Don Luigi Bosio
Fine Menù
Prima Comunione – Divina Eucarestia ...

 

  • File allegato
  • Stampa
Prima Comunione – Divina Eucarestia!

Una parola tutta per voi, carissimi Fanciulli.

A voi l'affetto più santo, e il desiderio più ardente del mio cuore sacerdotale.

Se vi vedessi morire in questo istante, durante questa celebrazione Eucaristica, sicuro della vostra eterna salvezza, vedrei un gregge di teneri agnellini penetrare nei pascoli segreti della celeste beatitudine, 36 candide colombe in rapido volo verso un mare di luce.

Sarebbe questa la morte, se voi moriste preda dell'amore divino?

O la pienezza della vita?

Chi oserà offuscare un'alba così radiosa?

Meglio, sì, per lui la pesantissima pietra, che lo sepellisca nel fondo del mare.

M'addolora il pensiero, che il contatto poco riservato con tante occasioni di male, annidate come serpi insidiose un po' dappertutto, vi tolga troppo presto dalla vostra angelica semplicità.

Troppo presto?

Mai!

 

*     *     *

 

A voi, carissimi Genitori.

A voi, nell'esercizio del vostro sacerdozio, il merito d'una paternità e d'una maternità, lungamente superiore a quella fisica.

La paternità di Dio, la maternità della Chiesa, di cui sieti ministri.

Questo mistero è grande, se pensate, che voi stessi siete Cristo e la Chiesa.

Voi, lo specchio di Dio.

Questi bimbi, l'incarnazione santa del vostro amore.

Da qui, la grandezza della vostra missione e della vostra vocazione.

Questi: i figli di Dio.

Questi: il Figlio di Dio.

Apro il Messale alla quinta Pasqua, che oggi celebriamo.

Divina liturgia: Eterna e nuovissima!

Antichissima e giovanissima.

Silenziosa e vivissima.

Segreta e lucentissima.

La grande catechesi: dalla Lettera apostolica di S. Giacomo: Religione pura e senza macchia, custodire i pupilli, nutrire e proteggere dal male le creature più deboli e più care.

Custodirsi lontano, lontano dalle macchie del secolo.

 

*     *     *

 

Dalle confidenze dell'Ultima Cena: Vengo dal Padre; ritorno a Lui.

Da Lui a Lui.

Nell'intimità eucaristica: Bene nuntiate de die in diem.

Cantatelo questo Giorno.

Camminate da luce a luce.

Da questo giorno di luce alla luce di domani.

Dalla santità di questo giorno, alla santità di tutta la vita.

 

 

Don Luigi Bosio, Prima Comunione - 7 Maggio 1961, «Cittadella Cristiana», Giugno 1961, Anno XII, N. 133.