderanno a verificarsi. Non ha tardato infatti Dio a manifestare Cristo. Quanto rapidamente ci si accorge di ciò che è passato, quando si sa che è accaduto! Ricordati delle generazioni che ti hanno preceduto, e troverai Adamo come se fosse stato creato ieri. Così leggiamo tutte le cose compiute fin dall'inizio; dunque, velocemente si sono compiute. Velocemente verrà il giorno del giudizio: previeni la sua velocità; velocemente verrà e tu sii più veloce nel convertirti. Sarà presente il volto del giudice, ma ricordati ciò che dice il profeta: Preveniamo il suo volto nella confessione 34. Diffusa è la grazia sulle sue labbra, per questo Dio ti ha benedetto in eterno.

 

 

La forza dell'amore di Dio.

 

11.[v 4.] Cingi la tua spada al fianco, o potentissimo.La tua spada che cosa è se non la tua parola? Con quella spada ha abbattuto i nemici, con quella spada ha diviso il figlio dal padre, la figlia dalla madre, la nuora dalla suocera. Leggiamo nel Vangelo: Non sono venuto a portare la pace, ma la spada. E ancora: Saranno in una stessa casa cinque divisi tra di loro, due contro tre, e tre contro due saranno divisi, cioè il figlio contro il padre, la figlia contro la madre, la nuora contro la suocera 35.Questa divisione con quale spada è stata fatta, se non con quella che Cristo ha portato? E di nuovo, fratelli, vediamo tutto questo anche nella vita di ogni giorno. A un giovane piace servire Dio, ma a suo padre non piace; sono divisi tra loro: uno promette l'eredità terrena, l'altro ama quella celeste; una cosa questo promette, un'altra cosa quello sceglie. Non creda il padre che gli sia fatta ingiuria; Dio solo a lui è preferito; e tuttavia litiga con il figlio che vuole servire Dio. Ma quella spada spirituale che separa, è più forte della natura carnale che unisce. E ciò accade anche nella figlia che si trova contro la madre, e molto di più nella nuora che si trova contro la suocera. Infatti, spesso, si trovano in una stessa casa la nuora e la suocera, e l'una è eretica e l'altra cattolica. E là dove con forza si riceve questa spada, non temiamo la ribattezzazione. La figlia è divisa da sua madre, e non può la nuora esserlo dalla suocera?

 

 

L'opera redentiva di Cristo.

 

12. Questo accade, generalmente, tra gli uomini: il figlio è contro il padre. Fummo infatti un tempo figli del diavolo. Così agli infedeli si dice: Voi avete per padre il diavolo 36. E tutta la nostra infedeltà, donde deriva se non dal padre diavolo? Non è padre perché ci ha creato, ma noi siamo figli suoi perché lo imitiamo. Vediamo il figlio diviso dal padre. È venuta quella spada, ha rinunziato al diavolo, ha trovato un altro padre, ha trovato un'altra madre. Quello mostrandosi per essere imitato, generava per la perdizione; i due genitori che abbiamo trovato generano per la vita eterna. Il figlio è diviso dal padre. Anche la figlia è divisa dalla madre: quella folla che, pur facendo parte dei Giudei, credette, è divisa dalla Sinagoga. Divisa è la nuora dalla suocera: la folla venuta dai Gentili è chiamata nuora, perché è sposa di Cristo figlio della Sinagoga. Donde è nato infatti il Figlio di Dio secondo la carne? Da quella Sinagoga. Colui che abbandonò il padre e la madre e si unì alla sua sposa, affinché fossero due in una sola carne 37, non è una nostra invenzione, ma lo attesta l'Apostolo dicendo: questo è un grande sacramento, ma io lo dico in ordine a Cristo e alla Chiesa 38. Abbandonò infatti in certo qual modo il Padre, non per lasciarlo, ma per accettare la carne umana. In qual modo lo abbandonò? Perché pur essendo in forma di Dio, non stimò una rapina l'essere uguale a Dio, ma annientò se stesso prendendo forma di schiavo 39. In qual modo abbandonò anche la madre? Abbandonando la gente giudea, quella Sinagoga che si teneva stretta ai vecchi riti. A questo si vogliono riferire le parole che dicono: Chi è mia madre, o chi sono i miei fratelli? 40 Perché egli all'interno insegnava, mentre essi stavano al di fuori. Vedete un po' se non sono proprio così i Giudei: Cristo insegna nella Chiesa, essi stanno al di fuori. E chi è dunque la suocera? La madre dello sposo. La madre dello sposo, del nostro Signore Gesù Cristo è la Sinagoga. Per questo la sua nuora, la Chiesa, che, venendo dalle genti, non ha acconsentito alla circoncisione carnale, si è divisa dalla suocera.Cingi la tua spada.Della potenza di questa spada abbiamo parlato, dicendo queste cose.

 

 

Il giudizio di Dio è diverso da quello dell'uomo.

 

13.Cingi la tua spada, cioè la tua parola; al tuo fianco, o potentissimo perché al tuo fianco hai la spada. Che vuol dire: al tuo fianco? E che significa il fianco? La carne. Per questo è detto: Non verrà meno il principe da Giuda, e il capo dai suoi fianchi 41. E lo stesso Abramo, cui era stata promessa una discendenza nella quale dovevano essere benedette tutte le genti, quando mandò il suo servo a cercare e a portare la sposa per il suo figlio (donde sarebbe venuta quella discendenza nella quale tutte le genti sarebbero state benedette), riserbando in quella fede e nella umiltà del seme la grandezza del nome, cioè il Figlio di Dio che doveva venire ai figli degli uomini per mezzo del seme di Abramo, non lo fece giurare così? Poni la tua mano sotto il mio fianco - gli disse - e così giura 42. È come se dicesse: Poni la tua mano sull'altare, oppure sul Vangelo, oppure sul profeta, o su qualcosa di santo. Sotto il mio fianco, disse, poni la mano; dimostrando fiducia; non ossequiando qualche turpitudine, ma comprendendo la verità. Per questo cingi la tua spada al fianco, o potentissimo. Potentissimo anche nel fianco; perché ciò che è debole in Dio è più forte degli uomini 43.O potentissimo.

