Don Luigi Bosio
Fine Menù
Nella Passione del Signore

 

  • File allegato
  • Stampa
Nella Passione del Signore

Venerdì Santo 31 Marzo 1961.

Agostino - Discorso 37 al popolo, a gloria delle Martiri.

 

Che splendore di dottrina!

Difficile forse?

A chi parlava Agostino?

Al suo popolo.

Certo, è dottrina, che suppone negli uditori una preparazione spirituale, ed ha bisogno d'essere meditata.

D'altra parte, quel Maestro non faceva, che esporre la Santa Scrittura.

Voleva nutrire i fedeli di parola divina.

Voleva, che fosse la parola del Verbo.

Voleva nutrirli del Verbo.

Tutta la tessitura del suo discorso è un ricamo di Sacra Scrittura.

Prende un testo, un versetto: è felice della scoperta, che ha fatto; l'ispirazione gli pone sulle labbra un incomparabile commento.

Penso, non senza punta d'invidia, con quale semplicità, trasporto e fascino l'abbia fatto, tenendo tra mano il Libro divino, sollevandolo come in trionfo, stringendolo al cuore, o baciandolo ripetutamente.

Avete sentito con quale amore a Gesù ed alla Chiesa ha parlato!

Ho riportato integralmente il suo Discorso, che ora riprenderò, come in riassunto, con alcuni detti di particolare bellezza.

Vi dirò, anche, perché ho voluto farvene dono nel giorno più doloroso della Liturgia: oggi, nel lutto immenso della Chiesa, per la Passione e Morte dello Sposo.

La sua verginale maternità ha qui la sua radice.

Oggi venne consacrata Madre dei Martiri.

Se conoscessimo la Chiesa, come la conosceva Agostino!

Se l'amassimo, come lui l'amava!

La seconda parte del Discorso è soprattutto dedicata allo Sopso.

Lo Sposo di Sangue.

A me le parole del S. Dottore hanno strappato le lagrime.

Agostino potrebbe farmi un richiamo, dicendo che non sono parole sue, ma della Scrittura.

Difatti egli somministra un liquore dolcissimo, ma spremendolo dal testo sacro.

"Mulierem fortem quis inveniet?"                   

Preparate un nido al mio discorso.

Chi sarà mai quella Donna forte?

"Ecclesia debet esse": Deve essere la Chiesa.

"Ista est": È proprio Costei.

Voi le membra ed i figli.

"Quis inveniet?": Chi la troverà?

"Quis non inveniet?": Chi non la troverà?

Unus: Uno solo.

Lo Sposo legittimo.

Il Leone della tribù di Giuda.

L'ha trasportata di peso sulla cima della montagna.

Da leone!

Sulla Croce: "utique in Cruce".

L'hanno ucciso, perché ha voluto.

S'è addormentato come un leone.

Che morte!

Unde mortui resurgunt!

O Madre Santa, degna d'essere amata!

Da tutti, perché Madre di tutti. Sposa d'un solo Sposo.

L'Unigenito.

Omnes filii in Filio.

In Lui, tutti figli.

Abba, Padre!

 

 

Don Luigi Bosio, «In Passione Domini. Feria VI, 31 Martii 1961. Aug. Serm. 37 ad populum, ad feminarum Martyrum gloriam»; «Nella Passione del Signore: Venerdì Santo 31 Marzo 1961. Agostino - Discorso 37 al popolo, a gloria delle Martiri», «Cittadella Cristiana», Marzo 1961, Anno XII, N. 130.

 

 

*     *     *

 

 

SERMO 37


SERMO HABITUS IN NATALE MARTYRUM SCILLITANORUM
IN BASILICA NOVARUM
UBI DICIT:
"MULIEREM FORTEM QUIS INVENIET?"

 

 

Ecclesia Martyrum mater.

 

1.  Praestabit nobis, qui diem istum commendavit in sanctis suis, ut infirmitas vocis nostrae sufficiat intentioni vestrae. Hoc ideo commendavi, ut me silentio vestro adiuvare dignemini. Animus enim promptus est ad vos, sed caro infirma  1. Et ipse animus, quaecumque forte gaudia de Scriptura Dei concepit, parturit et parere quaerit in auribus et mentibus vestris. Praestate in vobis nidum sermoni. Commendatur enim et in Scriptura turtur, quaerens nidum sibi ubi ponat pullos suos  2. Et hoc quod gestamus in manibus, Scriptura scilicet quam videtis, commendat nobis inquirendam et laudandam mulierem quamdam de qua paulo ante cum legeretur  3 audistis, magnam habentem magnum virum, eum virum qui invenit perditam ornavit inventam  4. De hac secundum lectionis tenorem, quam me portare conspicitis, pauca pro tempore quae Dominus suggerit dicam. Dies est enim martyrum, et ideo magis laudanda est mater martyrum. Iam quae sit ista mulier me proloquente accepistis. Videte etiam utrum me legente agnoscatis. Omnis nunc auditor, quantum ex affectu vestro satis apparet, dicit in corde suo: "Ecclesia debet esse". Confirmo istam cogitationem. Nam quae potuit esse altera martyrum mater? Ita est. Quod intellexistis, hoc est. De qua muliere volumus aliquid dicere, Ecclesia est. Non enim nos deceret loqui de quacumque alia muliere. Quamquam et in recitatione passionis martyrum audivimus feminas, de quibus decenter loquamur, sed non eas praetermittimus, quando earum matrem laudamus.

 

 

Christus Ecclesiam redemit.

 

2.  Attendite cuius membra estis; inspicite cuius filii estis. Mulierem fortem quis inveniet?  5 Congruit dici martyrum fortitudo mulieris. Nisi enim ipsa fortis esset, illa membra eius in passione defecissent. Mulierem fortem quis inveniet? Difficile est invenire eam immo difficile est nescire eam. Nonne ipsa est civitas in monte, quae abscondi non potest  6? Quare ergo dictum est: Quis inveniet? cum dici debuerit: Quis non inveniet? Sed tu civitatem in monte positam vides. Ut autem in monte poneretur, inventa est quae perierat  7. Quando illustrata est, quis eam non videt? quando latebat, quis eam inveniret? Ipsa enim civitas est, et una illa ovis quam perditam quaesivit pastor, et inventam gaudens in humeris reportavit  8. Ipse pastor est mons; ovis autem in humeris eius, civitas in monte. Facile est ut videas eam collocatam in monte. Quando eam invenires, cum lateret in vepribus, in spinis utique delictorum suorum? Ibi enim quaesisse magnum est; ibi invenisse mirabile est. Haec eius difficilis inventio commendatur cum dicitur: Mulierem fortem quis inveniet? Quis enim, quia unus, non quia nec unus. Quomodo dictum est de ipso viro eius, leone de tribu Iuda  9, de quo prophetia ante praedixit: Ascendisti recumbens  10, utique in crucem. Ascendisti, crux est; recumbens, mors est. Quid est: Ascendisti, nisi quod scriptum est: Et crucifixerunt eum  11? Unde et ipse ait: Sicut exaltavit Moyses serpentem in heremo, sic oportet exaltari filium hominis, ut omnis qui credit in eum non pereat, sed habeat vitam aeternam  12. Quid est: recumbens? Et inclinato capite reddidit spiritum  13. Cum ergo et ibi diceretur: Ascendisti recumbens, secutus est: Dormisti sicut leo  14. Dormisti sicut leo, non fugisti sicut vulpes. Quid est: Dormisti sicut leo? De potestate, non de necessitate  15. Cum autem dictum esset: Dormisti sicut leo, secutus ait: Quis suscitavit eum  16? Quis suscitavit? Neque enim nemo, sed quis hominum? Quia nonnisi Deus, qui eum exaltavit a mortuis, et donavit ei nomen, quod est super omne nomen  17. Suscitavit et ipse se. Unde ait: Solvite templum hoc, et triduo suscitabo illud  18. Et modo quando audistis:Mulierem fortem quis inveniet? nolite putare de Ecclesia dici quae latet, sed de illa Ecclesia quae ab uno inventa est ut neminem lateret. Ergo describatur, laudetur, commendetur, amanda ab omnibus nobis ut mater, nam unius uxor est. Mulierem fortem quis inveniet? Mulierem istam tam fortem quis non videt? Sed iam inventam iam eminentem, iam conspicuam iam gloriosam iam ornatam iam lucidam iam ut cito explicem, toto terrarum orbe diffusam.

 

 

Quibuslibet lapidibus pretiosior invenitur Ecclesia.

 

3.  Pretiosior est autem lapidibus pretiosis, quae eiusmodi est  19. Quid magnum, quia pretiosior est mulier haec lapidibus pretiosis? Si modo humanas avaritias cogitetis, si ad proprietatem accipiantur lapides pretiosi, quid magnum est, quod quibuslibet lapidibus pretiosior invenitur Ecclesia? Nulla talis comparatio est. Sed sunt lapides pretiosi in illa. Tam pretiosi sunt lapides isti, ut vivi dicantur  20. Sunt ergo lapides pretiosi ornantes eam sed est ipsa pretiosior. Volo aliquid commendare Caritati vestrae, quantum capio, quantum capitis, quantum timeo, quantum timere debetis, de his lapidibus pretiosis. Sunt in Ecclesia lapides pretiosi, et semper fuerunt, docti, abundantes et scientia et eloquio et omni instructione legis. Pretiosi plane isti lapides sunt. Sed ex eorum numero quidam aberraverunt ab ornamento mulieris huius. Quantum enim pertinet ad doctrinam et eloquium unde fulget, lapis pretiosus - doctrina enim dominica fulget - lapis pretiosus erat Cyprianus, sed mansit in huius ornamento. Lapis pretiosus erat Donatus, sed resilivit a compage ornamenti. Ille qui mansit, in ea se amari voluit. Ille qui inde excussus est, praeter illam nomen sibi quaesivit. Ille permanens cum illa, ad illam collegit. Ille resiliens, non colligere, sed spargere concupivit  21. Mali filii, quid sequimini lapidem pretiosum de ornamento huius mulieris excussum? Respondetis mihi: "Quid enim? Tu sic intellegis quomodo ille? Aut sic loqueris quomodo ille? Aut tam doctus es quam ille?". Sit licet intellegens - Intellectus bonus facientibus eum  22 - sit licet doctus, sit licet liberalibus disciplinis et mysteriis legis instructus, lapis est pretiosus. Redi ab illo ad istam: Pretiosior est lapidibus pretiosis  23. Lapis pretiosus si non sit in ornamento huius mulieris, iacet in tenebris. Lapis pretiosus quolibet iaceat s, si non sit in ornamento huius mulieris, iacet in tenebris. Opus illi erat ut in ornamento huius feminae permaneret, esset in compagine ornamenti eius. Ego autem fidenter dixerim. Pretiosi lapides ideo dicti sunt, quia caro valent. Iam ille vilis est, pretium perdidit, qui non habet caritatem. Doctrinam suam iactet licet, linguam suam iactet licet, audiat aestimatorem verorum lapidum matronae huius. Audiat, inquam quemdam artificem ornamenti inspectorem. Quid iactat linguas, non iam pretiosus, sed vilis lapis? Si linguis hominum loquar, inquit, et angelorum, caritatem autem non habeam factus sum sicut aeramentum sonans, aut cymbalum tinniens  24. Ubi est lapis ille? Non iam fulget, sed tinnit. Ergo discite lapides aestimare, negotiatores regni caelorum  25. Nullus vobis lapis placeat, praeter huius mulieris ornamentum. Haec quae pretiosior est lapidibus pretiosis, ornamenti sui ipsa pretium est.

 

 

Confidit super Ecclesiam cor viri eius.

 

4.   Confidit super eam cor viri eius  26. Plane confidit, et ut confidamus docuit. Commendavit enim Ecclesiam usque ad terminos terrae, per omnes gentes, a mari usque ad mare  27. Haec si non usque in finem perseveraret  28, non super eam cor viri eius confideret ad. Confidit super eam cor viri eius. Praescius confidit, falli non potest qui confidit. Non dictum est: Confidit super eam cor filiorum. Poterant enim filii eius parvuli falli. Illius cor super eam confidit, cuius cor ac nullum mendacium decipit. Verum est ergo, quod confidit. Quae talis est spoliis non indigebit  29. Non quia non quaerit spolia, ideo non indigebit, sed quia multis abundabit. Quae talis est spolia non indigebit. Unde spoliat mundum, ubique diffusa; rapit undique trophaea diabolo. Hoc enim et promisit vir eius, cui dicit in alio psalmo: Exsulto ego in verbis tuis, sicut qui invenit spolia multa  30. Quemadmodum spoliis indiget, quae undique rapit, undique trahit, undique acquirit?

