Don Luigi Bosio
Fine Menù
Feria IV dopo la Dom. II di ...

 

  • File allegato
  • Stampa
Feria IV dopo la Dom. II di Quaresima. «Statio ad S. Mariam in itinere». Liturgia festiva della Cattedra di S. Pietro: di II Classe

De substantia aeternitatis.

Magna cogitatio!

«Dio non deve nulla a nessuno. Deve tutto a Se stesso».

»Tu non mi puoi vedere quando passo, ma quando sono già passato».

«Tutte le cose dicono il nome di Dio; o piuttosto è Dio, che attraverso di loro dice il suo nome».

Ascendens Jerosolimam assumpsit discipulos secreto.

Secretum aeternitatis.

La Liturgia è il sentore, il sapore dell'eternità.

I profeti dell'aurora: voi pellegrini mattutini e umili penitenti.

Aurora aeternitatis.

Il mattino eterno.

In questa separazione dal tempo, in questo distacco dal mondo spira una brezza, un'aura d'eternità.

Ogni segno diventa Parola; ogni Parola diventa visione.

«Tutto il nostro essere è carico d'infinito, e noi lo portiamo con cuore così leggero!».

«Viviamo un tempo senza eternità».

Adversus chronolatriam  (Cronocrazia-Tecnocrazia).

L'esperienza di Agostino.

Multum laboravi quaerens Te extra me.

Tu intus eras, et ego foris.

Mecum eras, et tecum non eram.

Gratias Tibi, Lux mea, quoniam illuminasti me:

et inveni Te et me.

 

*     *     *

 

Divina Eucharestia, alimentum aeternitatis:

Postcommunionem Missae: Sumptis sacramentis…

ad redemptionis aeternae proficiamus

augmentum.

 

 

Don Luigi Bosio, Feria IV dopo la Dom. II di Quaresima. «Statio ad S. Mariam in itinere». 22 Febbraio 1967. Liturgia festiva della Cattedra di S. Pietro: di II Classe, «Jerusalem Nova», Febbraio - Marzo 1967, Anno XVIII, N. 18-2 (179-2).