14.[v 5.]Nella tua bellezza e nella tua leggiadria.Ricevi la giustizia nella quale sei sempre leggiadro e bello.E avanza, e maestoso procedi e regna.Forse che non lo vediamo? Certamente questo è già accaduto. Osservate il mondo: avanza maestoso, procede, e regna; a lui sono soggette tutte le genti. Che significa vedere tutto questo in spirito? Ciò che ora significa sperimentarlo nella verità. Quando queste cose erano dette, non ancora regnava Cristo, non ancora avanzava, non ancora procedeva: era soltanto annunziato. Tutto si è manifestato, ora lo tocchiamo con mano; molte cose già Dio ci ha reso, solo in poche è ancora nostro debitore.Avanza, e maestoso procedi e regna.

 

 

Il Figlio perfettamente uguale al Padre.

 

15.Per la verità e la mansuetudine e la giustizia. La verità è stata donata quando germogliò dalla terra, e la giustizia riguardò dal cielo 44. Cristo si è presentato all'attesa del genere umano, affinché nel seme di Abramo fossero benedette tutte le genti. È stato predicato il Vangelo; è la verità. E la mansuetudine? I martiri hanno sofferto, e quindi molto avanzò e si diffuse tra tutte le genti il Regno di Dio; perché i martiri soffrivano, non venivano meno né si opponevano; dicendo tutto, nulla nascondendo, preparati a tutto, niente rifiutando. Grande mansuetudine! Il Corpo di Cristo tutto questo ha fatto, lo ha appreso dal suo Capo. Egli, per primo, come pecora al macello è stato condotto alla morte, e come agnello di fronte al tosatore non ha aperto la sua bocca 45; mansueto fin al punto da dire, mentre era appeso alla croce: Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno 46. E che dire della giustizia? Verrà, verrà per giudicare e darà a ciascuno secondo le sue opere 47. Ha detto la verità, ha rimosso l'ingiustizia, porterà l'equità.E mirabilmente ti condurrà la tua destra.Noi saremo guidati dalla destra di lui, egli dalla sua destra. Perché egli è Dio, noi uomini. Dalla sua destra è condotto, cioè dalla sua potenza. Infatti la potenza che ha il Padre, ce l'ha anche lui ed anche l'immortalità del Padre, la divinità del Padre, l'eternità del Padre, la virtù del Padre. Mirabilmente lo condurrà la sua destra: compiendo opere divine, sopportando i dolori umani, abbattendo con la sua bontà le malvagità degli uomini. Anche ora è condotto là dove non è ancora e la sua destra lo conduce. Ciò che lo conduce è ciò che egli stesso ha donato ai suoi santi.Mirabilmente ti condurrà la tua destra.

 

 

È l'amore che rende l'uomo amico di Dio.

 

16. [v 6.] Le frecce tue acute, potentissime. Sono le parole che trafiggono il cuore, e suscitano l'amore. Per questo è detto nel Cantico dei Cantici: Perché io sono ferita d'amore 48. Dice di essere ferita d'amore, cioè dice di amare, di anelare, di sospirare lo sposo dal quale ha ricevuto la freccia della parola. Le frecce tue acute, potentissime che trafiggono e sono efficaci: acute, potentissime. I popoli sotto di te cadranno. Chi è caduto? Chi è stato colpito è caduto. Vediamo i popoli soggetti a Cristo, ma non li vediamo cadere. Spiega perciò ove cadono: nel cuore. Ivi si levavano contro Cristo, ivi cadono dinanzi a Cristo. Saulo bestemmiava Cristo, era in piedi; supplica Cristo, è caduto, si è prostrato; ucciso è il nemico di Cristo, affinché viva il discepolo di Cristo. Dal cielo è partita una freccia, Saulo è stato colpito al cuore, non Paolo, ancora Saulo, ancora eretto, non ancora prostrato; ha ricevuto la freccia, è caduto nel cuore. Non quando era prostrato col volto a terra era caduto nel cuore ma quando dice: Signore, che cosa mi ordini di fare? 49 Dianzi andavi per incatenare i Cristiani e condurli al supplizio; e ora dici a Cristo: Che cosa mi ordini di fare? O freccia acuta, potentissima, ricevuta la quale Saulo è caduto per diventare Paolo! Come Saulo così i popoli; osservate le genti, vedete che sono soggette a Cristo. Orbene: I popoli sotto di te cadranno, nel cuore dei nemici del re; cioè nel cuore dei tuoi nemici. Infatti egli lo chiama re e come tale lo riconosce. I popoli sotto di te cadranno, nel cuore dei nemici del re. Erano nemici; hanno ricevuto le tue frecce, sono caduti dinanzi a te. Da nemici sono diventati amici; i nemici sono morti, gli amici vivono 50. Cioè:le cose che dovranno cambiare.Cerchiamo di intendere ogni parola, ogni verso; indaghiamo in modo tale che nessuno dubiterà che queste parole trattano di Cristo.I popoli sotto di te cadranno, nel cuore dei nemici del re.

 
Conformità alla volontà divina.

 