5.  Operatur enim viro suo bona et non mala, in omni tempore  31. Hinc est quod spoliat ista mulier gentes, operando viro suo bona et non mala. In omni tempore operatur bonum et non malum. Nec sibi, sed viro, ut qui vivit, iam non sibi vivat, sed ei qui pro omnibus mortuus est et resurrexit  32. Viro ergo operatur bonum, coram Deo operatur bonum  33. Illi servit, illi devota est, illum diligit, illi placere semper studet. Non se ornat, nec propter oculos suos, nec propter oculos alienos. Non est de sibi placentibus, non est de sua quaerentibus: Operatur enim viro suo. Qui autem sibi operantur, omnes sua quaerunt, non quae Iesu Christi  34.

 

 

Deus non in sola conscientia sed palam colendus est.

 

6.   Inveniens lanas et linum, fecit utile manibus suis  35. Lanificam et linificam matronam istam sanctus sermo describit. Quaeritur autem a nobis quid sit lana, quid sit linum. Lanam carnale aliquid puto, linum spiritale. Hoc conicere audeo ex ordine vestimentorum nostrorum. Interiora sunt enim linea vestimenta, lanea exteriora. Quidquid carne operamur, in promptu est; quidquid spiritu, in secreto. Operari autem carne et non operari spiritu, quamvis bonum videatur, utile non est. Operari autem spiritu et non operari carne, pigrorum est. Invenis hominem porrigentem manu elemosynam pauperi, nec tamen de Deo ibi cogitantem, sed hominibus placere cupientem. Lanea vestis videri potest, interiorem lineam non habet. Invenis alium dicentem tibi: "Sufficit mihi in conscientia Deum colere, Deum adorare. Quid mihi opus est aut in ecclesiam ire, aut visibiliter misceri christianis?". Lineam vult habere sine tunica. Non novit, neque commendat talia opera mulier ista. Dicenda sunt quidem et docenda spiritalia sine carnalibus, sed illi qui accipiunt debent et tenere spiritalia, et non carnaliter operari carnalia. Invenit haec mulier lanas et linum, et fecit utile manibus suis. Lanae istae et linum hoc in Scripturis sanctis est. Multi inveniunt, sed nolunt facere aliquid utile manibus suis. Invenit, et fecit. Cum auditis, invenitis; cum bene vivitis, facitis. Inveniens lanas et linum, fecit utile manibus suis. Videte illam cui dicitur: In dexteram et in sinistram extende; semen enim tuum hereditabit gentes  36; non est quod parcas, porrige longius funiculos tuos  37. Videte illam hic: Facta est tamquam navis, quae negotiatur a longe congerit sibi divitias  38. Divitiae mulieris huius, laudes viri eius. Videte quam a longe congerit sibi divitias: A solis ortu usque ad occasum, laudate nomen Domini  39.

 

 

Ecclesia est sedula Domini ancilla.

 

7.  Exsurgit de noctibus, et dedit escas domui, et opera ancillis  40. Exsurgit de noctibus. Quid valent noctes? Non eam premunt, non eam in tenebris iacere cogunt. Et de noctibus exsurgit. Noctes, tribulationes sunt. Sed cui haec et de noctibus surgit et in tribulationibus proficit? Et dedit escas domui: in noctibus praebuit se imitandam. Faciens docuit quod faciendum dixit, et tunc dedit escas domui in noctibus. Quis comedat de nocte? Prorsus et tunc dedit escas. Quibus enim dedit semper esuriunt. Beati enim qui esuriunt et sitiunt iustitiam quia ipsi saturabuntur  41. A nocte spiritus meus vigilat ad te Deus  42. Media nocte surgebam ad confitendum tibi  43. Haec nocturna alimenta abundant in domo mulieris huius. Nemo ibi famem patitur. Nec palpat ut inveniat quod manducetur: ardet lucerna prophetiae. Sed numquid manducandum est et vacandum? Illa enim quae dedit escas domui, dedit et opera ancillis  44. Ancillae istae ipsius sunt, an viri eius? An quia viri ipsius sunt, et ipsius sunt? An multae ancillae ipsa est? Ipsa enim quamquam mater familias, tamen ancillam se esse non dedignatur. Attendat pretium suum, diligat Dominum suum. Agnoscat, inquam se ancillam nec timeat conditionem. Non enim dedignatur ille coniugem facere, quam tanti emit. Et unaquaeque coniux bona maritum suum dominum vocat. Prorsus non solum vocat, sed hoc sapit, hoc sonat, hoc gestat corde, hoc ore profitetur, tabulas matrimoniales instrumenta emptionis suae deputat. Est ergo ancilla, dans opera ancillis. Est ancilla: eius enim filius est qui dicit: Ego servus tuus et filius ancillae tuae  45.

8.  Quaesiturus eras quid agat illis operibus etiam nocturnis. Audi quid agat: Prospiciens agrum mercata est  46. Prospiciens, non in praesenti sed in futuro, mercata est agrum istum, prospiciens fide et spe. Inde et de noctibus surgit  47. Si enim quod non videmus speramus, per patientiam exspectamus  48. In omnibus tribulationem patiens  49, prospicit enim agrum quem mercatur. Inde mulier fortis dicitur. Quid sunt noctes illae prae agro illo? Quod enim ad praesens temporale est leve tribulationis nostrae - cum de noctibus surgimus - in incredibilem modum aeternum gloriae pondus operatur in nobis - cor ad agrum illum - non respicientibus quae videntur, sed quae non videntur. Quae enim videntur temporalia sunt; quae autem non videntur, aeterna  50. Qualis est ager ille? Quae pulchritudo eius est? Inardescamus ad eum possidendum. Putamus non ipse est, de quo dixit Deus: Et species agri mecum est  51?

 

 

Compara tibi agrum caelestem.

 

9.  Prospiciens agrum mercata est  52. Ubi mercata est, habet ibi agrum. Ubi agrum? Unde mercata est? Ubi posuit et thesaurum suum, ut fieret ci: Ubi est thesaurus tuus, ibi est et cor tuum  53. Prospiciens agrum mercata est. Unde mercata est? Ne forte tu speres et suspires et nihil agas, ager iste segnem amatorem non amat. Ibi certe cum ad eum veneris, forsitan requiesces, nec opus erit ut labores. Non est enim talis ager ille, qualis iste ubi Adam in sudore vultus sui comedit panem suum  54. Modo tamen ut ad illius agri speciem pervenias, compara tibi unde compares. Age ibi. Quid? Collige pretium. Hoc enim agit haec mulier. Videte si tacitum est. Cum dictum esset: Prospiciens agrum mercata est, tamquam diceres: "Unde mercata est?", de fructibus autem manuum suarum plantavit possessionem  55.Ipsa erant opera quae dabat ancillis, ut de fructibus manuum suarum plantaret possessionem in aeternum. Illam enim possessionem dixit, quae futura est. Hoc insinuat verbo quod ait:Prospiciens.

10.  Succincta fortiter lumbos suos firmavit brachia sua  56. Vere fortis. Vide si non est ancilla. Quam devote servit, quam parate. Ne fluitantes sinus carnalium concupiscentiarum impediant operantem, succingit lumbos, ut nihil superfluum calcet, dum in opere festinat. Ibi enim castitas mulieris huius, zona praecepti constricta, et ad omne opus bonum semper parata. Succincta fortiter lumbos suos firmavit brachia sua, non defectura. Unde hoc? Gustavit quia bonum est operari  57.Ubi est palatum quo gustatur hoc? Fugiunt homines laborem quasi amarum. Timendo gustare nesciunt quid amare. Bonum opus facit conscientia bona. Et quid dulcius, Fratres, bona conscientia? Quae si non est, et mala pungit, amara sunt omnia. Gusta ergo, gusta, et videbis quomodo sapiat, quam te delectabit, quam postea non desines nisi totum consumas.Gustavit quia bonum est operari.

 

 

Lucerna nostra spes est.

 

11.  Non exstinguitur lucerna eius tota nocte  58. Nemo accendit lucernam et ponit sub modio  59. Tu illuminabis lucernam meam Domine  60. Lucerna eius, spes eius. Ad illam operatur omnis homo, quidquid boni ad spem facit. Et in nocte ardet lucerna ista. Si enim quod non videmus speramus  61, ideo nox est. Si autem et non videmus et non speramus, et nox est et lucerna non ardet. Quid infelicius talibus tenebris? Ut autem non deficiamus in tenebris et per patientiam exspectemus  62 quod non visum speramus, tota nocte ardeat lucerna nostra. Qui enim nobis quotidie loquitur verbum tamquam oleum infundit ne lucerna exstinguatur.

12.   Manus suas extendit ad utilia  63. Quantum extendit has manus? A mari usque ad mare, et a flumine, unde cepit, usque ad terrae terminos  64, quo pervenit. Unde non frustra dictum est: In dexteram et sinistram extende  65. Extendit manus suas,sedad utilia.

 

 

De fuso et colo disseritur.

 

13.  Brachia quoque sua firmavit in fusum  66. In fusum, non ab "infundendo", sed in illud instrumentum lanificii, quod vocatur fusum. De fuso isto, quod Dominus donat dicam. Neque enim ista lanificia sunt a viris aliena. Audite quid sit:Brachia sua firmavit in fusum. Potuit dicere: In colum. Fusum dixit, forte non frustra. Quamvis possit videri nec absurde intellegi de fuso lanificium significatum, de lanificio bonum opus, tamquam castae mulieris et matronae impigrae et diligentis. Tamen ego, carissimi, in isto fuso, quod intellego, non tacebo. Omnis qui vivit in bonis operibus in sancta Ecclesia, non neglector sed effector praeceptorum Dei, quid faciat cras nescit, quid fecerit hodie scit. De futuro opere timet, de praeterito gaudet. Et ut perseveret in bonis operibus vigilat, ne forte negligens futurorum perdat praeteritum. In orando tamen Domino, in omni deprecatione sua, non habet firmam conscientiam de opere futuro sed de praeterito, ex eo quod fecit, non ex eo quod facturus est. Iam ergo si hoc verum esse mecum videtis, attendite in lanificio duo instrumenta ista: colum et fusum. In colo lana involuta est, quae filo ducenda et nenda transeat in fusum. Quod in colo involutum est, futurum est; quod fuso collectum est, iam praeteritum. Opus ergo tuum in fuso est, non in colo. In colo enim est quod facturus es; in fuso quod fecisti. Vide ergo si aliquid habes in fuso, ibi firmentur brachia tua. Ibi erit fortis conscientia tua, ibi securus Deo dices: "Da, quia dedi; dimitte, quia dimisi; fac, quia feci". Non enim petis praemium, nisi opere gesto, non opere gerendo. Quidquid ergo operaris, totus animus ad fusum sit. Quia et quod pendet in colo, ad fusum traiciendum est, non autem illud quod collectum est in fuso ad colum revocandum est. Ergo vide quid agas, ut habeas in fuso, ut brachia tua firmes in fusum, ut totum conetur ad fusum, ut habeat aliquid fusum quod te consoletur, quod te confirmet, quod tibi det fiduciam deprecandi et sperandi promissa.

14.  "Et quid agam? forte dicis, quid me iubes habere in fuso?". Audi quod sequitur: Manus autem suas aperuit pauperi  67. Eia, non nos pudet lanificium sanctum docere vos. Videte, si quis habet plenum saccellum plenum horreum, plenam apothecam omnia ista in colo sunt, transeant in fusum. Videte quemadmodum neat, immo videte quemadmodum neiat - dum omnes instruantur, grammatici non timeantur -. Manus autem suas aperuit pauperi, fructum autem porrexit inopi  68. Manus pauperi, fructum inopi. Est quidam pauper, manus tuas quaerit. Est quidam inops, fructum tuum quaerit. Qui vere non vult a te nisi quod necessitati suae prosit, pauper est manus tuas quaerens. Est autem alius inops qui dicit: Quasi nihil habentes et omnia possidentes  69. Non quasi necessitati suae vult satisfieri de dato tuo, sed tamquam in arbore dominica, quam plantavit et rigavit, fructum quaerit  70. Ipsum audi quibusdam dicentem, cum de talibus loqueretur: Non quia quaero datum, sed requiro fructum  71.

 

 

Novit Dominus qui sunt eius.