17. [v 7.] Il tuo trono, Dio, nei secoli dei secoli. Poiché Dio ti ha benedetto in eterno, a cagione della grazia diffusa sulle tue labbra. Ma c'era anche il trono temporale del regno giudaico, che apparteneva a coloro che erano sotto la legge, non a coloro che erano sotto la grazia; egli è venuto per liberare coloro che erano sotto la legge, e porli sotto la grazia. Il suo trono nei secoli dei secoli. Perché? Perché quel primo trono del regno era temporale. E perché ora il trono è nei secoli dei secoli? Perché è di Dio. Il tuo trono, Dio, nei secoli dei secoli. O divinità eterna! Non può Dio infatti avere un trono temporale. Il tuo trono, Dio, nei secoli dei secoli. Scettro di rettitudine, scettro del tuo regno. È lo scettro di rettitudine che dirige gli uomini. Erano curvi, erano distorti, desideravano regnare, si amavano, prediligevano le loro cattive azioni; non sottomettevano la loro volontà a Dio, ma volevano sottomettere la volontà di Dio alle loro brame. Si adira infatti il peccatore e l'ingiusto con Dio, perché non piove; e non vuole che Dio si adiri con lui perché vacilla e cade. E a questo scopo si riuniscono quasi ogni giorno gli uomini, per disputare contro Dio: doveva fare questo - dicono -; questo non l'ha fatto bene. Tu vedi che cosa fai, ed egli non lo sa? Tu sei distorto, egli è retto. Il distorto ed il retto quando si uniscono? Non possono allinearsi. Come se in un pavimento livellato tu ponessi una tavola curva; non si congiunge, non si adatta, non trova il suo posto nel pavimento; ovunque il pavimento è livellato; ma quella tavola è curva, e non si adatta con ciò che è dritto. Dunque la volontà di Dio è dritta, la tua è curva; per questo a te sembra curva quella, perché tu non sei capace di adattarti ad essa. Raddrizzati sull'esempio di quella, non pretendere di curvarla secondo i tuoi criteri; poiché non lo puoi, tenti inutilmente: essa è sempre retta. Vuoi unirti ad essa? Correggiti. Sarà la verga di lui che ti regge, la verga della rettitudine. La parola re deriva dal verbo reggere. Ma non regge chi non corregge. Per questo il nostro re è re di tutti i reggitori. Allo stesso modo in cui il sacerdote è tale perché ci santifica, così il re è tale perché ci regge. Che cosa dice in un altro passo? Con il santo sarai santo, con l'uomo innocente sarai innocente, con l'eletto sarai eletto e con il perverso sarai perverso 51. Non perché Dio è perverso, ma perché i perversi lo considerano loro pari. Se ti piace il bene, Dio è buono; se ti dispiace, Dio ti appare quasi malvagio. Dio ti appare curvo, ma è la tua stortura che te lo fa sembrare tale; infatti la sua rettitudine rimane sempre retta. Ascolta ciò che dice in un altro salmo: Quanto è buono il Dio di Israele con i retti di cuore! 52

 
L'amicizia di Dio in noi e l'odio per il peccato.

 

18. [v 8.] Scettro di rettitudine è lo scettro del tuo regno. Haiamato la giustizia e odiato l'iniquità. Osserva lo scettro di rettitudine: Hai amato la giustizia e odiato l'iniquità. Avvicinati a questo scettro, sia Cristo re per te: ti regga questa verga se non vuoi che ti spezzi. Perché quello scettro è ferreo, inflessibile. E che cosa è detto di esso? Li reggerai con verga ferrea, e come vasi di argilla li stritolerai 53. Alcuni regge, altri stritola: regge gli spirituali, stritola i carnali. Avvicinati dunque a questa verga. Che cosa temi in essa? La verga tutta intera è in queste parole: Hai amato la giustizia e odiato l'iniquità. Che cosa temi? Ma forse tu eri ingiusto; hai udito il tuo re, e, perché egli odia l'iniquità, lo temi. Ma c'è qualcosa che puoi fare. Che cosa odia? L'iniquità; forse che odia anche te? Ma in te c'è l'iniquità? Dio odia quella, odiala anche tu e allora odierete ambedue la stessa cosa. Sarai infatti amico di Dio, se odierai quello che egli odia. Del pari amerai ciò che egli ama. Ti sia sgradita la tua ingiustizia, e ti sia gradita la sua creatura. Perché tu sei un uomo ingiusto. Ho detto due parole: due nomi, uomo e ingiusto; di questi due nomi uno si riferisce alla natura, l'altro alla colpa; uno lo ha fatto Dio, l'altro lo hai fatto tu: ama ciò che ha fatto Dio, e odia ciò che tu hai fatto, perché anche lui odia ciò che tu hai fatto. Vedi come già cominci a unirti con lui, poiché odi ciò che egli odia. Il peccato dovrà essere punito, perché lo scettro di rettitudine è lo scettro del suo regno. Ma potrebbe non punire il peccato? Non può; il peccato deve essere punito; se non dovesse esser punito, non sarebbe neppure peccato. Previenilo; se non vuoi che egli ti punisca, punisciti da te. Per questo infatti egli ancora ti risparmia, rimanda la punizione, trattiene la mano, tende l'arco, cioè ti minaccia. Griderebbe tanto che ti ferirà se volesse ferirti? Se egli trattiene la sua mano dinanzi ai tuoi peccati; non trattenerla tu. Convertiti per punire i tuoi peccati, perché i peccati non possono restare impuniti. Dovrai essere punito, o da te stesso oppure da lui; non ti risparmiare, affinché egli ti perdoni. Osserva l'esempio in quel salmo della penitenza: Distogli il tuo volto dai miei peccati 54. Ha detto forse: distogli il tuo volto da me? Infatti in un altro passo più apertamente dice: Non distogliere il tuo volto da me 55. Dice dunque: Distogli il tuo volto dai miei peccati, cioè non voglio che tu veda i miei peccati, perché vedere per Dio significa rendersi conto. Per questo si dice che anche il giudice si rende conto di ciò che punisce, cioè considera attentamente la colpa, e si avvia a punirla, in quanto è giudice. Così anche Dio è giudice. Distogli il tuo volto dai miei peccati. Tu non distogliere il tuo volto dalle tue colpe, se vuoi che Dio distolga da essi la sua faccia. Osserva in qual modo offre tutto questo a Dio nello stesso salmo: Il mio delitto io conosco, e il mio peccato è sempre dinanzi a me 56. Non vuole che sia dinanzi a Dio, ciò che vuole che sia dinanzi a sé.Scettro di rettitudine, scettro del tuo regno. Nessuno si illuda troppo sulla misericordia di Dio; è scettro di rettitudine. Diremo forse che Dio non è misericordioso? Che cosa è più misericordioso di lui, che perdona in modo tale ai peccatori da non curarsi del passato di coloro che a lui si convertono? Vedi in questa luce la sua misericordia, se vuoi essere nella verità; la misericordia infatti non può togliergli la giustizia, né la giustizia togliergli la misericordia. Frattanto, finché egli rimanda la punizione, non rimandarla tu; perché è scettro di rettitudine, scettro del suo regno.

 

 

Divinità ed umanità di Cristo.

 

19.Hai amato la giustizia e odiato l'iniquità; per questo ti ha unto Dio, il tuo Dio.Per questo ti ha unto, perché tu amassi la giustizia e odiassi l'iniquità. Osserva in qual modo dice:Per questo ti ha unto, Dio, il tuo Dio.O Dio, ti ha unto il tuo Dio. Dio è unto da Dio. Infatti in latino tanto il primo che il secondo nome sono allo stesso caso:Deus tuus; in greco invece evidentissima è la distinzione, perché uno è quello che subisce l'azione, e l'altro quello che la compie:Ti ha unto, Dio.Quindi:O Tu che sei Dio, ti ha unto il tuo Dio, è come se dicesse: per questo unse te, o Dio, il tuo Dio. Così intendete, così comprendete, così in greco è chiarissimo. Chi è dunque il Dio unto da Dio? Ce lo dicono i Giudei. Queste Scritture sono ben note. Dio è unto da Dio: quando senti dire l'unto, comprendi che è Cristo. Perché Cristo deriva da crisma; questo nome, Cristo, significa unzione. In nessun altro luogo si ungevano i re e i sacerdoti, se non in quel regno ove Cristo era profetato ed era unto, e donde doveva venire il nome di Cristo; assolutamente in nessun altro luogo, in nessun altro popolo, in nessun altro regno accadeva così. Orbene Dio è unto da Dio; con quale olio se non con quello spirituale? Infatti l'olio visibile è nel simbolo, l'olio invisibile è nel sacramento, l'olio spirituale è nell'intimo. Dio è unto per noi, ed è mandato a noi; e lo stesso Dio, per essere unto, era uomo. Ma era uomo in modo tale da essere Dio; ed era un Dio che non disdegnava di essere uomo: vero uomo, vero Dio, né nell'uno né nell'altro caso ingannatore o falso; perché in ambedue i casi veritiero, sempre verità. È dunque Dio uomo, e perciò Dio unto, perché è uomo-Dio, ed è divenuto Cristo.

 

 

La visione di Giacobbe.

 

20. Questo era raffigurato nella pietra che Giacobbe aveva posto a capo del letto e su cui dormiva 57. Il patriarca Giacobbe dunque aveva posto questa pietra a capo del letto; ma dormendo, poggiando la testa su tale pietra, vide dai cieli aperti una scala dal cielo fino alla terra, e gli angeli che salivano e che discendevano. Visto tutto questo si svegliò, unse la pietra e se ne andò. Vide Cristo in quella pietra, e perciò la unse. Vedete fin da quando è stato annunziato Cristo. Che cosa significa l'unzione di quella pietra, soprattutto presso i patriarchi che adoravano un solo Dio? Giacobbe compì l'unzione come figura e se ne andò. Non unse la pietra, e venne poi lì sempre ad adorarla, e a fare sacrifici su di essa. Il mistero fu manifestato, non ebbe inizio il sacrilegio. E osservate questa pietra: La pietra che i costruttori hanno respinta, è divenuta pietra angolare 58. E poiché Cristo è il capo dell'uomo 59, per questo quella pietra si riferisce al capo. Prestate attenzione al grande mistero: la pietra è Cristo. Dice Pietro: la pietra viva respinta dagli uomini ma eletta da Dio 60. La pietra si riferisce al Capo, perché il Capo dell'uomo è Cristo 61. E la pietra è unta perché Cristo è così chiamato da crisma. E sono state viste le scale, grazie alla rivelazione di Cristo, dalla terra fino al cielo, o meglio dal cielo fino alla terra, e su di esse gli Angeli che salivano e discendevano 62. Che cosa significhi tutto questo lo vedremo meglio quando parleremo della testimonianza resa nel Vangelo dal Signore stesso. Sapete che Giacobbe è lo stesso che Israele. A lui infatti, dopo aver lottato con l'angelo ed aver vinto, e dopo essere stato benedetto da colui che aveva vinto, fu cambiato il nome e fu chiamato Israele 63; nello stesso modo il popolo di Israele vinse su Cristo tanto da crocifiggerlo; e tuttavia il popolo fu benedetto in coloro che in Cristo credettero, da colui stesso che era stato vinto. Ma molti non credettero e per questo Giacobbe zoppicava. Fu benedetto e zoppicava. Benedetto in coloro che avevano creduto; sappiamo infatti che, dopo, molti di quel popolo credettero. Ma zoppicava in coloro che non credettero. E poiché molti non credettero e solo pochi credettero, tanto che prese a zoppicare, toccò l'ampiezza del suo femore. Che significa l'ampiezza del suo femore? Significa la folla dei discendenti. Osservate dunque quella scala: il Signore allorché vide Natanaele nel Vangelo disse: Ecco un vero Israelita, in cui non vi è inganno 64. La stessa cosa è detta di Giacobbe: e Giacobbe stava senza inganno abitando nella casa 65. Ricordandosi di questo il Signore, vedendo Natanaele stare senza inganno in quel popolo e in quella gente, disse: Ecco un vero israelita, in cui non vi è inganno. Lo chiamò israelita, in cui non era inganno, a cagione di Giacobbe. E Natanaele gli rispose: Dove mi hai conosciuto? E il Signo dico, vedrete il cielo aperto, e gli Angeli di Dio salire e discendere sopra il Figlio dell'uomo 66. Salgano gli angeli di Dio e discendano da quella scala; si compia questo nella Chiesa. Gli angeli di Dio sono annunziatori di verità: salgano,e vedano: In principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio, e Dio era il Verbo. Discendano e vedano che il Verbo si è fatto carne, ed ha abitato tra noi 67. Salgano per innalzare i grandi; discendano, per nutrire i piccoli. Osserva Paolo che sale: Se siamo andati fuori di noi, è per Dio. Osservalo quando discende: Se siamo temperanti, è per voi 68. Osservalo che sale: Ho parlato di sapienza tra i perfetti. Osservalo quando discende: Vi ho dato da bere il latte, non il cibo solido 69. Questo accade nella Chiesa: salgono e discendono gli angeli di Dio sopra il Figlio dell'uomo; perché in alto è il Figlio dell'uomo al quale essi salgono con il cuore, cioè il suo Capo; e in basso è il Figlio dell'uomo, cioè il suo Corpo. Le sue membra sono qui, il Capo è in alto; si ascende al Capo, si discende alle membra. Cristo è là, Cristo è qui. Se fosse soltanto là, e non qui, donde verrebbero quelle parole: Saulo, Saulo, perché mi perseguiti? 70Che cosa infatti lo perseguitava in Cielo? Nessuno, né i Giudei, né Saulo, né il diavolo tentatore; nessuno lo perseguitava lassù; ma grida come grida la lingua nell'unità del corpo umano quando gli viene pestato un piede.