 

15.  Non est sollicitus de his quae in domo sunt vir eius, cum alicubi demoratur. Non est sollicitus de his quae in domo sunt vir eius  72, quia novit Dominus qui sunt eius  73. Quomodo sit sollicitus, quando quos praedestinavit ipsos et vocavit; quos vocavit, ipsos et iustificavit; quos iustificavit, ipsos et glorificavit? Si Deus pro nobis, quis contra nos?  74 Non est sollicitus vir eius: novit suos, noverunt cum sui. Cum alicubi demoratur  75. Ubi demoratur, nisi unde venturus est? Demoratur ibi, quasi tardat ibi. Multi enim desiderant iam adventum eius, et desiderium eorum differtur, donec impleatur numerus membrorum matronae huius. Multi autem ad suam impietatem tarditate illius abutuntur. Et dicit malus servus: Tardat Dominus meus  76. Et incipit caedere conservos suos, et inebriari cum malis. Veniet Dominus eius, in die quia nescit, et hora qua ignorat, et dividet eum  77. Ministrorum enim et praepositorum corpus est quod dat in tempore conservis cibaria  78. Dividet, inquit, eum  79. Habet bonos, habet malos, separat bonos a malis  80. Et partem eius cum hypocritis ponet  81. Non totum ministerium, quia sunt ibi et desiderantes adventum Domini. Sunt ibi et ex illo numero, de quo dicitur: Beatus servus ille, quem, cum venerit Dominus eius, inveniet cum ita facientem  82. Ergo veniet, et dividet eum  83.

16.  Nunc interim demoratur alicubi, sed non est sollicitus quid agatur in domo. Omnes enim apud eam vestiti sunt  84. Numquid de nuditate servorum suorum sollicitus erit, cum alicubi demoratur, habens coniugem talem? Vestiti sunt, et optime. Quam optime vultis nosse? Quotquot in Christo baptizati estis, Christum induistis  85. Omnes omnino apud eam vestiti sunt. Et mali servi et boni servi vestiti sunt. Sed boni servi vestiti sunt, qui Christum induerunt, non tantum in forma sacramenti, sed etiam in opere exempli, sequentes vestigia Domini sui. Alii vero usque ad sacramentum, reddituri de sua veste rationem  86. Non cessat tamen illa mulier, non cessat illa mulier omnes vestire, ut nemo queratur, nemo dicat: "Ideo non sum bene operatus, quia non sum vestitus". Videte ergo quemadmodum induti esse debeatis. Pro vestibus nostris etiam opus faciamus.Omnes enim apud eam vestiti sunt.

 

 

Christus Deus et homo.

 

17.   Quid viro suo? Quae servos vestit, viro suo nihil operatur? Duplicia pallia fecit viro suo  87. Operatur. Duplicia pallia fecit viro suo. Iam acclamatis. Credo quod agnoscitis quae sint duplicia pallia, quae facit Ecclesia viro suo Christo. Pallia quae illi facit, laudes sunt: laudes fidei, laudes confessionis, laudes praedicationis. Quare duplicia Christo? Laudas Deum, laudas hominem. Dupliciter lauda, et simpliciter lauda: dupliciter, quia et homo est et Deus; simpliciter ut non sis fictus. Nescio quae mulier apud quemdam Photinum, lapidem quasi pretiosum de ornamento huius mulieris excussum, iam vilem et abiectum unde haeretici Photiniani appellantur, hoc elegit simplex pallium facere viro suo. Non accipit ille, qui utique a sua coniuge, vere sua, sicut scriptum legimus  88 duplicia sumit pallia. Ille enim Christum solum hominem dixit. Rursus exstitit nescio qua alia detestanda mulier, quasi et ipsa texens viro pallium, texens autem pannosas fabellas. Ait enim: "Christus Deus est tantum, omnino hominis nihil habens". Hoc Manichaei dicunt. Photiniani homo tantum, Manichaei Deus tantum. Illi nihil divinum in Domino confitentur. Isti quasi totum divinum, et tamen tam falsum ut nec saltem humanum. Si enim homo non erat, ergo mortuus non est, ergo crucifixus non est, ergo nec resurrexit. Quia ille resurgere potuit, qui mortuus est. Ergo et dubitanti discipulo falsas cicatrices ostendit  89. Procul dubio enim falsae cicatrices illae fuerunt, si vera vulnera non praecesserunt. Si autem vera vulnera praecesserunt, vera caro. Si vera caro, vera mors, vera crux, verus homo, et totus veritas: laus abundans de tela huius mulieris. Qui autem ista laudabiliter duplicia pallia timuerunt, mendacio duplices remanserunt. Duplicia pallia fecit viro suo. Prorsus duplicia pallia fecit. Confitemur Deum, confitemur hominem. Lauda Deum in homine, hominem in Deo. Texuit pretiosissimum illud pallium laudis: In principio erat Verbum, et Verbum erat apud Deum, et Deus erat Verbum. Hoc erat in principio apud Deum  90. Texuit et aliud pallium, propter conversationem inter homines quotidianam: Verbum caro factum est et habitavit in nobis  91.Duplicia pallia fecit viro suo.

18.  De bysso et purpura vestimenta sibi  92, vestimentafecit etsibi. Non enim decebat matronam tanti viri, vel nudam incedere vel pannosam.Fecit de bysso et purpura vestimenta sibi. De bysso, candida confessione; de purpura, gloriosa passione. Huius byssum, cum oramus, agnoscimus; huius purpuras in martyribus mane laudavimus.

 

 

Filius hominis in maiestate venturus est.

 

19.   Conspicuus autem fit in portis vir eius  93. Ille qui alicubi demoratur, ille qui propter talem coniugem de domo sua sollicitus non est, ille quem demorantem alicubi nunc nemo videt, conspicuus fit in portis. Attende quando. Vide quod sequitur: Cum sederit in concilio cum senioribus terrae  94. Nihil evidentius. Lege aliam prophetiam: Veniet ad iudicium cum senioribus populi sui  95. In illo concilio, hoc est, in illo iudicio, iudicantibus secum sanctis quibus dictum est: Sedebitis super duodecim sedes iudicantes duodecim tribus Israel  96, conspicuus erit. Veniet enim Filius hominis, sicut dixit, in maiestate sua, et omnes angeli cum eo  97. Ibi omnes angeli: et angeli caelorum, et angeli annuntiatores verbi Dei. Etenim et Propheta dictus est angelus  98. Angelus enim nuntius est. Et: Ecce mitto angelum meum ante faciem tuam  99, de Ioanne dictum est. Et: Sicut angelum Dei suscepistis me  100, Apostolus loquitur. Ille ergo, ille alicubi nunc demorans, de quo multi dicunt: "Quando venturus est, aut quis venturus est?" erit conspicuus in portis, hoc est, in aperto, in manifesto. In portis conspicuus erit. Sed alios admittit, contra alios claudit. Erit conspicuus in portis vir eius, cum sederit in concilio cum senioribus terrae  101.Quod donec fiat, haec interim faciat quod faciebat. Operetur, non cesset. Exspectet illum futurum conspicuum in portis, non contremiscat sanctum concilium iudicii Dei. Cum bona conscientia veniat, gloriosa veniat, quia et ipsius membra sunt et ipsius filii sunt, qui sunt cum eius viro iudicaturi.

 

 

Panem vivum tibi eme qui de caelo descendit.

 

20.   Sindones fecit et vendidit  102. Bene quia sindones fecit. Quare vendidit? nisi quia non quaerit datum, sed requirit fructum  103. Venditionem enim istam primo intellegite, Fratres, gratuitam. Et aliquis emit gratis? Si gratis tollit, non emit. Si emit, pretium dat. Si pretium dat, non gratis tollit. Et ubi est: Qui sititis, ite ad aquam emite vobis sine argento  104? Quando emis, non argentum das, et tamen emis. Si emis, aliquid das, non tamen argentum das, te ipsum das. Sindones enim referte ad illa linea - spiritalia sunt - quae facit et praedicat ista mulier per omnes terras. Et forte vendere dicenda est, quia dixit Apostolus: Si nos vobis spiritalia seminavimus, magnum est, si carnalia vestra metamus?  105 Etenim ratio illa est dati et accepti. Nam in omni venditione dati ratio et accepti versatur  106. Contristatur autem Apostolus adversus quaedam fora, ubi non vendidit sindones. Nulla, inquit, mihi ecclesia communicavit in ratione dati et accepti  107. Sed ille qui sic vendit, non quaerit datum, sed requirit fructum  108, ne quasi venditorem Evangelii putetis. Est quidem ille mercator Domini sui, sed maius pretium quaerit. Nam prorsus vendit, dat spiritalia. Et quid quaerit? Forte carnalia? Debentur quidem et ista, sed non ipsa quaerebat Apostolus dicens: Non enim quaero vestra, sed vos ipsos  109. Date ergo pretium, date vos ipsos. Neque enim et Ioseph in Aegypto frumenta non vendebat, et tamen ipsos ementes, servos regios faciebat  110. Volentes vivere in illa fame, accipiebant frumenta et flebant servi. Timemus nos fieri servi? Vae nobis, si non erimus illius servi. Quid nobis prode est recusantes talem Dominum? Et sub diabolo erimus, et famem patiemur, et potestatem veri Domini non effugiemus. Te ipsum da, et eme tibi sindonem, id est, spiritale amictorium. Sicut etiam cuiusdam panis pretium tu ipse es. Quid enim? Quia das te voluptati, nonne pro concupiscentia carnis, tamquam ut emas meretricem, te ipsum das pretium? Quantum est ut Deo te des, panem vivum tibi emas qui de caelo descendit  111,eodem ipso pretio quod tu ipse es? Pretium enim meretricis tantum est, quantum panis unius.Sindones fecit et vendidit.

21.  Cinctoria autem Chananaeis  112. Fecit cinctoria Chananaeis. Cingant se, operentur, veniant, sint servi de domo ista, ut omnes vestiti, omnes pasti sint. Cinctoria enim fecit, utique ad opus, nam et ipsa opus faciens, accinxit fortiter lumbos suos  113. Qui sunt Chananaei? Vicinae gentes populo Israel alienigenae. Aliquando qui eratis longe, facti estis prope in sanguine Christi  114. Qui eratis aliquando peregrini Testamentorum, et promissionis spem non habentes, et sine Deo in hoc mundo  115, nunc autem cives sanctorum et domestici Dei  116, acceptis cinctoriis operamini in domo dominica, iam facti domestici Dei ex Chananaeis, unde erat et illa mulier modo in Evangelio recitata  117. Chananaea erat, ad mensam filiorum accedere non audebat, sed tamquam canis micas requirebat. Vide quemadmodum se praecinxerit ad opus. Praecinctorium eius, fides. Hoc laudat ille: O mulier magna est fides tua!  118

22.  Cetera videamus. Fortitudine et decore induta est  119. Decore, tamquam bysso; fortitudine, tamquam purpura. Quia enim fortis, ideo in passione sanguinea. Et laetata est in diebus novissimis  120.In diebus novissimislaetata est;hic ergo diu tribulata. Nam unde haberet purpurea vestimenta sine tribulatione?

 

 

Ne turbemus aut confundamus quae Deus ordinavit.

 

23.  Os suum aperuit attente  121. Praestet nobis Dominus in illa constitutis, ipsam laudantibus, illi cohaerentibus, cum illa et in illa virum eius exspectantibus, ut et nos aperiamus attente os nostrum. Non temere, sed attente, caute, sollicite. Cum timore et tremore multo fui apud vos  122, Apostolus dixit. Tamquam dicens: "Os meum aperui attente": Os nostrum patet ad vos, o Corinthii  123. Os suum aperuit attente. Et ordinem posuit linguae suae  124, laudans creaturam tamquam creaturam Creatorem tamquam Creatorem, angelos tamquam angelos, caelestia tamquam caelestia, terrestria tamquam terrestria, homines tamquam homines, pecora tamquam pecora. Nihil perturbatum, nihil inordinatum., Non accipiens in vanum nomen Domini Dei sui  125, non substantiam creaturae sentiens de Creatore, ita ordinate totum loquens, ut non praeponat inferiora potioribus, nec subdat potiora inferioribus. Disposuit ordinem linguae suae  126. Nihil pulchrius hoc ordine. Unde et ipsa dicit: "Ordinate in me caritatem. Nolite praepostere agere, nolite turbare et confundere quae Deus ordinavit. Ordinate in me caritatem. Amate me tamquam me, amate Deum tamquam Deum, ne Deum offendatis propter me, ne me offendatis propter alium quemlibet praeter me. Ordinate in me caritatem  127". Beata filia eius in hoc ordine constituta, cuius inter ceteros celebramus hodie passionem et paulo ante audivimus confessionem, ordinans linguam suam: Honorem, inquit, Caesari quasi Caesari, timorem autem Deo. Os suum ergo aperuit attente, et ordinem posuit linguae suae  128.