21.Hai amato la giustizia e odiato l'iniquità; per questo ti ha unto Dio, il tuo Dio.Abbiamo parlato di Dio unto, cioè di Cristo. Il nome di Cristo non può essere più chiaramente spiegato che col dire Dio unto. Allo stesso modo in cui erabello al di sopra dei figli degli uomini, così è untocon olio di letizia al di sopra dei suoi compagni.Chi sono i suoi compagni? I figli degli uomini; perché anche egli, in quanto Figlio dell'uomo, è fatto partecipe della loro mortalità, per fare essi partecipi della sua immortalità.

 

 

Cristo, la Chiesa i santi, gli eletti.

 

22. [v 9.] Mirra, aloè e cassia olezza dai tuoi abiti. Buoni profumi salgono dai tuoi abiti. Le sue vesti sono i suoi santi, i suoi eletti, tutta la sua Chiesa, che egli presenta come una veste senza macchia né ruga 71; la macchia l'ha lavata nel sangue, per la ruga si è disteso sulla croce. Da qui deriva il buon profumo che è indicato con gli aromi menzionati. Ascolta, quel Paolo, minimo [fra i santi], che è una frangia dell'abito che toccò la donna che soffriva di flusso di sangue e fu risanata 72; ascoltalo quando dice: Siamo il buon odore di Cristo in ogni luogo, e in coloro che sono salvati, e in coloro che periscono 73. E non ha detto: siamo il buon odore in coloro che sono salvati, e il cattivo odore in coloro che periscono. Ha detto invece: Per quanto ci concerne, siamo il buon odore e in coloro che sono salvati e in coloro che periscono. Non è certo improbabile né incredibile che l'uomo sia salvato nel buon profumo; ma è irragionevole pensare che l'uomo perisca nel buon odore. Grande forza, grande verità; anche se non la si può capire, così è. Infatti, affinché sappiate che è difficile a capirsi, subito aggiunge: E chi è capace di tanto? Chi può capire che gli uomini muoiono nel buon profumo? Tuttavia qualcosa vi dirò, fratelli. Ecco, Paolo predicava il Vangelo; molti lo amavano come predicatore del Vangelo, molti lo invidiavano. Coloro che lo amavano si salvavano nel buon profumo; coloro che lo invidiavano perivano nel buon profumo. Perciò anche per coloro che periscono siamo il buon odore, non il cattivo odore. Tanto più, anzi, quelli lo invidiavano, perché in lui si manifestava una grazia straordinaria: nessuno infatti invidia un miserabile. Era dunque ricolmo di gloria nella predicazione del verbo di Dio e nel vivere secondo la norma di quella verga della rettitudine; e lo amavano coloro che in lui amavano Cristo, e seguivano il buon profumo. La stessa sposa amava l'amico del suo sposo, la sposa che dice nel Cantico dei Cantici: Corriamo dietro l'odore dei tuoi profumi 74.Ma costoro, quanto più lo vedevano nella gloria della predicazione del Vangelo e nella vita senza colpe, tanto più erano tormentati dalla invidia, ed uccidevano se stessi nel buon profumo.

 

 

I santi templi regali di Dio.

 

23. [v 10.] Mirra, aloè e cassia olezza dai tuoi abiti, dalle dimore di avorio, dalle quali ti rallegrarono le figlie dei re. Scegli quale vuoi, le case di avorio, le dimore grandi, i palazzi reali, da essi le figlie dei re hanno rallegrato Cristo. Vuoi intendere in senso spirituale le dimore d'avorio? Intendi le grandi case, le grandi tende di Dio, i cuori dei santi, gli stessi re che reggono la carne, che sottomettono a sé le folle degli umani sentimenti, che castigano i corpi, che li riducono in servitù, poiché è da essi che le figlie dei re lo hanno rallegrato. Infatti tutte le anime che sono nate da coloro che predicavano ed evangelizzavano, sono figlie dei re; e le chiese figlie degli Apostoli, sono figlie dei re. Perché egli è il re dei re 75, mentre essi sono i re dei quali è detto: Siederete sopra dodici troni, per giudicare le dodici tribù di Israele 76. Hanno predicato la parola della verità ed hanno generato le chiese, non per sé, ma per lui. A questo mistero si riferisce quanto sta scritto nella legge: Se sarà morto il fratello, il fratello suo prenda la sua sposa, e susciti una discendenza al suo fratello 77. Prenda la sposa il suo fratello, e susciti la discendenza, non per sé, ma per il fratello. Ha detto Cristo: Di' ai miei fratelli 78. Ha detto nel salmo: narrerò il tuo nome ai miei fratelli 79. Cristo è morto, è risorto, è asceso in cielo, non è più presente col corpo: i suoi fratelli hanno preso la sua sposa, per generare figli attraverso la predicazione del Vangelo, non per loro mezzo ma per mezzo del Vangelo, e nel nome del fratello. Dice l'Apostolo: Perché in Cristo Gesù, per mezzo del Vangelo, io vi ho generato 80. Perciò generando la discendenza per il loro fratello, hanno chiamato Cristiani tutti coloro che hanno generato, non paoliani o petriani. Guardate se questo significato non appare anche in questi versi. Dopo aver detto: Dalle dimore d'avorio, ha parlato dei palazzi reali, grandi, belli, delicati come sono i cuori dei santi, ed ha aggiunto: dalle quali ti hanno rallegrato le figlie dei re, in tuo onore. Le figlie dei re sono le figlie dei tuoi Apostoli, ma in tuo onore perché essi hanno suscitato la discendenza per il loro fratello; perciò Paolo, vedendo correre dietro al suo proprio nome coloro che aveva generato per il suo fratello, esclamò: forse che Paolo è stato crocifisso per voi? Che dice infatti la legge? Il nato porti il nome del morto. Nasca per il morto, e sia chiamato con il nome del morto. Paolo osserva questo dettato della legge; siccome essi sì volevano chiamare con il nome suo, li rimprovera: Forse che Paolo è stato crocifisso per voi? Volgete l'occhio verso il morto: Forse che Paolo è stato crocifisso per voi? E che diremo allora? Quando li hai generati, hai forse imposto loro il tuo nome? No di certo. Ha detto infatti: oppure siete stati battezzati nel nome di Paolo? 81 Ti hanno rallegrato le figlie dei re in tuo onore.Rispettate, osservate le parolein tuo onore.Questo significa portare la veste nuziale, cercare l'onore di lui, la gloria di lui. Intendete anche nelle figlie dei re, le città che credettero in Cristo, e che furono fondate dai re; e nelle parole:dalle dimore d'avoriointendete dai ricchi, dai superbi, dagli orgogliosi.Le figlie dei re ti hanno rallegrato in tuo onoreperché non hanno cercato l'onore dei loro padri, ma hanno cercato il tuo onore. Mi si mostri a Roma tanto onore per il tempio di Romolo, quanto io ve ne mostro per la memoria di Pietro. Chi è onorato in Pietro, se non colui che è morto per noi? Siamo infatti Cristiani, non petriani; anche se siamo nati per opera del fratello del morto, tuttavia siamo chiamati con il nome del morto. Siamo nati per opera di Pietro, ma siamo nati per Cristo. Roma, Cartagine, e tutte le altre città sono le figlie deì re; e hanno rallegrato il re in suo onore; e di tutte queste una sola è la regina.