24.   Severae conversationes domorum eius  129. Severae, fortes, districtae. Non est ubi diffluatur, non amat dissolutionem. Cibos autem pigros non comedit  130. Merito tantum adquisivit.

25.   Hicergo ista laboriosa, vigilans, sollicita, severe castigans domum suam surgens de noctibus, intuens lucernam ne exstinguatur, in tribulatione fortis, nondum receptis promissis patiens, brachia sua in fusum confirmans, non pigrum panem manducans, sed post labores istos quasi paupertatis et necessitatis saecularis, quid erit quia in novissimis diebus laetata est? Quid erit, audire vultis? Audite propter quam spem ardeat lucerna nostra tota nocte. Nunc audite. Surrexerunt filii eius et ditati sunt  131. Modo in paupertate vivimus, in paupertate vigilamus. Et cum morimur, in paupertate dormimus. Sed resurgemus et ditabimur. Tunc ditabuntur filii eius. Surrexerunt filii eius et ditati sunt. Compara nunc quaslibet divitias terrae huius, obnoxias furibus, tineis  132. Quid te iactas? Quia infirmus es, ideo tibi sunt multa necessaria. Opus est multum vestiaris, quia frigus pati non potes; iumentis utaris, quia pedibus ambulare non potes. Ista fulcimenta sunt infirmitatis, non ornamenta potestatis. Quae illae divitiae sunt angelorum? Unam vestem habent lucis. Numquam teritur, numquam sordidatur. Illae sunt verae divitiae, ubi nulla erit inopia, nulla erit indigentia. Quid modo quaeris hoc, antequam surgas? Si filius es mulieris huius, attende quando tibi divitiae promittantur.Surrexerunt filiieius, et ditati sunt.Para te resurrectionis divitias accipere. Noli has amare, ut merearis ad illas venire.Surrexerunt filii eius, et ditati sunt.

26.  Et vir eius laudavit eam  133.Noseam laudamus, sed non de nostro. Ipse vir eius laudavit eam. Quando surrexerunt filii eius et ditati sunt, attendit eam, et inspexit eam et laudavit eam. Quis nolit audire quomodo eam laudaverit? Si tam iocunde audistis, cum laudaretur a nobis, quomodo audiremus, si audire possemus sicut eam laudavit vir eius? Laudavit eam in resurrectione. Cum resurrexerimus, audiemus. An et modo non tacuit laudem ipsam? Hic est ipsa laus, ipsa sequitur. Audiamus ita vivatis in illa, et cum illa audiamus quemadmodum eam laudaverit vir eius, videns eam iam cum tanta beatitudine filiorum, divitum in resurrectione mortuorum.

 

 

Malae filiae sunt haereses, tamen filiae.

 

27.  Multae, inquit, filiae fecerunt potentiam  134. Laudes sunt, quibus eam laudat vir eius. Multae filiae fecerunt potentiam. Quae filiae, quibus haec comparatur? Et non comparatur. Multae filiae fecerunt potentiam. Tu autem superasti  135. Attendite, rogo vos: iam in fine lectionis sumus. Metuo enim ne ibi vos habeam fatigatos, ubi maxime exigo intentos. Audiamus laudes illius. Multae filiae fecerunt potentiam. Tu autem superasti, et superposuisti omnes  136. Tu, inquit, omnes superasti, tu super omnes posuisti. Quae sunt ergo aliae filiae quae fecerunt potentiam quas ista superavit, et super quas ista posuit? Aut quam potentiam fecerunt, aut unde ista superavit? Sunt enim malae filiae, quae sunt haereses. Quare filiae? Quia et illae ex ista natae. Sed filiae malae, filiae non similitudine morum, sed similitudine sacramentorum. Habent et ipsae sacramenta nostra, habent Scripturas nostras, habent Amen et Alleluia nostrum, habent pleraeque Symbolum nostrum, habent multae baptismum nostrum. Ideo filiae. Sed huic mulieri vultis nosse quid alicubi dictum sit in Canticis canticorum? Sicut lilium in medio spinarum, ita proxima mea in medio filiarum  137. Mirum dictum, easdem et spinas dixit et filias. Et illae spinae faciunt potentiam? Faciunt plane. Non videtis quemadmodum et ipsae haereses orent, ieiunent, dent elemosinas, laudent Christum? Possum dicere esse ibi pseudoprophetas, de quibus dictum est: Faciunt signa et prodigia multa, ut fallant, si fieri potest, etiam electos. Ecce praedixi vobis  138. Faciunt potentiam et spinae. De qua potentia dicitur: Nonne in nomine tuo manducavimus et bibimus, et in nomine tuo virtutes multas fecimus?  139 Manducavimus et bibimus,non de quocumque cibo diceret. Nostis de quo dicere potuit, vel cibo vel potu.Et virtutes multas fecimus.Faciunt potentiam multae filiae, non negamus. Et spinae florem habent, sed fructum non habent. Haec autem cui dicitur:Tuautem superasti et superposuisti omnes,unde superavit, nisi quia non solum florem, sed et fructum habet?

 

 

Carnis opera et spiritus fructus recensentur.

 

28.  Quem fructum habet? Unde superavit? Dicatur mihi. Supereminentem, inquit, vobis viam demonstro  140. Quam supereminentem viam? Quia inde ista superavit, inde ista super omnes posuit. Si linguis hominum loquar et angelorum, caritatem autem non habeam factus sum aeramentum sonans, aut cymbalum tinniens  141. Loquitur linguis: ad potentiam illam floris pertinet. Si sciam omnia sacramenta et omnem scientiam et habeam omnem prophetiam et omnem fidem, ita ut montes transferam - quanta potentia! - caritatem autem non habeam nihil sum  142. Audi adhuc alias potentias, ad florem pertinentes, non ad fructum: Si distribuero omnia mea pauperibus, et tradidero corpus meum, ut ardeam, caritatem autem non habeam, nihil mihi prodest  143. Hanc habet ista supereminentem viam unde illi dicitur: Multae filiae fecerunt potentias. Multae locutae sunt linguis, scierunt omnia sacramenta, fecerunt virtutes multas, daemonia excluserunt, res suas pauperibus distribuerunt, corpora sua ignibus tradiderunt. Infra te sunt quia caritatem non habuerunt. Tu autem superasti et superposuisti omnes, non solum fiore, sed et fructu gravida, fructu abundans. Vide ipsum botrum, unde incipiat. Cum enumeraret opera carnis: Fornicationes, inquit, immunditiae, luxuria, idolorum servitus, veneficia, inimicitiae, contentiones, aemulationes, animositates, dissensiones, haereses, invidiae, comessationes, ebrietates, et his similia, quae praedico vobis, sicut praedixi, quoniam qui talia agunt regnum Dei non possidebunt  144. Enumeratis omnibus spinis in ignem mittendis: Fructus autem spiritus est, inquit, caritas  145. Et ab hoc capite ad hac tamquam radice cetera contexuntur: Gaudium, pax, longanimitas, benignitas, bonitas, fides, mansuetudo, continentia  146.Unde iste botrus pulcher? Quia pendet a caritate.Multae filiae fecerunt potentiam. Tu autem superasti et superposuisti omnes.

 

 

Benedicetur qui in terra sapienter laborat.

 

29.  In illis quid remansit? Falsae sunt gratiae, et vanaespecies mulieris  147. Quare falsae gratiae et vanae Species? Quia si caritatem non habeam, factus sum aeramentum sonans et cymbalum tinniens, nihil sum, nihil mihi prodest  148. Falsae ergo sunt gratiae et vanae species mulieris. Mulier enim sapiens benedicetur  149. Ista quae quaesivit quid intellegeret, quae intellectum custodivit, ista sapiens, ista benedicetur, non illae falsae species, non illa vana gratia. Sapiens mulier benedicetur. Timorem autem Domini ipsa collaudet  150. Ipsa quae benedicetur, collaudet aliquid unde benedicetur, quia sapiens est. Quid collaudet? Timorem Domini, quo perducta est ad sapientiam. Initium enim sapientiae, timor Domini  151: Timorem autem Domini ipsa collaudet. Laboriosa tot noctibus, inter tot scandala patiens, provida ad spectandum, fortis ad tolerandum, constans ad perseverandum, laboribus, finitis: Date illi de fructibus manuum suarum  152. Fecit, fecit. Digna est recipere. Date illi de fructibus manuum suarum. Quid date? Venite benedicti Patris mei  153. Date illi de fructibus manuum eius  154. Quid date? Percipite regnum quod vobis paratum est ab origine mundi  155. Ecce quid date. De quibus fructibus manuum eius? Esurivi enim, et dedistis mihi manducare  156. Date illi de fructibus manuum eius.

 

 

Finitis laboribus, in caelo Deo laudando vacabimus.

 

30.  Et quod illi deinde negotium erit, finitis laboribus? Et laudetur in portis vir eius  157. Ipse erit portus laborum nostrorum, videre Deum, et laudare Deum. Non ibi dicetur: "Surge, labora, vesti servos, vesti et te ipsam ornare purpura, da escas famulis, attende ne lucerna exstinguatur, sollicita esto, surge de noctibus, aperi pauperi marium, traice de colo in fusum". Non erunt opera necessitatis ubi nulla necessitas. Non erunt opera misericordiae ubi nulla miseria. Non frangis panem pauperi ubi nemo mendicat. Non suscipis peregrinum ubi omnes in patria sua vivunt. Non visitas aegrum ubi omnes perpetuo sani sunt. Non vestis nudum ubi omnes aeterna luce vestiti sunt. Non sepelis mortuum ubi omnes sine termino vivunt. Nec tamen ista non agens, nihil ages. Videbis enim quem desiderasti, et sine defectu laudabis. Istum accipies fructum. Tunc erit una illa quam petisti: Unam petii a Domino, hanc requiram ut inhabitem in domo Domini per omnes dies vitae meae. Et quid ibi facies? Ut contempler delectationem Domini  158. Et laudetur in portis vir eius. Beati qui habitant in domo tua, in saecula saeculorum laudabunt te  159.

 

 

*     *     *

 

 

DISCORSO 37

DISCORSO TENUTO NEL GIORNO NATALIZIO
DEI MARTIRI SCILLITANI NELLA BASILICA DELLE NUOVE
SUL BRANO SCRITTURALE:
"CHI TROVERÀ LA DONNA FORTE?"

 

 

La Chiesa madre dei martiri.

 

1.  Colui che ha reso memorabile questo giorno per la festa dei suoi santi ci concederà che, nonostante la fiochezza della nostra voce siamo in grado di [soddisfare] il vostro ardore. Vi ho raccomandato questo perché vi degniate aiutarmi col vostro silenzio. Difatti l'animo è pronto per contentarvi, ma la carne è debole  1. E, veramente, il nostro animo in se stesso è in atto di partorire tutte quelle gioie e ha concepito in fatto di Scrittura divina e cerca di depositarle nei vostri orecchi e nelle vostre menti. Preparate in voi un nido al nostro discorso. Anche nella Scrittura infatti ci si presenta una tortora in cerca di un nido per deporvi i suoi piccoli  2. Inoltre, questa che teniamo in mano, cioè la Scrittura che vedete, ci esorta a ricercare e ad elogiare una certa donna, una gran donna della quale avete sentito parlare or ora mentre vi si leggeva il testo  3, una donna sposata a un grand'uomo: l'uomo che la ritrovò quand'era perduta e dopo averla trovata la adornò [con monili preziosi]  4. Vi dirò poche cose - quelle che il Signore vorrà suggerirmi - e nei limiti consentiti dal tempo, nei riguardi di questa donna, attenendomi alla lettura del testo che mi vedete reggere in mano. È oggi il giorno sacro ai martiri; quindi ancor più dev'essere elogiata la madre dei martiri. Chi sia questa donna l'avete ormai compreso dalle parole della mia introduzione; vedete di trovarne la conferma da quello che vi verrò leggendo. Adesso, ciascuno di voi che siete ad ascoltare, nei limiti che appaiono a sufficienza dal vostro ardore, dice in cuor suo: "Deve essere la Chiesa". Confermo questo concetto. Chi altri infatti potrebbe essere la madre dei martiri? È così. Ciò che avete compreso corrisponde esattamente al vero. La donna di cui vogliamo dirvi qualcosa è la Chiesa. Non sarebbe infatti conveniente che vi parlassimo di qualsiasi altra donna. Ciò, anche se nel racconto della passione dei martiri abbiamo sentito menzionarci delle donne, di cui potremmo parlare onestamente ma certo non le omettiamo quando tessiamo l'elogio della loro madre.

 

 

La Chiesa redenta da Cristo.

 

2.  Notate chi sia colei di cui siete le membra; fissate lo sguardo su colei di cui siete figli. Chi troverà la donna forte?  5. La fortezza della donna ben si concilia con il giorno dei martiri. Se infatti lei non fosse stata forte, quei suoi membri sarebbero venuti meno nel martirio. Chi troverà la donna forte? È difficile trovarla; ma che dico? è difficile non conoscerla. E non è forse lei la Città posta sul monte, città che non può essere nascosta  6? Perché allora è detto: Chi la troverà, mentre in realtà si sarebbe dovuto dire: Chi non la troverà? In effetti, tu vedi la città posta sul monte. Perché però fosse posta sul monte dovette essere trovata, lei che prima era andata perduta.  7 Ora che è illuminata, chi non la vede? Quando però era nascosta, chi avrebbe potuto trovarla? Lei infatti è una città, ma è anche quella pecora che, essendosi perduta, unica [in tutto il gregge], il pastore ricercò e, trovatala, riportò all'ovile caricandosela gioioso sulle spalle  8. Lo stesso che è pastore è anche monte: la pecora sulle sue spalle è la città sul monte. È facile vederla quand'è collocata sul monte; ma come l'avresti trovata quand'era nascosta fra i cespugli e fra le spine, certo dei suoi gravi peccati? Averla cercata quand'era lì in mezzo è cosa grande, averla trovata lì in mezzo è cosa mirabile. Questo suo difficile ritrovamento viene sottolineato con le parole: Chi troverà la donna forte? Dice "chi" perché è uno, non perché non ci sia neanche uno. Analogamente è detto del suo sposo, il leone della tribù di Giuda  9 del quale la profezia aveva molto tempo prima affermato: Salisti addormentato  10, cioè sulla croce. Salisti sottintende la croce, addormentato allude alla morte. Che significa: Salisti se non quel che fu scritto: E lo crocifissero  11? Del quale evento parlava lui stesso quando diceva: Come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia posto in alto il Figlio dell'uomo, affinché chiunque crede in lui non perisca ma abbia la vita eterna  12. Che significa: Addormentato? E chinato il capo rese lo spirito  13. Allo stesso modo anche nella profezia. Dopo che era stato detto: Salisti addormentato, prosegue: Dormisti come un leone  14. Sì, dormisti come un leone, non fuggisti come una volpe. Che vuole dire: Dormisti come un leone? Ti addormentasti perché ne avevi il potere, non perché ti costrinse la necessità  15 E dopo aver detto: Dormisti come un leone, proseguendo aggiunge: Chi lo sveglierà?  16. Chi lo ha svegliato? Non che non ci sia stato proprio nessuno, ma "chi fra gli uomini "? Difatti non fu altri che Dio, il quale lo risollevò di tra i morti e gli diede il nome che è al di sopra di ogni altro nome  17. Inoltre fu lui stesso che si risuscitò. Per cui diceva: Abbattete questo tempio e in tre giorni lo restaurerò  18. E ora, quando avete ascoltato:Chi troverà la donna forte?,non crediate che si dica della Chiesa in quanto nascosta, ma della Chiesa che fu trovata da quell'Unico perché non fosse nascosta a nessuno. Che dunque la si descriva, la si lodi, la si inculchi! Essa deve essere amata come madre da tutti noi: è infatti la sposa di quell'Unico.Chi troverà la donna forte?Chi non vede questa donna così forte? Ma ciò adesso che è stata trovata, posta in alto, resa visibile, gloriosa, ornata, rilucente: adesso che, per spiegarmi con una parola, è diffusa in tutto l'universo.

 

 

La pietra preziosa che dev'essere nel manto della Chiesa.

 

3.  Una donna di questo genere è più preziosa delle pietre preziose  19. E cosa c'è di straordinario che una tal donna sia più preziosa delle pietre preziose? Se col pensiero andate alle molteplici forme dell'avarizia umana, se prendete alla lettera quelle "pietre preziose", cosa c'è di straordinario che la Chiesa risulti più preziosa di qualsiasi genere di pietre? Un simile confronto non tiene assolutamente. Ma è in lei stessa che ci sono delle pietre preziose: e son tanto preziose che le si chiama "pietre vive"  20. Ci sono dunque delle pietre [veramente] preziose che la adornano, ma lei è più preziosa [di tutte]. Per quanto mi è dato capire, per quanto capite voi, per quel timore che provo e che anche voi dovete provare, voglio inculcare una cosa alla vostra Carità nei riguardi di queste pietre preziose. Ci sono nella Chiesa delle pietre preziose, e ce ne sono state sempre: persone dotte, fornite di molta scienza, facondia e comprensione della Scrittura. Sono certamente preziose queste pietre; ma in mezzo a loro ce ne furono alcune che staccatesi dal manto di questa donna andarono errando qua e là. Quanto alla dottrina e alla facondia che lo rende fulgido, pietra preziosa, rilucente della luce del Signore, pietra preziosa era Cipriano, e questo Cipriano restò nel manto della Chiesa. Pietra preziosa era Donato, ma si staccò dal tessuto dell'ornamento. Colui che rimase volle essere amato in essa. L'altro, che ne fu strappato, cercò una rinomanza al di fuori di essa. L'uno, restando unito ad essa, riunì ad essa [anche altri]. L'altro che si allontanò [da lei], non volle raccogliere ma spargere  21. Figli cattivi, perché volete seguire la pietra preziosa staccatasi dal manto di questa donna? Mi risponderete: E che? capisci tu forse quanto lui? O sai tu forse parlare quanto lui? O sei tu forse dotto come lui? Ammettiamo pure che egli sia intelligente - ma buon intelletto hanno coloro che agiscono con questo [timore]  22 -, che egli sia dotto, erudito nelle scienze liberali e nei misteri della Scrittura: sarà una pietra preziosa. Da lui torna [alla considerazione] di questa [donna]. È più preziosa delle pietre preziose  23. Una pietra preziosa che non sia nel manto di questa donna giacerebbe nelle tenebre. Una pietra preziosa, dovunque situata, se non sarà sul manto di questa donna, giacerebbe nelle tenebre. Le occorre necessariamente restare nel manto di questa donna; dev'essere inserita nella tessitura del suo ornamento. Voglio dirvelo con parole audaci. Le pietre preziose le si chiama così perché costano care. Ebbene, colui che ha perso la carità, ha perso il valore, è divenuto spregevole. Anche se strombazza la sua cultura, anche se decanta la facondia del suo linguaggio! Ascolti uno che sa stimare le vere pietre [preziose] di questa matrona. Ascolti, ripeto, un artista esperto controllore in fatto di ornamenti. Cosa sta lì a elogiare le lingue uno che non è più pietra preziosa ma di nessun valore? Dice: Se parlassi le lingue degli uomini e degli angeli, ma non avessi la carità, sarei come un bronzo risonante, come un cembalo squillante  24. Dov'è andata a finire quella pietra? Non risplende più, soltanto risuona. Voi pertanto, che siete mercanti per il regno dei cieli  25, imparate a valutare le pietre. Non vi piaccia alcuna pietra che non appartenga al manto di questa donna. Lei, che è più preziosa di tutte le pietre preziose, lei conferisce valore al suo ornamento.

 

 

La Chiesa incontra le compiacenze del suo Sposo.

 

4.  Confida in lei il cuore di suo marito  26. Certo che vi confida e insegna anche a noi a confidarvi. Elogia infatti la sua Chiesa, diffusa fino agli estremi confini della terra, fra tutte le genti, da un mare all'altro  27. Se costei non perseverasse sino alla fine  28, non confiderebbe in lei il cuore di suo marito. Confida in lei il cuore di suo marito. Vi confida consapevole: non può ingannarsi colui che in essa confida. Non è stato detto: Confida in lei il cuore dei suoi figli. I figli infatti, supponendoli bambini, potrebbero ingannarsi. Confida in lei il cuore di colui che nessuna menzogna è capace d'ingannare. È fondata quindi la sua confidenza. Una donna siffatta non manca di spoglie  29. Non perché non vada in cerca di spoglie per questo non ne manca, ma perché ne possiede in abbondanza. Una donna siffatta non manca di spoglie. Diffusa in ogni parte del mondo, lo spoglia e da ogni parte ruba trofei al diavolo. Questo infatti le aveva promesso il suo sposo, quando le diceva in un altro salmo: lo esulto nelle tue parole, come chi ha trovato spoglie copiose  30. Come può mancare di spoglie colei che da ogni parte le ruba, da ogni parte le attira, da ogni parte se ne appropria?.

5.  Nei riguardi di suo marito compie il bene e non il male in ogni tempo  31. È così che questa donna spoglia le genti: operando per il suo marito il bene e non il male. In ogni tempo opera il bene e non il male. E questo non per sé ma per il suo marito, affinché colui che vive non viva più per sé ma per colui che è morto e risorto per tutti  32. Compie dunque il bene per il marito; opera il bene dinanzi a Dio  33. A lui serve, a lui è devota, lui ama, sua brama costante è quella di piacergli. Non si adorna né per piacere a se stessa né per piacere agli altri. Non è della categoria di coloro che vogliono compiacere se stessi né di coloro che vanno in cerca di interessi personali. Opera infatti per il suo marito. Coloro al contrario che operano per se stessi, tutti cercano gli interessi propri, non quelli di Gesù Cristo  34.

 

 

Opere carnali e opere spirituali.

 

6.  Trovando lane e lino, esegue lavori utili con le sue mani  35. La sacra pagina descrive questa matrona come lavoratrice di lana e di lino. Occorre pertanto investigare cosa sia la lana e cosa il lino. Con "lana" penso venga significato qualcosa di carnale, con "lino" qualcosa di spirituale. Questo oso congetturare dall'ordine dei nostri vestiti. Difatti son di lino le vesti interne, mentre quelle esterne sono di lana. Ciò che operiamo con il corpo è manifesto, ciò che operiamo con lo spirito è occulto. Ora, operare col corpo senza operare con lo spirito, sebbene possa sembrare buono, tuttavia non è vantaggioso. L'operare con lo spirito senza operare col corpo è da pigri. Ecco uno che con la mano stende l'elemosina al povero, ma nel far questo non pensa a Dio: desidera solo piacere agli uomini. La veste di lana può essere veduta, ma egli non ha la veste interiore, quella di lino. Ecco un altro che ti dice: Mi basta onorare Dio nella coscienza, lì adorarlo. Che bisogno c'è ch'io vada alla Chiesa e mi mescoli visibilmente agli altri cristiani? Vuol avere la veste di lino senza la tunica. Questa donna non conosce né inculca opere come queste. Si debbono predicare e insegnare, è vero, anche le opere spirituali senza quelle carnali; ma coloro che ricevono [l'insegnamento] debbono dedicarsi alle opere spirituali e compiere in modo non carnale le opere carnali. Questa donna trovò le tane e il lino e con le sue mani ci fece opere utili. Queste lane e questo lino sono nelle sante Scritture. Molti ne trovano ma non vogliono compierci opere utili con le loro mani. Trovò e fece. Quando ascoltate, trovate; quando vivete bene, fate. Trovando le lane e il lino, compì opere utili con le sue mani. Osservate colei alla quale vien detto: Estendi[ti] a destra e a sinistra, la tua progenie infatti erediterà le genti  36; non ti devi risparmiare: stendi più lontano che puoi le tue cordicelle  37. Vedetela qui: È diventata come una nave da commercio; da paesi lontani si accumula ricchezze  38. Ricchezze di questa donna sono gli elogi di suo marito. Osservate da quanto lontano si accumuli ricchezze. Dal sorgere del sole al suo tramonto lodate il nome del Signore  39.

 

 

Zelante ancella del Signore, la Chiesa.