 

 

Moltitudine ed unità di fede.

 

24. E qual è il carme nuziale? Ecco che tra i cantici, ricolma di gioia avanza anche la stessa sposa. Veniva infatti lo sposo, era descritto, verso di lui tendeva tutta la nostra attenzione; avanzi anche la sposa. La regina è presente alla tua destra. Colei che è alla sinistra non è la regina. Sarà infatti qualcuno anche alla sinistra, al quale sarà detto: Va' nel fuoco eterno. A destra invece starà colui al quale sarà detto: Venite benedetti del Padre mio, ricevete il regno che è stato preparato per voi sin dall'inizio del mondo 82. La regina è presente alla tua destra nella veste dorata, variamente adornata. Che cos'è la veste di questa regina? È preziosa, e varia: i misteri della dottrina infatti sono espressi in tutte le varie lingue. Alcuni nella lingua africana, altri nella siriaca, altri in greco, altri in ebraico, altri in questa o in quella lingua: tutte queste lingue compongono la varietà della veste di questa regina. Ma allo stesso modo in cui la varietà si armonizza nell'unità della veste, così anche tutte queste lingue si armonizzano nell'unica fede. Ci sia varietà nella veste, ma non vi sia divisione. Ecco, noi comprendiamo la varietà delle diverse lingue e comprendiamo la veste a cagione della sua unità; ma nella stessa varietà, che cos'è l'oro? È la sapienza. Sia quanta volete la varietà delle lingue, uno solo è l'oro che è predicato: non un oro diverso, ma la varietà dell'unico oro. Tutte le lingue infatti predicano la stessa sapienza, la stessa dottrina e la stessa disciplina. La varietà è nelle lingue, l'oro nel contenuto.

 

 

Unione dei cristiani del Corpo Mistico.

 

25. [v 11.] Il profeta canta a questa regina (volentieri infatti egli canta di lei) e a ciascuno di noi; se sapremo dove siamo e ci sforziamo di appartenere a quel Corpo, con la fede e la speranza saremo uniti alle membra di Cristo. Parla infatti a noi: ascolta figlia, e vedi. Parla a lei come uno dei padri, perché esse sono figlie dei re; anche se è il profeta che parla, anche se è l'apostolo, sempre parla alla figlia (infatti noi chiamiamo nostri padri i Profeti, nostri padri gli Apostoli; e se noi li consideriamo padri, essi ci considerano figli), e con l'unica voce paterna parla all'unica figlia: ascolta figlia, e vedi. Prima ascolta, e poi vedi. È venuto infatti a noi con il Vangelo, e ci è stato predicato ciò che non vediamo ancora, e udendo crediamo, credendo vedremo. Così dice lo stesso sposo secondo il profeta: il popolo che non ho conosciuto, mi ha servito; con orecchie intente mi ha obbedito 83. Perché: con orecchie intente? Perché non ha veduto. Hanno veduto i Giudei, e hanno crocifisso; non hanno veduto i Gentili e hanno creduto. Venga la regina dalle genti nella veste dorata con ogni varietà di ornamenti; venga dalle genti, venga adornata di tutte le lingue, nell'unità della sapienza; e a lei si dica: Ascolta figlia, e vedi. Se non avrai ascoltato, non vedrai. Ascolta per purificare nella fede il cuore, come dice l'apostolo [Pietro] negli Atti degli Apostoli: Purificando con la fede i loro cuori 84. Per questo infatti ascoltiamo ciò che crediamo prima di vederlo, affinché credendo possiamo purificare il cuore in modo da poter vedere. Ascolta per credere e purifica con la fede il cuore. E quando avrò purificato il cuore che cosa vedrò? Beati i puri di cuore perché essi vedranno Dio 85. Ascolta figlia, e vedi; e china il tuoorecchio.Poco è ascoltare, ma devi ascoltare umilmente:china il tuo orecchio. E dimentica il tuo popolo e la casa del padre tuo.Vi era un tal popolo e una certa casa del padre, nella quale tu sei nata, il popolo di Babilonia che ha per re il diavolo. Da qualunque parte sono venute le genti, sono venute dal padre diavolo; ma hanno rinunciato al padre diavolo.Dimentica il tuo popolo e la casa del padre tuo.Egli ti ha generato deforme, quando ti ha fatto peccatrice; questi che giustifica l'empia ti ha rigenerato bella.Dimentica il popolo tuo e la casa del padre tuo.

26. [v 12.] Perché il re ha bramato la tua bellezza. Quale bellezza, se non quella che egli stesso ha fatto? Ha bramato la bellezza. La bellezza di chi? Della peccatrice, dell'ingiusta, dell'empia, quale era presso il padre diavolo e presso il suo popolo? No, ma quella della quale è detto: Chi è costei che sale resa candida? 86 Dunque prima non era candida, poi lo è diventata. Perché se i vostri peccati saranno come la porpora, li renderò bianchi come neve 87.Il re ha bramato la tua bellezza. Quale re?Perché egli stesso è il tuo Dio.Guarda se non devi già abbandonare quel tuo padre, e quel tuo popolo, e venire a questo re, tuo Dio: è il tuo Dio, è il tuo re. Il tuo re è anche tuo sposo. Tu sposi il re Dio, da lui hai ricevuto la dote, da lui sei stata abbellita, da lui riscattata, da lui risanata. Tutto ciò che in te fa piacere a lui, da lui l'hai avuto.