 

7.  Si alza di notte e dà il cibo ai domestici e assegna le opere alle ancelle  40. Si alza di notte. A cosa equivalgono le notti? Non la opprimono, con le loro tenebre non la costringono a giacere. Di notte si alza. Notti sono le tribolazioni. Ma a vantaggio di chi si alza costei di notte e trae profitto dalle tribolazioni? Dà il cibo ai domestici. Nelle notti si lascia imitare. Facendo insegna ciò che ha detto doversi fare, e allora, di notte, dà il cibo ai domestici. Chi mangia di notte? Eppure non c'è dubbio che anche allora distribuisce il cibo. Coloro a cui lo dà son gente sempre affamata. Infatti, beati quelli che hanno fame e sete della giustizia poiché saranno saziati  41. Dal [mezzo del]la notte il mio spirito veglia in cerca di te, o Dio  42. A mezzanotte mi alzavo per confessare a te  43. Questi alimenti notturni abbondano nella casa di questa donna. Lì nessuno patisce la fame, né va tastando per trovare qualcosa da mangiare: arde infatti la lucerna della profezia. Ma si dovrà forse mangiare e stare in ozio? Ecco, colei che dà il cibo ai domestici, assegna anche le opere alle ancelle  44. Queste ancelle, poi, sono ancelle di lei o di suo marito? O forse sono sue perché sono di suo marito? Ovvero le numerose ancelle sono lei stessa? Essa infatti, sebbene madre di famiglia, tuttavia non sdegna d'essere ancella. Badi al suo prezzo e ami il suo padrone! Ripeto: si ritenga serva e non abbia timore di trovarsi in questa condizione. Il suo Signore, Che l'ha comprata a sì caro prezzo, non sdegnerà di renderla sua coniuge. E ogni buona coniuge chiama signore il suo proprio marito. E non soltanto ce lo chiama, ma è convinta di questo e così parla; questo tiene in cuore e questo proferisce con le labbra: ritiene il contratto matrimoniale come strumento di questa acquisizione fatta di lei. È dunque una serva che assegna le opere alle ancelle. È una serva; e suo figlio è colui che dice: Io sono tuo servo, figlio della tua ancella  45.

8.  Avevi voglia di chiedere cosa faccia in quei lavori protrattisi anche di notte. Ascolta cosa faccia: Preveggente ha comprato un campo  46. Preveggente, mirando cioè non al presente ma al futuro, ha comprato questo campo: preveggente mediante la fede e la speranza. Per questo si alza anche di notte  47. Se infatti speriamo in cose che non vediamo, le aspettiamo armati di pazienza  48. Soffrendo tribolazioni per ogni dove  49, mira preveggente al campo che vuol comprare. E per questo è chiamata donna forte. Cosa sono quelle notti in confronto di quel campo? Il peso temporaneo e leggero della nostra tribolazione infatti che dura al presente - quando ci leviamo di notte - opera in noi in maniera insospettata un cumulo eterno di gloria (il nostro cuore mira a quel campo), non guardando noi alle cose visibili ma a quelle invisibili. Le cose visibili sono infatti temporanee, quelle invisibili sono invece eterne  50. Qual è quel campo? qual è la sua bellezza? Accendiamoci dal desiderio di possederlo. Crediamo forse che non sia proprio quel campo di cui Dio ebbe a dire: E la bellezza del campo è presso di me  51?.

 

 

Un campo che vale l'eternità.

 

9.  Preveggente ha comprato un campo  52. Dove ha comprato quel campo, là lo possiede. Dove possiede il campo? dove l'ha comprato? Lì ha nascosto anche il suo tesoro, con la conseguenza che dove è il tuo tesoro ivi è anche il tuo cuore  53. Preveggente ha comprato un campo. Come l'ha comprato? In maniera che tu, sperando e sospirando per esso, non resti inerte: devi persuaderti che un tal campo non ama chi lo ama comportandosi da neghittoso. Certo, quando ne sarai venuto in possesso, forse potrai riposarti e non ci sarà bisogno di ulteriori lavori. Non è infatti, quel campo, come i campi di questo mondo dove Adamo mangiò il pane col sudore della sua fronte  54. Adesso tuttavia devi procurarti mezzi per comprare quel campo di cui vuoi raggiungere la bellezza. Datti da fare! Che cosa? Accumula il prezzo. Questo infatti fa la nostra donna. Notate se la cosa sia stata passata sotto silenzio. Dopo avere detto: Preveggente ha comprato un campo, come se tu gli andassi a chiedere: Ma come ha fatto a comprarlo?, ti risponde: Con i frutti delle sue mani ha piantato le sue proprietà  55.Ecco le opere che assegnava alle ancelle: con i frutti delle loro mani piantare in eterno la sua proprietà. Chiama proprietà il terreno che avrebbe avuto in seguito. Questo insinua anche col verbo che adopera, cioè:Preveggente.

10.  Cinta fortemente ai suoi fianchi irrobustisce le sue braccia  56. Veramente forte! Vedi se non sia una serva. Come serve devotamente! quant'è pronta! Per impedire che le concupiscenze carnali con i loro seni pendenti la ostacolino nel lavoro, si cinge i fianchi per non avere nulla di superfluo da pestare quando s'affretta al lavoro. In questo infatti è la castità di questa donna: nello stringersi intorno alla vita con la fascia del comandamento [divino], e così essere sempre pronta ad ogni opera buona. Cinta fortemente ai suoi fianchi irrobustisce le sue braccia, per non venir mai meno. Perché questo? Gustò che darsi al lavoro è cosa buona  57. Dov'è il palato che sia capace di gustare questo? La gente rifugge dal lavoro come da cosa amara. Temendo di gustarlo, non sanno cosa amare. Per compiere l'opera buona occorre la coscienza buona. E cosa c'è di più dolce, o fratelli, di una buona coscienza? Se essa non è buona ma, essendo cattiva, punge, ogni cosa è amara. Gusta dunque! gusta! e vedrai qual dolce sapore abbia. Essa ti farà assaporare una delizia tale che non potrai smettere [di gustarne] finché non abbia terminato tutto.Gustò che darsi al lavoro è cosa buona.

 

 

La lucerna della speranza.

 

11.  La sua lucerna non si spegne per tutta la notte  58. Nessuno accende la lucerna e la pone sotto il moggio  59. Tu, Signore, darai luce alla mia lucerna  60. Sua lucerna è la speranza. Alla luce di lei opera ogni uomo, tutte le volte che compie il bene in vista di una speranza. E questa lucerna arde di notte. Se infatti speriamo cose che non vediamo  61, è notte. Se poi non vediamo e non speriamo, è notte e non brilla la lucerna. Cosa c'è di più infelice di tali tenebre? Per non venir meno nelle tenebre e per attendere con pazienza  62 ciò che, pur senza vedere, speriamo, brilli per tutta la notte la nostra lucerna. In effetti, chi giorno dopo giorno ci annunzia la parola [di Dio], è come se infondesse dell'olio per impedire che la lucerna si spenga.

12.  Stende le sue mani a cose utili  63. Quanto stende codeste sue mani? Dal mare fino al mare, e dal fiume, dove ha cominciato, fino alle estremità della terra  64, dove è pervenuta. Sicché non è detto senza motivo: Stendi[ti] a destra e a sinistra  65. Stende le sue mani,maa cose utili.

 

 

Il fuso e la conocchia.

 

13.  Ha anche rafforzato le sue braccia a [maneggiare]il fuso  66. Il fuso [che nomina] non viene da "infundere" ma è quello strumento usato dai lavoratori di lana che appunto si chiama fuso. Voglio dirvi quanto il Signore mi concede nei riguardi di questo fuso. Simili lavori di lana non sono infrequenti fra gli uomini. Ascoltate cosa significhi:Ha rafforzato te sue braccia a[maneggiare]il fuso.Avrebbe potuto dire: A maneggiare la conocchia; ma ha nominato il fuso e forse non senza un perché. È vero che nel fuso ci si potrebbe vedere rappresentato (e non sarebbe un'interpretazione assurda!) ogni lavoro di lana, e nel lavoro in lana ogni opera buona, come ne suol compiere una donna casta e una matrona laboriosa e diligente; tuttavia, o carissimi, non voglio nascondervi ciò che io vedo in questo fuso. Chiunque vive nella pratica di opere buone all'interno della santa Chiesa, non trascurando i comandamenti di Dio ma mettendoli in pratica, non sa ciò che farà domani, mentre sa quel che ha fatto oggi. Teme per le opere future, gode per le opere passate. E veglia per perseverare nelle opere buone perché non gli succeda che, trascurando il futuro, perda il passato. Sta di fatto che, pregando il Signore, in ogni sua supplica non ha la coscienza sicura per quanto riguarda il futuro ma l'ha nei confronti del passato: è certo di ciò che ha fatto, non di ciò che gli resta da fare. Se riscontrate, insieme con me, che tutto questo è vero, badate ai due attrezzi soliti ad adoperarsi nel lavoro della lana: la conocchia e il fuso. Nella conocchia la lana si avvolge, la si stende a forma di filo e la si fa passare nel fuso perché sia tessuta. Ciò che è avvoltolato nella conocchia è cosa ancora futura, ciò che è raccolto attorno al fuso è cosa già passata. Pertanto, le tue opere sono nel fuso, non nella conocchia. È infatti nella conocchia quel che dovrai compiere, nel fuso quel che hai già compiuto. Osserva quindi se hai qualcosa nel fuso. Lì debbono rafforzarsi le tue braccia. Lì dovrà essere forte la tua coscienza. Lì potrai dire con sicurezza a Dio: Da' [a me], poiché io ho dato [a te]; rimetti perché io ho già rimesso; fa', poiché io ho fatto. Non puoi infatti chiedere il premio se non dopo avere eseguito l'opera, non certo quando la devi eseguire. Qualunque opera tu compia, il tuo animo sia tutto intento al fuso, poiché anche quel che pende dalla conocchia deve passare per il fuso; non ciò che è raccolto attorno al fuso deve ripassare per la conocchia. Osserva dunque le cose che fai, cerca d'avere [sempre qualcosa] nel fuso, procura di rafforzare le tue braccia nel fuso. Ogni cosa si protenda al fuso e questo fuso abbia qualcosa che ti consoli, ti fortifichi, ti dia la fiducia di pregare e di sperare le cose che ti sono promesse.

14.  "Ma che dovrò fare?" - forse mi chiederai- "cosa mi comandi d'avere nel fuso?". Ascolta come prosegue: Apre le sue mani al povero  67. Effettivamente, non ci vergogniamo d'insegnarvi la santa lavorazione della lana. Notate! Se uno ha piena la borsa, pieno il granaio, piena la dispensa, sono, tutte queste, cose che si trovano nella conocchia: debbono passare nel fuso. Notate come essa fili, anzi come neiat, (purché tutti comprendano, non temiamo [le critiche dei] puristi!): Apre le sue mani al povero, porge del suo fruttato all'indigente  68. Le mani al povero, il fruttato all'indigente. C'è un certo povero che cerca le tue mani; c'è un indigente che cerca del tuo fruttato. Colui che da te non vuole se non ciò che soddisfi le sue necessità è un povero che cerca le tue mani. C'è però un altro bisognoso che dice: Come gente che non ha nulla ma possiede tutto  69. Con la tua elargizione non vuole che si soddisfi al suo bisogno - diciamo così -, ma cerca il frutto nell'albero del Signore, che egli ha piantato e innaffiato  70. Ascoltalo come, rivolto a certi individui, affermi parlando di loro: Non che io cerchi il dono, ma esigo il frutto  71.

 

 

Il Signore conosce i suoi.

 

15.  Suo marito quando si reca in qualche posto non si preoccupa delle cose di casa. Non si preoccupa delle cose di casa  72 perché conosce il Signore chi sono i suoi  73. Perché dovrebbe preoccuparsi se è vero che coloro che ha predestinati li ha anche chiamati, coloro che ha chiamati li ha anche giustificati, coloro che ha giustificati li ha anche glorificati? Se Dio è a nostro favore, chi sarà contro di noi?  74. Suo marito non si preoccupa: conosce i suoi e i suoi conoscono lui. Quando si reca in qualche posto  75. Dove si reca se non là donde dovrà venire? Là si reca e quasi si attarda. Molti infatti desiderano già al presente la sua venuta, ma l'esaudimento del loro desiderio viene rinviato finché non si completi il numero dei membri di questa matrona. Altri invece abusano del suo ritardo per [moltiplicare] la loro empietà. Dice il servo cattivo: Il mio padrone tarda  76; e comincia a percuotere i suoi compagni e a ubriacarsi insieme con i malvagi. Verrà il suo padrone nel giorno che [il servo] non sa e nell'ora che non conosce e lo separerà  77. Chi dà ai compagni di servizio il cibo nel tempo debito è l'insieme dei ministri e dei gerarchi  78. Dice: Lo separerà  79. Ha i buoni e ha i cattivi, e separerà i buoni dai cattivi  80. E gli assegnerà la parte insieme con gli ipocriti  81. Non si esaurisce però qui il loro ministero perché lì ci sono anche di quelli che desiderano la sua venuta. Lì, fra mezzo a loro, ci son di quelli di cui si dice: Beato quel servo che, quando verrà il suo padrone, si troverà intento ad agire in questo modo  82. Dunque verrà e lo separerà  83.