 

 

L'amore del prossimo.

 

27. [v 13.] E lo adoreranno le figlie di Tiro con i doni. Lo stesso tuo re e tuo Dio adoreranno le figlie di Tiro con i doni. Le figlie di Tiro sono le figlie delle genti: una parte esprime il tutto. Tiro, vicina a questa terra ove era pronunziata la profezia, significava le genti che avrebbero creduto in Cristo. Di lì veniva quella cananea che in un primo tempo fu paragonata al cane. Infatti affinché sappiate donde essa era, così dice il Vangelo: Se ne andò nelle contrade di Tiro e di Sidone, ed ecco una donna cananea che gridava uscita dai confini di quelle terre, con quel che segue che ivi è narrato. Colei che dapprima era un cane presso il padre suo e nel suo popolo, gridando e venendo a questo re, è fatta bella credendo in lui, e che cosa ha meritato di ascoltare? O donna, grande è la tua fede 88. Il re ha bramato la tua bellezza. E lo adoreranno le figlie di Tiro con i doni. Con quali doni? Questo re vuole che a lui si venga così, vuole che siano riempiti i suoi forzieri; egli stesso ha donato di che riempirli, e voi dovete riempirli. Vengano - dice - lo adorino con i doni. Che significa con i doni? Non nascondetevi i tesori in terra, dove la tignola e la ruggine li distruggono, e dove i ladri scavano e rubano; ma ammassate i vostri tesori in cielo, dove né il ladro né la tignola corrompono. Dove infatti sarà il tuo tesoro, ivi sarà anche il tuo cuore 89. Venite con i doni: donate elemosine e tutto è purificato per voi 90. Venite con doni a colui che dice: voglio misericordia più che sacrificio 91. A quel tempio che era l'ombra del futuro, si veniva con tori e arieti e caproni, con qualsiasi animale adatto al sacrificio, in modo che con quel sangue si compiva una cosa e se ne significava un'altra. Ma ormai quel sangue, che tutte quelle cose raffiguravano, è venuto; è venuto il re stesso, e vuole i doni. Quali doni? le elemosine. Perché egli stesso giudicherà e imputerà a ciascuno i doni. Venite, benedetti del padre mio - dice - ricevete il regno che è preparato per voi fin dall'inizio del mondo. Perché? Ho avuto fame, e voi mi avete dato da mangiare; ho avuto sete, e mi avete dato da bere; ero nudo, e mi avete vestito; esule e mi avete accolto; malato, in carcere e mi avete visitato. Questi sono i doni con i quali le figlie di Tiro adorano il re; perché allorché gli dicono: quando ti abbiamo visto? Egli che è in alto e in basso, per coloro che ascendono e discendono, risponde: Ciò che avete fatto a uno di questi miei fratelli più piccoli, l'avete fatto a me 92.

 

 

Stretta unione tra Cristo e la Chiesa.

 

28.Lo adoreranno le figlie di Tiro con i doni. E quali sono queste figlie di Tiro, e in qual modo lo adoreranno con i doni, ce lo ha voluto dire più chiaramente: pregheranno il tuo volto i ricchi del popolo. Queste figlie di Tiro che adorano con i doni, sono i ricchi del popolo, coloro dei quali così dice l'amico dello sposo: raccomanda ai ricchi di questo mondo di non essere superbi, né di sperare nelle incerte ricchezze; ma nel Dio vivo che ci dà ogni cosa con abbondanza perché ne godiamo; siano ricchi nelle opere buone, con facilità donino, siano generosi. Adorano con i doni, ma non li perdono; sicuri li pongono ove sempre li possono trovare. Accumulino per sé un buon capitale per l'avvenire, per acquistare la vera vita 93. Adorando con i doni, pregheranno il tuo volto. Accorrono infatti alla Chiesa, ed ivi compiono le elemosine. Non le compiano fuori cioè non le compiano mentre stanno fuori: le facciano nella Chiesa. Perché il volto di questa sposa e regina sarà benigno con chi fa elemosine. Per questo coloro che vendevano le loro cose, venivano con i doni pregando il volto di questa regina; e ciò che portavano deponevano ai piedi degli Apostoli 94. Ferveva l'amore nella Chiesa, la Chiesa era il volto della regina, era il volto della regina l'omaggio delle figlie di Tiro, cioè dei ricchi che adorano con i doni.Pregheranno il tuo volto i ricchi del popolo.Coloro che pregheranno il volto, e il volto di colui che essi pregheranno, tutti insieme saranno una sola sposa, tutti una sola regina, madre e figli insieme tutti appartenenti a Cristo, appartenenti al Capo.

 
Nel fare bene attendiamo solo da Cristo la ricompensa.

 

29. [vv 14.15.] Ma poiché queste opere e queste elemosine si compiono per vantarsene dinanzi agli uomini, dice il Signore stesso: guardatevi dal compiere la vostra giustizia al cospetto degli uomini per essere visti da loro 95. Ma siccome queste cose debbono anche essere compiute pubblicamente ad onore del volto della sposa, dice: Splendano le vostre opere al cospetto degli uomini, affinché vedano le vostre buone opere e glorifichino il Padre vostro che è nei cieli 96.Non perché cerchiate la vostra gloria nelle opere buone che fate pubblicamente, ma la gloria di Dio. Ma chi sa - dice qualcuno - se io cerco la gloria di Dio, o la mia gloria? È chiaro che io dò al povero; ma con quale animo dò, chi lo vede? Ti basti Colui che vede; ti vede Colui che ti ricompensa. Ama nell'intimo colui che vede nell'intimo; ama nell'intimo, sia amato nell'intimo Colui che ha fatto questa stessa interiore bellezza. Non cercare diletto negli sguardi terreni, in quanto ti vedono e sei lodato; stai attento a quanto qui segue:Ogni gloria della figlia del re è interiore.Colui che ha amato la bellezza di lei, sa che la veste dorata e varia è bella non soltanto esteriormente, ma nell'intimo. Qual è questa interiore bellezza? Quella della coscienza. Ivi Cristo vede, ivi Cristo ama, ivi Cristo parla, ivi Cristo punisce, ivi Cristo corona. Sia dunque nascosta la tua elemosina perchéogni gloria della figlia del re è interiore. È vestita di un abito a vari colori, con frange d'oro.La bellezza è intima; ma nelle frange d'oro sta la varietà delle lingue, la leggiadria della dottrina. Tutto questo a che giova se non c'è quella interiore bellezza?