16.  Attualmente egli abiterà in qualche posto, ma non è preoccupato di ciò che si fa nella casa. Presso di lei infatti tutti sono vestiti  84. Potrà essere preoccupato della nudità dei servi, quando si reca in qualche posto, se ha una moglie come quella? Sono vestiti e ottimamente. Volete sapere quanto "ottimamente"? Voi tutti che siete stati battezzati in Cristo vi siete rivestiti di Cristo  85. Presso di lei tutti assolutamente sono vestiti. Sono vestiti e i servi cattivi e i servi buoni. I servi buoni sono vestiti in quanto si son rivestiti di Cristo non solamente nel segno sacramentale ma anche nelle opere e negli esempi, seguendo le orme del loro Signore. Gli altri viceversa si son vestiti di lui fino a riceverne il sacramento, obbligati a render conto [al giudice] della loro veste  86. Tuttavia quella donna, quella donna tuttavia non cessa di vestire tutti, in modo che nessuno abbia a lamentarsi o a dire: "Non ho operato bene perché non ero [ben] vestito ". Osservate dunque come dobbiate essere vestiti. Per essere forniti delle nostre vesti compiamo anche le opere.Presso di lei infatti tutti sono vestiti.

 

 

Cristo uomo e Dio.

 

17.  E per suo marito cosa [farà] ? Lei che veste i servi non farà nulla per il suo marito? Doppi mantelli ha fatto per il suo marito. Lavora. Doppi mantelli ha fatto per il suo marito  87. Voi applaudite. Credo che riconosciate quali siano i doppi mantelli che la Chiesa confeziona per il suo sposo Cristo. I mantelli che gli confeziona sono le lodi: le lodi della fede, della confessione e della predicazione. Perché doppie vesti a Cristo? Lodi Dio, lodi l'uomo. Loda doppiamente e loda una volta sola: doppiamente perché egli è uomo e Dio, una volta sola per non essere simulatore. Ecco una non so quale donna presso un certo Fotino, pietra più o meno preziosa ma staccata dal manto di questa donna e divenuta ormai pietra senza valore e gettata lontano, per cui i suoi eretici si chiamano fotiniani. Codesta donna scelse di fare al suo marito un mantello, per così dire, sdoppio. L'uomo non l'accetta, poiché dalla sua sposa (quella che è veramente sua) prende - come troviamo scritto  88 - soltanto mantelli doppi, mentre lui diceva che Cristo è soltanto uomo. Viceversa, ecco sorgere un'altra donna abominevole, che anch'essa vorrebbe tessere un mantello solo al suo marito, mentre in realtà tesse stracci di favole. Dice: Cristo è soltanto Dio, non ha in sé assolutamente nulla dell'uomo. Dicono questo i manichei. I fotiniani che è soltanto uomo, i manichei che è soltanto Dio. I primi non riconoscono nel Signore nulla di divino, questi altri dicono, quasi, che tutto è divino, ma in una maniera così falsa da non salvare nemmeno la realtà umana. Se infatti egli non era uomo, ne segue che non morì, che non fu crocifisso, che non risuscitò. Difatti solo chi era morto poteva risorgere. Pertanto erano false le cicatrici che mostrò al discepolo dubbioso  89: in effetti, dovettero essere false quelle cicatrici, se non furono precedute da vere ferite. Se invece furono precedute da vere ferite, anche la sua carne era vera. E se fu vera la carne, fu vera la morte, vera la croce, vera l'umanità, tutto vero in lui. Lode abbondante dalla tela di quella donna. Viceversa coloro che ebbero timore [d'ammettere] questi mantelli lodevolmente doppi rimasero doppi nella menzogna. Doppi mantelli ha fatto per il suo marito. Veramente mantelli doppi. Confessiamo Dio, confessiamo l'uomo. Loda Dio nell'uomo, loda l'uomo in Dio. Ha tessuto il panno preziosissimo di quella lode: In principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio, e Dio era il Verbo. Egli era in principio presso Dio  90. Ha tessuto anche l'altro mantello, avendo riguardo alla sua dimora quotidiana in mezzo agli uomini: Il Verbo si fece carne e abitò fra noi  91. Doppi mantelli ha fatto per il suo marito.

18.  Di bisso e di porpora i vestiti per sé  92,cioè fecei vestitiancheper sé.Non era infatti conveniente che una tale matrona, sposa di un uomo così nobile, incedesse o nuda o coperta di cenci.Fece con bisso e porpora i vestiti per sé.Col bisso, cioè col candore della confessione; con la porpora, cioè con la gloria dei patimenti. Riconosciamo il suo bisso tutte le volte che preghiamo, la sua porpora l'abbiamo lodata stamane commemorando i martiri.

 

 

Aspettiamo Cristo giudice.

 

19.  Il suo marito apparirà alle porte  93. Colui che dimora da qualche parte, che a motivo della sua saggia consorte non è preoccupato della sua casa, colui che, dimorando in qualche parte, nessuno ora riesce a vedere, apparirà alle porte. Nota quando. Osserva come prosegue: Quando sederà in assemblea insieme con gli anziani del paese  94. Nulla di più evidente. Leggi quell'altra profezia: Verrà al giudizio con gli anziani del suo popolo  95. Apparirà in quell'assemblea, cioè in quel giudizio nel quale con lui faranno da giudici anche i santi, ai quali è stato detto: Sederete sopra dodici troni a giudicare le dodici tribù d'Israele  96. Verrà infatti il Figlio dell'uomo - come ha detto - nella sua gloria e con lui tutti gli angeli  97. Lì ci saranno tutti gli angeli: e gli angeli del cielo e gli angeli annunziatori della parola di Dio. Difatti anche il profeta fu chiamato angelo  98, che vuol dire messaggero. E ancora, di Giovanni fu detto: Ecco io mando il mio angelo dinanzi alla tua presenza  99. E l'Apostolo afferma: Mi avete ricevuto come un angelo di Dio  100. Ebbene Cristo, colui che ora dimora in qualche parte, colui del quale molti dicono: Quando verrà e come verrà?, apparirà nelle porte, cioè svelatamente, manifestamente. Nelle porte apparirà, e alcuni ammetterà dentro, contro altri le chiuderà in faccia. Apparirà nelle porte il suo marito quando sederà nell'assemblea insieme con gli anziani del paese  101. Finché questo non si verifichi, lei per la durata dell'intervallo si dedichi a fare quel che faceva. Lavori! non smetta! Lo aspetti quando apparirà alle porte, non abbia timore della santa adunanza del giudizio divino. Venga con buona coscienza, venga gloriosa, perché sue membra e suoi figli son coloro che insieme con suo marito fungeranno da giudici.

 

 

Compriamoci il pane vivo disceso dal cielo.

 

20.  Fece e vendette le sindoni  102. Buona cosa l'aver tessuto le sindoni. Ma perché venderle, se non perché non cerca il dono esige il frutto  103? Quanto a questa vendita, infatti, ritenetela in primo luogo, fratelli, come una vendita gratuita. E c'è qualcuno che compra gratis? Se una cosa la si porta via gratis, non la si compra. Se la si compra occorre pagare il prezzo; e chi dà un prezzo non si porta via gratis [quello che prende]. Ma allora dove va finire quel detto: Voi che avete sete, andate all'acqua, compratevene senza denaro  104? Quando compri non dài del denaro e tuttavia compri; se compri ma non dài denaro, vuol dire che dài te stesso. Le sindoni riferitele a quei lini - son roba spirituale! - che questa donna fabbrica e predica per tutte le parti della terra. E probabilmente è da dirsi che le venda, poiché diceva l'Apostolo: Se noi abbiamo seminato fra voi cose spirituali, è davvero gran cosa che veniamo a mietere le vostre cose carnali?  105. C'è infatti quel rapporto che intercorre fra il dare e il ricevere, poiché in ogni vendita si trova un rapporto fra il dare e il ricevere  106. Ora l'Apostolo si rattrista contro qualche piazza dove non vendette le sindoni. Dice: Nessuna chiesa mi ha comunicato qualcosa in fatto di dare e di avere  107. Ma colui che così vende non cerca il dono, bensì esige il frutto  108; né lo dovete ritenere una specie di venditore del Vangelo. In effetti, egli è un commerciante che agisce a nome del suo padrone, ma esige un prezzo maggiore. Certamente egli è uno che vende: dà via cose spirituali. E cosa domanda? Forse cose carnali? Anche queste gli son certo dovute, ma l'Apostolo non domandava cose come queste, se poteva dire: Non cerco la roba vostra ma voi  109. Sborsate dunque il prezzo, date voi stessi. Così Giuseppe in Egitto: vendeva il frumento e rendeva servi del re coloro che lo compravano  110. Volendo sopravvivere in quel tempo di fame, ricevevano il grano, ma diventavano servi. Abbiamo noi paura di diventare servi? Guai a noi se non saremo servi di Lui! Cosa ci giova ricusare un tale padrone? Saremo in potere del diavolo, e soffriremo la fame, e non sfuggiremo al dominio del vero padrone. Da' te stesso, comprati la sindone, cioè un abito spirituale. Come anche avviene per un certo pane: prezzo sei tu stesso. E che? Dandoti al piacere, forse che per soddisfare la concupiscenza della carne - poni il caso che voglia pagarti una prostituta - non dài in prezzo te stesso? Ora, cosa fai di grande se ti dài a Dio, se compri il pane vivo disceso dal cielo  111 con quello stesso prezzo che sei tu stesso? In realtà il compenso per una prostituta è uguale a quello di un pane.Fece e vendette le sindoni.

21.  E le cinture per i cananei  112. Fece le cinture per i cananei. Se ne cingano, lavorino, vengano, siano servi in questa casa perché tutti siano vestiti e sfamati. Fece le cinture, certo per lavorare, poiché anch'essa nell'attendere al suo lavoro si cinse strettamente i fianchi  113. Chi sono i cananei? Genti straniere confinanti col popolo d'Israele. Voi infatti che un tempo eravate lontani, siete diventati vicini per il sangue di Cristo  114. Voi che un tempo eravate estranei ai testamenti e non avevate la speranza della promessa, ed eravate senza Dio in questo mondo  115, ora siete concittadini dei santi e familiari di Dio  116. Ricevute le cinture, lavorate nella casa del Signore, divenuti membri della famiglia di Dio, da cananei che eravate, membri cioè di quel popolo cui apparteneva quella donna di cui si è letto or ora nel Vangelo  117. Era cananea; non osava accostarsi alla mensa dei figli ma, considerandosi cane, andava in cerca delle briciole. Vedi come si sia cinta per andare al lavoro. Sua cintura era la fede, e questa loda il Signore. O donna, grande è la tua fede!  118.

22.  Vediamo il resto. Si è rivestita di fortezza e di beltà  119. Di beltà, come di bisso; di fortezza, come di porpora. Essendo forte, per questa fortezza nel suo patire si colorò di sangue. E si è rallegrata negli ultimi giorni  120.Negli ultimi giorni si è rallegrata.Vuol dire che qui era stata a lungo tribolata. Come infatti avrebbe potuto avere vesti di porpora, se le fosse mancata la tribolazione?.

 

 

Dare a ciascuno il suo.

 

23.  Ha aperto con attenzione la sua bocca  121. Noi siamo parte di quella donna, noi la lodiamo, ci stringiamo a lei; con lei e in lei attendiamo il suo sposo. Ebbene, ci conceda il Signore di aprire, anche noi, con attenzione la nostra bocca. Non a vanvera ma con attenzione, con circospezione, con sollecitudine. Diceva l'Apostolo: Io sono stato fra voi con molto timore e molta trepidazione  122. Quasi volesse dire: Ho aperto la mia bocca con attenzione. La nostra bocca è aperta a voi, o corinzi  123. Ha aperto con attenzione la sua bocca; e ha imposto un ordine alla sua lingua  124. Vuol lodare la creatura come creatura, il Creatore come creatore, gli angeli come angeli, gli esseri celesti come esseri celesti, gli esseri terrestri come terrestri, gli uomini come uomini, gli animali come animali. Nulla di spostato, nulla di disordinato. Non vuole usare invano il nome del Signore suo Dio  125, non vuol pensare essere nel Creatore la sostanza della creatura. Parlando di tutto in una maniera così ordinata, non vuol preporre le cose inferiori a quelle più nobili, né deprimere le cose più nobili al di sotto di quelle inferiori. Ha imposto un ordine alla sua lingua  126. Niente c'è di più bello di quest'ordine. Per cui essa stessa dice: Ponete ordine alla mia carità. Non agite disordinatamente; non turbate né confondete le cose che Dio ha ordinate. Ponete ordine alla mia carità  127. Amate me come debbo essere amata io; amate Dio come dev'essere amato Dio: in modo che non abbiate ad offendere Dio per causa mia, né offendiate me per qualsiasi altro oggetto diverso da me. Ponete ordine alta mia carità. Beata la figlia di lei, che si trovava in quest'ordine, colei - dico - di cui oggi fra tutti gli altri celebriamo il martirio e di cui poc'anzi ascoltavamo la confessione. Ponendo ordine alla sua lingua, diceva: L'onore a Cesare, come si deve a Cesare, ma il timore [lo rendo] a Dio. Sì, veramente, ha aperto con attenzione la sua bocca, e ha imposto un ordine alla sua lingua  128.