30.Sono presentate al re le vergini dopo di lei. Così è veramente accaduto. La Chiesa ha creduto, la Chiesa si è diffusa in tutte le genti. In qual modo ora le vergini desiderano essere gradite a quel re? Donde sono incitate? Perché la Chiesa le precede.Sono presentate al re le vergini dopo di lei; le sue vicine sono presentate a te.Non sono estranee coloro che gli sono portate, ma sono sue vicine, sono sue amiche. E dopo aver detto:al re, voltatosi verso di lui ha detto:a te. Le sue vicine sono presentate a te.

31.[v 16.]Sono presentate in letizia ed esultanza, sono condotte nel tempio del re.Il tempio del re è la Chiesa, e la stessa Chiesa entra nel tempio. Di che cosa è costituito il tempio? È costituito dagli uomini che entrano nel tempio. Chi sono le pietre vive, se non i fedeli di Dio?Sono condotte nel tempio del re.Vi sono delle vergini che si trovano fuori del tempio, sono le vergini consacrate eretiche; anche loro sono vergini ma a che gioverà loro se non saranno condotte nel tempio del re? Il tempio del re è nell'unità; il tempio del re non sta nelle rovine, non è spezzato, non è diviso. La calce che tiene unite le pietre viventi è la carità.Sono condotte nel tempio del re.

 

 

Appello agli eretici perché rientrino nell'unità della Chiesa.

 

32. [v 17.] Per sostituire i tuoi padri ti sono nati i figli. Niente di più chiaro. Osservate questo stesso tempio del re che parla per mezzo dell'unità diffusa in tutto il mondo; quelle che hanno voluto essere vergini, non possono piacere allo sposo se non sono condotte nel tempio del re. Per sostituire i tuoi padri ti sono nati i figli. Ti hanno generato gli Apostoli: essi sono stati mandati, hanno predicato, essi furono i nostri padri. Ma forse essi hanno potuto essere sempre corporalmente con noi? Uno di essi ha detto: desidero essere dissolto, ed è molto meglio essere con Cristo; ma è necessario restare nella carne per il vostro bene 97.Ha detto certamente queste parole, ma quanto a lungo ha potuto restare qui? Forse fino a questa epoca? Forse fino all'epoca futura? E per la loro morte è rimasta dunque deserta la Chiesa? Certo che no.In sostituzione dei tuoi padri ti sono nati i figli.Che significa:In sostituzione dei tuoi padri ti sono nati i figli?Gli Apostoli sono stati mandati come padri e per sostituire gli Apostoli ti sono nati i figli, e sono stati costituiti vescovi. Oggi infatti i vescovi che sono diffusi in tutto il mondo, donde sono nati? La Chiesa stessa li chiama padri, essa li ha generati, ed essa li ha costituiti nelle sedi dei padri. Non ti considerare quindi abbandonata, perché non vedi Pietro, perché non vedi Paolo, perché non vedi coloro per i quali sei nata: dalla tua prole per te è cresciuta la paternità.In sostituzione dei tuoi padri ti sono nati i figli; li costituirai principi sopra tutta la terra.Osserva quanto ampiamente è diffuso il tempio del re; le vergini che non sono condotte nel tempio del re, sappiano che non appartengono a queste nozze. In sostituzione dei tuoi padri ti sono nati i figli;li costituirai principi sopra tutta la terra.Questa è la Chiesa cattolica: i suoi figli hanno preso il posto dei padri. Riconoscano questo coloro che sono divisi, vengano all'unità, siano condotti nel tempio del re. Dio ha collocato ovunque il suo tempio, ha stabilito ovunque le fondamenta dei Profeti e degli Apostoli. La Chiesa ha generato i figli, e li ha costituiti al posto dei suoi padri quali principi sopra tutta la terra.

 

 

La Chiesa città di Dio, pellegrinante verso la gloria futura.

 

33. [v 18.] Si ricorderanno del tuo nome di generazione in generazione. Per questo i popoli ti confesseranno. Che giova infatti confessare, se si confessa al di fuori del tempio? Che giova pregare, se non si prega sul monte? Con la mia voce - sta scritto - ho gridato verso il Signore, e mi ha esaudito dal suo santo monte 98. Da quale monte? Da quello di cui è detto: Non può nascondersi la città posta sopra il monte 99. Di quale monte si tratta? di quello che vide Daniele crescere da una piccola pietra, e spezzare tutti i regni della terra, e riempire tutta la faccia della terra 100. Ivi adori colui che vuole ricevere, ivi chieda colui che vuole essere esaudito, ivi confessi colui che vuole essere perdonato. Per questo i popoli ti confesseranno in eterno e nei secoli dei secoli. Nella vita eterna non vi sarà più il gemito dei peccatori, ma nelle divine lodi della sublime ed eterna città non mancherà la continua confessione di una sì grande felicità. Loderanno quella città, cui un altro salmo canta: gloriose cose si dicono di te, o città di Dio 101; loderanno la stessa sposa di Cristo, la regina figlia del re e moglie del re; perché i suoi principi sono memori del suo nome di generazione in generazione, cioè, per quanto duri questo secolo, per quanto siano numerose le generazioni che si succedono portando per lei la cura dell'amore, affinché liberata da questo secolo, in eterno regni insieme con Dio. Per questo la loderanno i popoli in eterno, quando i cuori di tutti saranno rivelati e manifesti, luminosi nella perfetta carità, in modo che riconosca chiaramente di essere universale colei che qui in molte sue parti è nascosta a se medesima. Per questo l'Apostolo ci ammonisce a non giudicare niente prima del tempo, finché venga il Signore, e illumini i segreti delle tenebre e manifesti i pensieri del cuore, e sia ciascuno lodato da Dio 102. Perché la stessa santa città in un certo qual modo loderà se stessa, quando i popoli di cui consta, loderanno la città in eterno; affinché nessuna parte di lei sia segreta, non abbia nulla in sé di nascosto.

 

 

http://www.augustinus.it/index2.htm