24.  Severi discorsi nelle sue case  129. Severi, forti, stringati. Non c'è modo di diffondersi; lei non ama la fiacchezza rammollita. Non mangia cibi, frutto di pigrizia  130. Perciò ha acquistato tanto.

 

 

Le vere e le false ricchezze.

 

25.  Essa dunque è quaggiù laboriosa, vigilante e sollecita; castiga severamente i suoi domestici; si alza di notte; bada alla lucerna, che non si spenga; è forte nelle tribolazioni, è paziente per non aver ancora conseguito le promesse; usando il fuso irrobustisce le sue braccia; non mangia il pane frutto di pigrizia. Ma dopo tutti questi stenti, che sembrerebbero denotare povertà e scarsezza a livello mondano, negli ultimi giorni si allieterà. Come? Volete udire come? Ascoltate qual sia la speranza per la quale tutta la notte arde la nostra lucerna. Ascoltatelo adesso. Si levarono i suoi figli e si arricchirono  131. Ora viviamo nella povertà, vegliamo nella povertà, e quando moriamo, ci addormentiamo nella povertà. Ma risorgeremo e saremo arricchiti. Allora saranno arricchiti i suoi figli. Si levarono i suoi figli e si arricchirono. Confronta [con queste ricchezze] tutte le ricchezze di questa terra, soggette ai ladri e alle tignole  132. E vorresti vantarti! Ma di che cosa? Sei fragile, e per questo ti occorrono molte cose. Hai bisogno di vesti pesanti, perché non sei capace di sopportare il freddo; devi servirti di cavalcature perché non sei in grado di camminare a piedi. Tutte queste cose sono sostegni per la fragilità, non insegne di potere. Quali sono invece le altre ricchezze, quelle proprie degli angeli? Hanno un'unica veste: la luce. Non si logora mai, non si sporca mai. Vere ricchezze son là dove non c'è alcuna scarsità, nessuna indigenza. Ebbene, perché cerchi cose come queste adesso, prima d'alzarti? Se sei figlio di questa donna, osserva con attenzione qual sia il tempo per il quale ti vengono promesse.Si levarono i suoi figli e si arricchirono.Prepàrati a ricevere le ricchezze della resurrezione. Non amare le ricchezze presenti, per meritarti di conseguire queste altre.Si levarono i suoi figli e si arricchirono.

26.  Eil suo maritola lodò  133. Siamo noi a lodarla ma non con nostre risorse. Il suo, marito, lui personalmente, la lodò. Quando si levarono i suoi figli si arricchirono, allora egli rivolse a lei l'attenzione, la mirò e la lodò. Chi non vorrà udire come l'abbia lodata? Se con tanta gioia avete ascoltato quando veniva lodata da noi, con quali sentimenti udremmo - se ci fosse possibile udirlo - come la lodi il suo marito. La lodò nella resurrezione. Quando risorgeremo udremo. O che anche adesso non taccia la sua lode? Qui è la sua lode; ecco, segue subito. Ascoltiamola, per vivere nella lode e, insieme con codesta lode umana, ascoltiamo come l'abbia lodata il suo marito, vedendola ormai fra tanta beatitudine di figli, ricchi: nella resurrezione dei morti.

 

 

Anche le eresie posseggono beni di grazia.

 

27.  Dice: Molte figlie operarono cose potenti  134. Sono le lodi che le tributa il suo marito. Molte figlie operarono cose potenti. Chi sono le figlie alle quali costei viene paragonata? Ma il paragone non si fa: Molte figlie operarono cose potenti, ma tu le superasti  135. Statemi attenti, vi prego. Siamo ormai alla fine della lezione, e io temo di trovarvi stanchi proprio ora che soprattutto vi esigerei attenti. Ascoltiamo le sue lodi. Molte figlie operarono cose potenti, ma tu le superasti e ti ponesti al di sopra di tutte  136. Dice: Tu le superasti tutte, tu ti ponesti al di sopra di tutte. Chi sono le altre figlie che operarono anch'esse cose potenti ma furono superate da costei che si pose al di sopra di tutte? Ovvero, quali cose potenti operarono? ovvero, per quale motivo costei le ha superate? Ci sono in effetti delle figlie cattive, e queste sono le eresie. Perché figlie? Perché anch'esse nate da costei. Ma figlie cattive, figlie che non le somigliano per i costumi, sebbene abbiano simili i sacramenti. Anche loro infatti hanno i nostri sacramenti, hanno le nostre Scritture, hanno l'Amen e l'Alleluia come noi; parecchie hanno il nostro simbolo, molte hanno il nostro battesimo. Per questo figlie. Ma volete sapere cosa sia stato detto alla nostra matrona in un passo del Cantico dei cantici? Come il giglio fra le spine, così l'amica mia in mezzo alle figlie  137. Detto stupendo! Le chiama e spine e figlie. E tali spine operano cose potenti? Certo che le operano. Non vedete come anche nelle eresie si preghi, si digiuni, si distribuiscano elemosine, si lodi Cristo? Potrei aggiungere che lì ci sono i falsi profeti dei quali fu detto: Faranno molti segni e prodigi, sì da trarre in inganno, se fosse possibile, anche gli eletti. Ecco ve l'ho predetto  138. Operano cose potenti anche le spine: quelle cose potenti di cui sta scritto: Forse che nel tuo nome non abbiamo mangiato e bevuto, e nel tuo nome non abbiamo compiuto molti miracoli?  139Abbiamo mangiato e bevuto,non lo direbbe di qualsiasi cibo. Sapete di qual cibo e bevanda ha potuto dirlo.Eabbiamo compiuto molti miracoli.Operano cose potenti molte figlie, non lo neghiamo. Anche le spine recano il fiore, sebbene non rechino il frutto. Quanto invece a costei, a cui è detto:Ma tu le superasti e ti ponesti al di sopra di tutte,in che modo le ha superate se non perché produce non soltanto il fiore ma anche il frutto?.

 

 

I frutti dello Spirito e le opere della carità.

 

28.  Qual frutto produce? in che cosa [le] ha superate? Mi si dica! Voglio mostrarvi- dice - una via ancora più elevata  140. Qual è questa via elevata su tutte, per la quale costei tutte le ha superate e si è posta al di sopra di tutte? Se parlassi le lingue degli uomini e degli angeli, ma non avessi la carità, sarei un bronzo risonante, un cembalo squillante  141... Parla le lingue: rientra in quella potenza che ho chiamato "del fiore". Se conoscessi tutti i misteri e tutto lo scibile e avessi tutta la profezia e tutta la fede, sì da trasportare i monti - quanta potenza - ma non avessi la carità, sarei un nulla  142. Ascolta ancora dei tratti di potenza pertinenti all'ambito del fiore, non del frutto. Se distribuissi tutti i miei beni ai poveri e dessi alle tarme il mio corpo, ma non avessi la carità, non mi gioverebbe a nulla  143. Costei ha quella via elevata al di sopra delle altre, ed è per essa che le si dice: Molte figlie operano cose potenti. Molte parlarono lingue, conobbero tutti i misteri, compirono molti prodigi, scacciarono i demoni, distribuirono ai poveri i loro beni, diedero alle fiamme il loro corpo. Sono tutte più in basso di te, in quanto non ebbero la carità. Ma tu le superasti e ti ponesti al di sopra di tutte, essendo generatrice non solo di fiori ma anche di frutti, essendo ricolma di frutti. Osserva da dove cominci il grappolo. Enumera all'inizio le opere della carne: le fornicazioni, le impurità, la lussuria, l'idolatria, la magia, le inimicizie, le discordie, le gelosie, le ire, le risse, le eresie, le invidie, le crapule, le ubriachezze, e cose a queste somiglianti, a proposito delle quali vi predico, come vi ho già predetto, che chi fa di queste cose non possederà il regno di Dio  144. Enumerate tutte le spine che saranno gettate nel fuoco, dice: Viceversa, i frutti dello spirito sono la carità  145, e a questo principio, a questa radice - chiamiamola così - si ricollegano tutti gli altri: la gioia, la pace, la pazienza, la benignità, la bontà, la fedeltà, la mansuetudine, la continenza  146. Perché è bello questo grappolo? Perché pende dalla carità.Molte figlie operarono cose potenti; tu però le superasti e ti ponesti al di sopra di tutte.

 

 

Opere di misericordia e giudizio finale.

 

29.   In loro cosa rimase? Falsi sono i vezzi e vana è la bellezza della donna  147. Perché falsi i vezzi e vana la bellezza? Perché, se non ho la carità sono come un bronzo risonante e un cembalo squillante, non son nulla, non mi giova a nulla  148. Dunque falsi sono i vezzi e vana la bellezza della donna. Ad essere benedetta infatti è la donna saggia  149. Costei, che ha cercato cosa capire, che ha custodito le cose comprese, che è saggia, costei sarà benedetta; non la falsa bellezza delle altre, non la vacua avvenenza. La donna saggia sarà benedetta; lei canti in coro la lode del timore del Signore  150. Colei che è benedetta canti la lode di qualcosa per cui la si benedice in quanto è sapiente. Cosa loderà? Il timore del Signore, dal quale è stata condotta fino alla sapienza. Difatti, inizio della sapienza è il timore del Signore  151; e lei canti la lode del timore del Signore. Operosa per tante notti, paziente fra tanti scandali, preveggente nell'orientarsi, forte nella tolleranza, costante nella perseveranza, una volta terminate le fatiche, datele i frutti delle sue mani  152. Ha operato e molto: è degna di ricevere [i frutti del suo lavoro]. Datele i frutti delle sue mani. Cosa le darete? Venite, benedetti del Padre mio  153. Datele i frutti delle sue mani  154. Cosa le darete? Ricevete il regno che vi è stato preparato fin dall'origine del mondo  155. Ecco che cosa le darete. E quali saranno i frutti delle sue mani? Ebbi fame e mi deste da mangiare  156.Datele i frutti delle sue mani.

 

 

La vita dei beati nel cielo.

 

30.  Ma poi quando saranno terminate le sue fatiche, quale sarà la sua occupazione? E si lodi presso le porte il suo marito  157. Egli sarà il porto dove termineranno le nostre fatiche: vedremo Dio e loderemo Dio. Allora non ci si dirà più: alzati, lavora, vesti i servi, vesti te stessa, ornati di porpora, distribuisci il cibo alla servitù, sta attenta a che la lucerna non si spenga, sii desta, alzati di notte, apri la mano al povero, dalla conocchia attorciglia nei fusi [il filo]. Non ci saranno più le opere imposte dalla necessità là dove non ci sarà necessità alcuna. Non ci saranno le opere di misericordia poiché non ci sarà alcuna miseria. Non dovrai spezzare il pane al povero là dove nessuno è mendicante. Non dovrai ospitare il pellegrino là dove tutti vivono nella loro patria. Non dovrai visitare il malato là dove tutti sono eternamente sani. Non dovrai vestire il nudo là dove tutti sono rivestiti di eterna luce. Non dovrai seppellire i morti là dove tutti vivranno senza fine. Eppure, sebbene tu non abbia ad occuparti di queste cose, non starai senza far niente. Vedrai infatti colui che per lungo tempo hai desiderato e lo loderai senza interruzione. Questo il frutto che riceverai. Allora si realizzerà quell'unica cosa che chiedesti. Una cosa ho chiesto al Signore, questa sola gli domanderò: abitare nella casa del Signore tutti i giorni della mia vita. E in quella casa che cosa farai? Per contemplare le delizie del Signore  158. E si lodi presso le porte il suo marito. Beati coloro che abitano nella tua casa: ti loderanno nei secoli dei secoli  159.

 

 

http://www.augustinus.it/index2.htm